Troppe tasse, l'Italia sfida sempre di più il fisco: l'evasione sale del 5%

Calabria maglia nera, in Trentino i contribuenti più diligenti. Il presidente di Confcommercio Carlo Sangalli presenta i dati shock della pressione fiscale e rivela: "Servono 8 miliardi per scongiurare l'aumento di Iva e accise"

Tra il 2011 e il 2014, il tasso di evasione fiscale è cresciuto del 5,3%. E’ quanto stima il centro studi di Confcommercio che vede nella crescita della pressione fiscale locale (+30%) il principale imputato. Lo rileva l'associazione dei commercianti in occasione del suo convegno annuale.

Secondo il dossier di Confcommercio ( scarica il dossier in Pdf) il tasso di evasione fiscale in Italia si è attestato al 13% del Pil dal 2014 frutto, anche, di una pressione fiscale al 43,3% che lo stesso presidente Sangalli ha definito insostenibile.

Sangalli: "Peso fisco insostenibile"

"Il livello di pressione fiscale del nostro paese, ormai stabile al 43% , è insostenibile per il nostro sistema produttivo - afferma il presidente di Confcommercio, Carlo Sangalli - il sistema fiscale complesso e farraginoso è incompatibile con qualsiasi realistica prospettiva di crescita robusta, diffusa, duratura. Le risorse necessarie per ridurre il carico fiscale su famiglie e imprese si possono e si devono trovare agendo su due binari: da un lato, attraverso una profonda operazione di eliminazione di sprechi e inefficienze che l'aggregato dei consumi pubblici ancora presenta a qualsiasi livello istituzionale, centrale e locale. Dall'altro, attraverso il contrasto all'evasione che consentirebbe, a determinate condizioni, di recuperare oltre 86 miliardi di imponibile evaso e quasi 43 miliardi di gettito da restituire, sotto forma di minori aliquote, ai contribuenti in regola"

La pressione fiscale legale rimane elevata, soprattutto nel confronto internazionale: nella graduatoria decrescente per carico fiscale, l'Italia si colloca al settimo posto su 31 Paesi (quelli europei più i quattro restanti del G7).

"Alcuni difetti strutturali da più di un ventennio frenano il nostro sistema produttivo - sostiene Sangalli che punta il dito verso l'eccesso di burocrazia e di pressione fiscale, al deficit di legalità, alle debolezze del sistema infrastrutturale, all'insostenibile costo del lavoro - Il contrasto all'evasione consentirebbe, a determinate condizioni, di recuperare oltre 86 miliardi di imponibile evaso e quasi 43 miliardi di gettito da restituire, sotto forma di minori aliquote, ai contribuenti in regola".

Servono 8 miliardi per scongiurare l'aumento di Iva e accise

iva accise-2
Tutti i dati dell'ufficio studi confcommercio

Secondo quanto rileva Confcommercio nella manovra autunnale sarà necessario trovare altri 8 miliardi di euro per disattivare le clausole di salvaguardia che prevedono l'aumento dell'Iva e delle accise, ridurre il cuneo fiscale potenziare le misure di contrasto alla povertà e mettere in campo altre misure necessarie per il rilancio della crescita.

Dei 23,5 miliardi necessari (19,5 miliardi per sterilizzare le clausole e 4 miliardi per le altre misure) quelli finora trovati ammontano a 15,5 miliardi: 4 miliardi nella manovrina primaverile per disattivare le clausole e 9 miliardi dalla maggiore flessibilità per gli altri interventi. 

Evasione fiscale, la mappa regionale

evasione-3

Con un tasso di evasione fiscale pari al 21,2% la Calabria ottiene la Maglia nera del lavoro sommerso mentre la regione più virtuosa è il Trentino Alto Adige con un'incidenza dell'economia non osservata all'11,3% del valore aggiunto del Pil.

evasione fiscale-5

Se si adottasse il 'modello' Trentino in tutto il Paese, rileva la Confcommercio, il tasso di evasione fiscale passerebbe dal 13% (dato 2014) al 7,7% e la pressione fiscale legale dal 49,8 al 46,9% e  si potrebbero recuperare 43 miliardi di gettito.

A livello regionale dopo la Calabria, le regioni con il più alto tasso di incidenza di economia non osservata sul valore aggiunto sono la Campania (20,6%), la Sicilia (19,5%), la Puglia (19,3%), la Sardegna (18,6%). Nel Lazio si registra un tasso di evasione pari al 13,8%, inferiore a quello dell'Umbria (17,5%), dell'Abruzzo (17,4%) e della Toscana (15,4%). Le regioni piu' virtuose sono quelle del nord: la Lombardia (11,5%), il Veneto (12,7%), il Friuli Venezia Giulia (12,8%) e 'Emilia Romagna (13%). 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Leggi anche: Padoan: "Pensiamo al lavoro dei giovani"

Leggi anche: Ruffini: "No a Grande Fratello, Agenzia delle entrate farà pace con cittadini"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Estrazioni Lotto e SuperEnalotto: un 5stella vince 1.952.527 euro

  • Nuovo Dpcm, ci siamo (quasi): le regole in vigore dal 10 agosto, cosa cambia per gli italiani

  • Amadeus e Fiorello inseparabili: eccoli in vacanza con le mogli prima di Sanremo 2021

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di martedì 4 agosto 2020

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di sabato 8 agosto 2020

  • Anna e Andrea dopo Temptation: lui le fa una sorpresa bollente per festeggiare la convivenza (FOTO)

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Today è in caricamento