rotate-mobile
Domenica, 16 Gennaio 2022
Economia Taranto

Ilva, sciopero di quattro ore a Taranto contro gli esuberi

La mobilitazione avviene in concomitanza con il nuovo vertice al Mise, convocato per discutere dei piani industriali

Il Consiglio di fabbrica dell'Ilva di Taranto ha proclamato uno sciopero per le ultime quattro ore del primo turno di oggi, con presidio sotto la portineria della direzione. La mobilitazione avviene in concomitanza con il nuovo vertice al Mise per discutere dei piani industriali presentati dalle due cordate interessate a rilevare l'azienda, che prevedono migliaia di esuberi. In una nota, i sindacati "respingono con forza i numeri degli esuberi presentati da entrambe le cordate nei loro piani che risultano così non negoziabili" e si dichiarano "indisponibili a negoziare sui piani industriali presentati, che vanno riscritti garantendo salute, ambiente, occupazione e salari".

Fim, Fiom, Uilm e Usb ribadiscono "la necessità di costruire una piattaforma rivendicativa che preveda il coinvolgimento della città". "Ambiente, salute e lavoro sono - si legge ancora - imprescindibili per il rilancio di Ilva e della provincia ionica già fortemente in crisi". Fonti del ministero dello Sviluppo economico assicurano però che "nessun lavoratore" dell'Ilva "sarà licenziato e/o lasciato privo di protezione" e "tutti i lavoratori non assunti dall'acquirente rimarranno in capo all'amministrazione straordinaria per la durata del programma e potranno essere impiegati nelle attività di decontaminazione eseguite dalla procedura". Le fonti precisano anche che i numeri dei tagli previsti nell'offerta presentata da Am Investco sono "suscettibili di miglioramento, per espressa dichiarazione di disponibilità dell'offerente".

Ilva, la rabbia di Taranto

In riferimento alle interpretazioni relative alle proposte di acquisto di Ilva, le stesse fonti sottolineano che "la produzione di Ilva è limitata per i prossimi anni a 6 milioni di tonnellate, fino al completamento del piano ambientale. Tale limite costituisce una prescrizione del Ministero dell'Ambiente per garantire il rispetto degli standard emissivi". Oggi l'organico delle società Ilva oggetto del trasferimento è composto da 14.220 lavoratori ad oggi effettivi di cui circa 2.400 in cassa integrazione.

Ilva, operai in protesta

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ilva, sciopero di quattro ore a Taranto contro gli esuberi

Today è in caricamento