Salario minimo, altro buco nell'acqua: "torna" la soglia dei 9 euro

Il ministro Catalfo ha riproposto il salario minimo a 9 euro, ipotesi che fino alla settimana scorsa sembrava essere stata scartata. Ne beneficerebbero quasi 3 milioni di lavoratori, ma l'idea non convince tutti

Foto di repertorio

Un passo in avanti e due indietro. Il dibattito sul salario minimo continua a portare tensione all'interno della maggioranza: l'accordo, che soltanto qualche giorno fa sembrava “vicinissimo”, non è arrivato nell'incontro avvenuto ministero del Lavoro giovedì 20 febbraio. Anzi, il tavolo per trovare questa difficile intesa tra M5S, Pd, Leu e IV, per poi presentare un possibile Ddl alle parti sociali, è stato rimandato, con tutta probabilità, a lunedì 24 febbraio. 

Salario minimo, torna la soglia dei 9 euro

Al centro della contesa c'è la soglia di riferimento (ma non solo quella) da cui far partire il salario minimo orario. Fino a qualche giorno fa sembrava certo l'accordo che avrebbe previsto una revisione dei vari contratti nazionali, ma senza un “minimo fisso”. Invece nell'incontro di ieri il ministro del Lavoro, Nunzia Catalfo, è tornata a riproporre quei 9 euro lordi che venerdì scorso , nel primo round di maggioranza, erano stati tolti dal tavolo per favorire un dialogo e sostituiti dalla previsione di un trattamento minimo non inferiore al 70% della mediana delle retribuzioni previste dai contratti collettivi principali. Per il M5s si dovrebbe infatti tornare a calcolare la soglia con un valore fisso in euro: l'unica che potrebbe assicurare un intervento equo.

La proposta che infatti Catalfo avrebbe presentato al tavolo considera come 'retribuzione complessiva sufficiente', il trattamento economico minimo orario definito dal contratto collettivo nazionale in vigore, stipulato dalle associazioni dei datori di lavoro maggiormente rappresentative sul piano nazionale, non inferiore ai 9 euro lordi. 

Salario minimo, maggioranza divisa

Ma se il ministro Catalfo e il Movimento 5 stelle propendono per la soglia dei 9 euro, Italia Viva di Matteo Renzi è dell'opinione opposta, con qualche perplessità che è arrivata anche dai banchi di Liberi e Uguali, come confermato dalle parole di Guglielmo Epifani: ''Lo schema che ci ha proposto la ministra non mi convince, dobbiamo salvaguardare il ruolo delle parti sociali''. In tutto questo caos il Pd cerca di agire da mediatore, alla ricerca di una soluzione condivisa da tutti e che metta d'accordo tutte le parti in gioco. Un “happy ending” che, ad oggi, non sembra così vicino.

Salario minimo, cosa cambia con la soglia dei 9 euro

Sia la soglia minima dei 9 euro che la proposta alternativa avevano trovato pareri favorevoli e contrari, ma cosa cambierebbe se venisse introdotta una paga minima oraria di 9 euro?  Stando agli ultimi dati dell'Istat, a beneficiare di questo provvedimento sarebbero 2,9 milioni di lavoratori, con un beneficio medio annuo che oscillerebbe tra i 1.000 e i 1.073 euro pro-capite. L'aumento spetterebbe soprattutto a donne e giovani, in particolare nel Mezzogiorno e nei settori dell’artigianato e dei servizi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ma se la soglia dei 9 euro farebbe felici quasi 3 milioni di lavoratori, non tutti i “personaggi” in gioco sono d'accordo. Secondo i 5 stelle soltanto avere una soglia minima permetterebbe di intervenire in maniera equa, ma i sindacati temono che che l'introduzione di un salario minimo potrebbe indebolire il loro ruolo, nonostante un provvedimento simile non sia sostitutivo della contrattazione. E se le sigle non sono convinte, le imprese sono in totale disaccordo. Secondo le stime dell’Istat depositate in Parlamento, il costo del lavoro per le imprese salirebbe di 4,3 miliardi di euro l’anno: una spesa considerata insostenibile dagli imprenditori italiani. L'interlocuzione nella maggioranza va comunque avanti nella ricerca di una soluzione condivisa, con qualche novità che dovrebbe arrivare dall'incontro di lunedì 24 febbraio. Dopo il "nulla di fatto" del primo incontro ed il "buco nell'acqua" del secondo, la speranza è che la terza volta sia quella buona.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • SuperEnalotto, vinti 59 milioni di euro nell'estrazione di oggi martedì 7 luglio 2020

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di sabato 4 luglio 2020

  • Alena Seredova: "Buffon mi ha fatto gli auguri per la nascita di Vivienne"

  • Mangiano e scappano senza pagare: ma la figuraccia di quattro amici è "epocale"

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di giovedì 2 luglio 2020

  • Rientra in Italia senza fare quarantena e dà una festa: esplode focolaio di coronavirus

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Today è in caricamento