Martedì, 11 Maggio 2021

Superbonus del 110%: le parcelle dei professionisti non sono tutte detraibili

Quando sopralluoghi, ispezioni, perizie e progetti non sono coperti dall'agevolazione

Nel superbonus del 110% rientrano davvero le parcelle professionali per studi di fattibilità e analisi preventiva dei costi-benefici degli interventi? La risposta non è scontata come si potrebbe credere.

Le prestazioni tecnico-professionali preliminari

Indispensabili per assicurarsi sia che l'intervento sull'edificio può essere effettuato, sia che è davvero in grado di garantire il miglioramento delle due classi energetiche richiesto come requisito d'accesso al superbonus, sopralluoghi, ispezioni, perizie, studi di fattibilità e analisi costi/benefici sono tutte prestazioni professionali preliminari, diverse, separate e indipendenti dai lavori veri e propri.

Effettuate da architetti, geometri, ingegneri, periti, costituiscono una voce di costo di tutto rispetto, spesso di diverse migliaia di euro. E sono già in tanti ad aver ricevuto lo specifico incarico di valutare il tipo di ristrutturazione da eseguire e la fattibilità degli interventi in modo da poter accedere al superbonus. Ma cosa accade quando il tecnico stabilisce che i lavori non possono essere eseguiti, oppure non è possibile ottenere il doppio salto energetico o, ancora, richiedono tempi e modalità tali da scoraggiare il contribuente?

Quando la parcella del tecnico non è coperta dal superbonus

A prescindere dall'esito, sopralluoghi, ispezioni, pareri, studi di fattibilità e analisi del rapporto costo/benefici effettuati da esperti del settore edile costituiscono una prestazione professionale che, in quanto tale, va remunerata. Sul punto però il Fisco non lascia spazio ad alcun dubbio interpretativo: il costo è detraibile al 110% solo alla precisa e inderogabile condizione che l’intervento cui si riferiscono venga effettivamente realizzato.

Le parcelle professionali per sopralluoghi, ispezioni, prospezioni, perizie e in genere progettazione, quindi, non sono coperte dal superbonus del 110% se l’intervento non viene poi eseguito: per loro né credito d'imposta, né sconto in fattura.

Continua a leggere su Today.it

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Superbonus del 110%: le parcelle dei professionisti non sono tutte detraibili

Today è in caricamento