Prelievi bancomat e pensioni a rischio l'1 e 2 agosto: possibili disagi

L'1 e 2 agosto, a causa dello sciopero dei dipendenti del trasporto valori, potrebbero esserci disagi sia per quanto riguarda i prelievi alle casse veloci che per l'erogazione dell'assegno pensionistico, previsto per il primo giorno del mese

Foto di repertorio

A causa dello sciopero dei portavalori, previsto per domani 1 agosto e venerdì 2 agosto, c'è il pericolo che i bancomat rimangano senza contanti, lasciando gli italiani senza soldi. La protesta indetta dai sindacati di categoria Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl e Uiltucs potrebbe avere delle ripercussioni anche sugli accrediti delle pensioni, previsti come di consueto per il primo giorno 'bancabile' di ogni mese.

A tal proposito la banca Intesa San Paolo ha inviato una mail a tutti i suoi clienti avvertendo che, nei giorni 1 e 2 agosto "il prelievo di contanti alle Casse veloci automatiche e in filiale potrebbe non essere disponibile". L’istituto di credito ricorda che per prelevare è possibile rivolgersi anche alle tabaccherie convenzionate Banca 5 abilitate al servizio.

Prelievi bancomat e pensioni a rischio l'1 e 2 agosto: i motivi dello sciopero

Ma per quale motivo stanno scioperando i dipendenti del trasporto valori? La protesta indetta dai sindacati arriva per sollecitare un avanzamento dei negoziati sul rinnovo del contratto nazionale di settore, scaduto nel 2015. Incroceranno le braccia i 70mila addetti della vigilanza privata e dei servizi fiduciari, mentre è stata posticipata al 6 settembre l'agitazione degli addetti alla vigilanza dei siti aeroportuali.

"Il negoziato avviato ormai da più di 3 anni - spiega la Fisascat Cisl - non ha ancora sciolto i nodi in ordine a incremento salariale, cambio di appalto, bilateralità, contrattazione di secondo livello, classificazione del personale e salute e sicurezza, temi sui quali i sindacati hanno presentato una concreta proposta di riforma. Ulteriori distanze si sono registrate negli ultimi incontri sul tema dell’orario di lavoro. I sindacati hanno respinto fermamente le proposte articolate dalle imprese volte per lo più alla definizione di un sistema orario flessibile, privo di regole, ad appannaggio esclusivo imprenditoriale".

''Italiani ostaggio del contante''

In vista dello sciopero di giovedì e venerdì (1-2 agosto) degli istituti di vigilanza privata, dalle banche, interessate dall'agitazione per il trasporto dei valori, arriva l’allerta sulla possibile scarsità di prelievo di contanti in quei giorni. Ma, avverte Francesco Luongo, presidente di Consumers For Digital Payments, C4DiP, la coalizione di associazioni di consumatori formata da Movimento Difesa del Cittadino, Asso-consum e U.Di.Con, “uno sciopero del genere in Paesi come l’Inghilterra, la Svezia o la Danimarca non creerebbe né scalpore né disagio".

"In Italia, invece, l’eventualità di non poter prelevare contanti dalla casse veloci o in filiale genera allarmismo perché siamo ancora ostaggio del contante. Nell’era della moneta elettronica un semplice sciopero della vigilanza bancaria rischia di mettere in ginocchio il Paese costringendo milioni di consumatori all’ennesima fila al bancomat".

“Di fronte a questa notizia - prosegue Luongo - mi capita di sentire commenti come 'allora andremo a prelevare il giorno prima' come se la mancanza di contante precludesse i nostri acquisti quotidiani. La strada per togliere questa abitudine consolidata ai consumatori è lunga, e questo perché ancora molti cittadini non riescono a comprendere i vantaggi dei pagamenti digitali nei confronti del contante, comodità, sicurezza e tracciabilità in primis".

Lo studio Bce: contanti usati nel 85,9% dei casi

A proposito di abitudini, un’indagine diffusa nella prima metà dell’anno dalla Bce, integrata da Banca Italia, rivela che nel nostro Paese le banconote e monete sono usate nell’85,9% dei casi, mentre alle carte è riservato solo il 12,9% delle transazioni. Questo dato, oltre a mostrare quanto i consumatori preferiscano il contante alla moneta digitale, spiega l’agitazione dei cittadini italiani di fronte alla possibile difficoltà nel poter prelevare agli Atm l’1 e il 2 agosto.

“Nel 2017 - ricorda Francesco Luongo - i pagamenti digitali in Italia sono cresciuti di oltre il 10%, raggiungendo i 220 miliardi di euro di transazioni. Sebbene questi dati evidenzino la sempre maggior dimestichezza dei cittadini nell’utilizzo di questi strumenti, vi è ancora molto da fare per allineare le percentuali di transazioni dei pagamenti digitali in Italia con quelle degli altri Paesi europei".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il report Bce si chiudeva tuttavia con prospettive positive, tanto che è lo stesso consumatore a riconoscere nei pagamenti digitali gli strumenti più comodi per effettuare i propri acquisti: infatti, il 45% degli intervistati ha dichiarato di preferire carte o strumenti di pagamento alternativi al cash, contro un 39% che rimane affezionato al contante.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • SuperEnalotto, vinti 59 milioni di euro nell'estrazione di oggi martedì 7 luglio 2020

  • Coronavirus, in arrivo un altro Dpcm di Conte: ecco le nuove misure dal 14 luglio

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di giovedì 9 luglio 2020

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di sabato 11 luglio 2020

  • Giro d'Italia 2020, tutte le tappe: altimetria, calendario e percorso

  • Mamma controlla il cellulare del figlio e scopre l'orrore: denunciati 20 minorenni

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Today è in caricamento