rotate-mobile
Giovedì, 23 Maggio 2024
Economia

Brexit, parla Visco: "Banche centrali pronte a intervenire, l'Italia non rischia"

Le rassicurazioni del governatore di Bankitalia a pochi giorni dal referendum: "L'aumento degli spread di questi giorni è dovuto alla riduzione sui tassi d'interesse in Germania, mentre il prezzo del debito italiano è rimasto più o meno invariato"

ROMA - Le banche centrali sono pronte a intervenire in caso di Brexit. Parola di Ignazio Visco. "Un voto della Gran Bretagna a favore dell'uscita dall'Ue è il rischio che ci preoccupa di più al momento. Ne stiamo già vedendo gli effetti sul mercato delle valute e delle obbligazioni", ha detto il governatore della Banca d'Italia a "Repubblica".

"Se ci fosse un'uscita ci sarebbe un lungo processo di negoziazione, che avrebbe sicuramente conseguenze finanziarie, anche se è difficile prevedere quanto grandi. Teniamo d'occhio questo rischio giorno per giorno e tutte le banche centrali, non solo la Banca centrale europea, sono pronte a intervenire con gli strumenti convenzionali che hanno: i tassi d'interesse, i repo, gli swap".

Il governatore non vede rischi particolari per l'Italia in caso di Brexit: "l'aumento degli spread di questi giorni - osserva - è dovuto alla riduzione sui tassi d'interesse in Germania, mentre il prezzo del debito italiano è rimasto più o meno invariato. Il rischio di Brexit è quello di una volatilità generalizzata sui mercati. Le azioni delle banche riflettono preoccupazioni circa i crediti deteriorati, di cui ci occupiamo con attenzione. Inoltre, in queste occasioni il mercato tende a esagerare con le sue prime reazioni".

La Brexit spaventa la Ue


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Brexit, parla Visco: "Banche centrali pronte a intervenire, l'Italia non rischia"

Today è in caricamento