rotate-mobile
Lunedì, 27 Maggio 2024
La guida

Come funziona il bonus da 350 euro che sostituisce il reddito di cittadinanza

Cos’è, come funziona, a chi spetta e come fare domanda per il Supporto per la formazione e il lavoro, il nuovo sussidio pensato per chi ha perso il reddito di cittadinanza ed è "occupabile"

Con lo stop del reddito di cittadinanza molte famiglie sono alla ricerca di un nuovo sussidio economico che possa garantire loro la sopravvivenza. Lo dimostrano le proteste e le lunghe file davanti alle sedi Inps, con gli ex beneficiari del reddito che chiedono assistenza per capire se ci sono delle misure alternative su cui poter contare ed eventualmente come accedervi. Chi è occupabile e ha un’età compresa tra i 18 e i 59 anni potrà richiedere il Supporto per la formazione e il lavoro: cos’è, come funziona, a chi spetta, come fare domanda?

Stop al reddito di cittadinanza: quali aiuti restano per le famiglie

L’assegno da 350 euro dura al massimo 12 mesi

L’addio al reddito di cittadinanza, seppur annunciato per tempo, ha mandato nel panico moltissime famiglie italiane, creando non pochi problemi anche tra governo e comuni.  Secondo le stime dell'esecutivo entro il 2024 circa 436mila nuclei familiari non riceveranno più alcun sussidio perché "occupabili". I membri di queste famiglie, dunque, dovranno cercarsi un’occupazione ma nel frattempo potranno contare sul Supporto per la formazione e il lavoro. Cos’è? Si tratta di un beneficio economico da 350 euro, per massimo 12 mesi (non rinnovabile), erogato dall’Inps che verrà corrisposto a chi deciderà di partecipare obbligatoriamente a un programma di supporto e formazione lavoro. In particolare, verrà assegnato a chi avrà accesso a progetti di formazione, qualificazione e riqualificazione professionale, orientamento e accompagnamento al lavoro. Ma come si fa a ottenere il sussidio?

Con più di 55 anni, senza lavoro e senza reddito di cittadinanza: "Noi occupabili fuori mercato"

 Supporto per la formazione e il lavoro: requisiti

Il Supporto per la formazione e il lavoro è stato pensato per chi ha perso il reddito di cittadinanza e ha bisogno di tempo e formazione per trovare lavoro. Può essere richiesto solo da chi è occupabile, ossia da persone di età compresa tra i 18 e i 59 anni appartenenti a nuclei familiari con Isee non superiore a 6mila euro (non aventi i requisiti per accedere all’Assegno di inclusione). Può essere utilizzato anche da componenti dei nuclei che percepiscono l’Assegno in particolari condizioni. Cosa molto importante: andrà di pari passo con la partecipazione obbligatoria ad attività di formazione, pena la decadenza.

Nelle misure del Supporto rientrano anche il servizio civile universale e i progetti utili alla collettività in ambito culturale, sociale, artistico, ambientale, formativo e di tutela dei beni comuni, da svolgere presso il comune di residenza, compatibilmente con le altre attività del beneficiario. Vale la pena sottolineare che lo svolgimento di tali attività è a titolo gratuito, quindi non è assimilabile a una prestazione di lavoro subordinato o parasubordinato e non comporta comunque l'instaurazione di un rapporto di pubblico impiego con le amministrazioni pubbliche. Il bonus verrà erogato attraverso gli sportelli dei centri per l'impiego e l'Inps, ma la procedura non è ancora pronta.

Come e dove fare domanda per il bonus da 350 euro

Il Supporto per la formazione e il lavoro, introdotto con il cosiddetto decreto Lavoro 2023, sarà attivo solo a partire dal 1° settembre. Per accedere al contributo economico bisognerà presentare una apposita domanda telematica, tramite la medesima piattaforma attivata per l’Assegno di inclusione, si legge sul sito del ministero del Lavoro. Poi il richiedente dovrà sottoscrivere, mediante la piattaforma del Sistema informativo per l'inclusione sociale lavorativa (Siisl) - al momento non ancora attiva - il patto di attivazione digitale in cui il beneficiario si impegna a presentarsi alla convocazione del servizio per il lavoro competente per la stipula del patto di servizio. Non appena la richiesta verrà accettata dall’Inps, il richiedente verrà convocato dai servizi per il lavoro per sottoscrivere un patto personalizzato e potrà così ricevere offerte di lavoro o inserirsi autonomamente in percorsi di formazione. Una volta iniziato il corso riceverà il tanto atteso sussidio, ci vorrà del tempo però anche perché mancano ancora i decreti attuativi per l’attivazione della piattaforma Siisl.

Caos reddito di cittadinanza: per errore anche chi ne ha ancora diritto rischia di non riceverlo

In arrivo modifiche per ridurre i tempi di erogazione dell'assegno

Viste le proteste davanti alle sedi Inps per lo stop al reddito di cittadinanza, il governo starebbe studiando delle modifiche soprattutto sulle tempistiche per l’erogazione del nuovo bonus da 350 euro. Aspettare di ricevere l'assegno solo a corso di formazione iniziato richiederebbe troppo tempo, così si starebbe pensando a un accredito da parte dell'Inps a partire dalla fine degli adempimenti formali che consentono di avere diritto al Supporto. L'obiettivo sarebbe quello di non lasciare senza sussidi per troppo tempo gli ex beneficiari del reddito di cittadinanza, per evitare che scoppi una "bomba sociale" come temono sindacati e opposizione.

Continua a leggere su Today.it...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Come funziona il bonus da 350 euro che sostituisce il reddito di cittadinanza

Today è in caricamento