Martedì, 16 Luglio 2024
Braccia incrociate

Sciopero dei mezzi pubblici per tutta la settimana

Sette giorni di fuoco con diverse proteste da Nord a Sud. A Milano il personale Atm si ferma dal 5 all'11 giugno, braccia incrociate anche a Bari, Pordenone, Crotone, Torino e in Sicilia

Sarà una settimana nera per pendolari e le persone che si spostano con i trasporti pubblici. Da Milano in giù, saranno diverse le proteste che metteranno a rischio la regolare circolazione di metro, bus e tram in diverse città italiane. La più importante riguarda appunto il capoluogo lombardo, dove sciopero del lavoro straordinario indetto dai sindacati riguarderà tutti i mezzi Atm, da lunedì 5 a domenica 11 giugno.

Milano, sciopero Atm di una settimana

I maggiori disagi saranno per i cittadini di Milano e provincia, che dovranno fare i conti con lo sciopero Atm di una settimana, da lunedì 5 a domenica 11 giugno. I sindacati Cub Trasporti, Cobas lavoro privato, Adl Cobas e Sgb, hanno proclamato uno sciopero nazionale del lavoro straordinario. I lavoratori del Gruppo Atm potranno astenersi dal lavoro solo durante gli eventuali turni straordinari, ha fatto sapere l'azienda. A Milano, il servizio delle linee metropolitane e di superficie è sempre garantito tutti i giorni, con possibili maggiori attese alle fermate tra le 8:45 e le 15 e dopo le 18. A Como, il servizio della funicolare (gestito da Atm) è sempre garantito, con possibili maggiori attese tra le 8:30 e le 16:30 e dopo le 19:30.

Lo sciopero è stato proclamato "per la riduzione dell’orario di lavoro da 39 a 35 ore settimanali a parità di salario, per la riduzione del periodo di guida e del nastro lavorativo per gli autisti; per l’adeguamento delle tutele sulla sicurezza e salute nei luoghi di lavoro, nonché per gli utenti del servizio trasporto pubblico locale; per il blocco delle privatizzazioni e delle relative gare di appalto per il trasporto pubblico locale".

Le proteste del 5 giugno in Sicilia

Come anticipato a inizio articolo, la settimana sarà ricca di scioperi anche in altre città italiane. A Palermo, per la giornata di lunedì 5 giugno, le segreterie regionali Cisl e Faisa-Cisal, hanno proclamato uno sciopero di 4 ore dalle 9:30 alle 13:30 per Segesta Autonlinee. Mentre per quanto riguarda Sicilbus Palermo, la protesta sarà dalle 5 alle 6, dalle 9 alle 13.30 e dalle 16.30 a mezzanotte. Proteste anche nelle province di Enna e Catania, dove Fit-Cisl e Faisa-Cisal hanno indetto uno sciopero di 24 ore che coinvolgerà il personale di Etna Trasporti Catania e Interbus Enna. Saranno pertanto garantiti, ove possibile, i servizi minimi essenziali dalle ore 6:00 alle ore 9:00 e dalle ore 13:30 alle ore 16:30.

Il 6 giugno scioperi a Bari, Pordenone e Crotone

Saranno tre le città interessate dalle proteste di martedì 6 giugno. Lo sciopero del personale STP Bari è stato indetto dalla segreteria provinciale Ugl Autoferro: il servizio sarà garantito soltanto nelle fasce orarie dalle 5:30 alle 8:30 e dalle 12:30 alle 15:30. Braccia incrociate e disagi per i trasporti pubblici anche a Pordenone, dove Filt-Cgil, Fit-Cisl e Faisa Cisal hanno proclamato uno sciopero di 24 ore: per il servizio urbano saranno garantiti esclusivamente i collegamenti previsti nelle fasce di garanzia dalle ore 6:00 alle ore 9:00 e dalle ore 12:30 alle ore 15:30, mentre per il servizio extraurbano saranno garantiti esclusivamente i collegamenti previsti nelle fasce di garanzia dalle ore 6:00 alle ore 8:30 e dalle ore 12:30 alle ore 16:00. Martedì 6 giugno protesta anche a Crotone, dove le sigle Filt-Cgil, Faisa-Cisal e Ulitrasporti hanno indetto no sciopero di 24 ore che riguarderà il personale di Autolinee Romano Crotone: i servizi saranno garantiti soltanto nelle fasce orarie dalle ore 5 alle ore 8 e dalle ore 18 alle ore 21.

Sciopero dei trasporti anche mercoledì 7 giugno

Nella giornata di mercoledì 7 giugno le proteste si sposteranno a Torino, dove è previsto uno sciopero di 4 ore per tutto il personale GTT, proclamato dai sindacati Faisa-Cisal, Fast-Confsal e Usb. L'agitazione si svolgerà secondo le seguenti modalità: 

  • Servizio urbano-suburbano, metropolitana, linea bus “SF2” sostitutiva ferrovia Torino-Venaria: dalle 18 alle 22
  • Servizio extraurbano e servizio ferroviario (SfmA Venaria-Aeroporto-Ceres): dalle 10 alle 14
  • Servizio ferroviario (Sfm1 Rivarolo-Chieri): dalle 14 alle 18
  • Centri di servizi al cliente: dalle 18 a fine turno

Ventiquattro ore di sciopero anche per i mezzi pubblici nelle province di Terni e Perugia. Il personale viaggiante dei servizi autobus urbani ed extraurbani della Provincia di Perugia, Provincia di Terni, Navigazione Lago Trasimeno, Minimetrò di Perugia, Mobilità alternativa di Spoleto (percorsi meccanizzati dei parcheggi Spoletosfera e Ponzianina-Rocca e Posterna) e Funicolare di Orvieto, garantirà in ogni caso i servizi minimi con la salvaguardia delle seguenti fasce orarie:

  • Dalle 6 alle 9 e dalle 12 alle 15 (Perugia, Trasimeno, Spoleto);
  • Dalle 6:30 alle 9:30 e dalle 12:30 alle 15:30 (Terni, Orvieto).
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sciopero dei mezzi pubblici per tutta la settimana
Today è in caricamento