Domenica, 28 Febbraio 2021
Italia

Starbucks apre in Italia e cerca 300 persone: i primi assunti al lavoro già da settembre

Sono in corso le selezioni del personale per la nuova caffetteria. Inizialmente verranno assunti 150 dipendenti, altri 150 lavoratori si aggiungeranno alle altre caffetterie che la multinazionale prevede di aprire in Italia

Starbucks apre in Italia e lo fa in grande stile. Il gigante statunitense della caffetteria ha scelto Milano per il primo Starbucks in Italia. Confermate le anticipazioni ora c'è anche l'ufficialità della data dell'apertura.

Starbucks Italia, la prima apertura a Milano

Starbucks aprirà il primo locale in Italia nell'ex palazzo della Poste di piazza Cordusio. La catena americana di caffetterie Starbucks ha comunicato come l'apertura avverrà a settembre 2018. Lo ha confermato il suo Executive Chairman, Howard Schultz, che stamani ha partecipato nel capoluogo lombardo all'evento Seeds&Chips e incontrato il sindaco Giuseppe Sala. "Mi ha detto che in America stanno guardando con attenzione Milano per tanti fattori, certamente il cibo è uno di questi" ha riferito poco dopo il primo cittadino.

Starbucks a Milano un locale speciale

Quello milanese sarà un locale speciale, una delle poche "Reserve roastery" sparse per il mondo, che rappresentano "l'impegno completo e totale per l'esperienza immersiva del mestiere del caffè e la continua ricerca dei caffè più piccoli, i più esaltati, i più ricercati al mondo". D'altra parte, come aveva sottolineato in passato lo stesso Schultz, sul sito della catena di caffetterie si riconosce che "non c'è città che abbia avuto un ruolo più importante nella storia della Starbucks Reserve" più di Milano.

Starbucks Milano, sarà lo store più grande d'Europa

"Ecco un posto dove nulla è dato per scontato. Dove si celebra la bellezza. Dove l'eleganza è esaltata. Dove il cibo, il design, l'innovazione, la moda e, ovviamente, l'espresso sono perseguiti più appassionatamente di qualsiasi altra parte del pianeta" si legge ancora sul sito dedicato alle Reserve roastery a proposito del capoluogo lombardo. Fu infatti proprio durante un viaggio in città nel 1981 che un giovane Howard Schultz "fu talmente preso dal romanticismo dei suoi bar da caffè che immaginò un'esperienza del caffè completamente nuova". Un episodio che induce l'azienda a aprire a settembre il suo locale in città "con l'umiltà e la riverenza" che l'occasione merita.

Starbucks arriva davvero in Italia e assume

Come ricorda Milano Today l'inaugurazione del nuovo Starbucks di Milano è una delle inaugurazioni più chiacchierate degli ultimi anni: la conferma dello sbarco è del 2015 mentre ora è stata svelata una data. All'appello, però, manca il giorno preciso. Per il momento si sa solo che avverrà entro "i primi di settembre", come ha dichiarato l'amministratore delegato.

"Non vogliamo insegnarvi a fare il caffè, anzi vogliamo farvi vedere cosa abbiamo imparato", ha dichiarato Schultz. Ma in un certo senso è un po' come un cerchio che si chiude perché l'idea di creare un'azienda legata al caffé è nata proprio a Milano nel 1983 quando Schultz si trovava a Milano e la sua immaginazione era stata "catturata dal senso del comunità dei bar italiani".

Nel frattempo sono in corso le selezioni del personale per la nuova caffetteria. Inizialmente verranno assunti 150 dipendenti, altri 150 lavoratori si aggiungeranno alle altre caffetterie che la multinazionale prevede di aprire in Lombardia, in collaborazione con il gruppo Percassi che ha già, con successo, portato all'ombra della Madonnina Victoria's Secret e un immenso Lego store.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Starbucks apre in Italia e cerca 300 persone: i primi assunti al lavoro già da settembre

Today è in caricamento