rotate-mobile
Venerdì, 3 Febbraio 2023
Giustizia

La giustizia lumaca ci costa 40 miliardi l'anno: il confronto impietoso con gli altri Paesi Ue

In Italia i tempi per arrivare ad una sentenza nelle procedure civili raggiungono i 991 giorni, più del doppio rispetto a Francia e Germania. Secondo uno studio di Confesercenti una giustizia più rapida creerebbe anche 130mila posti di lavoro in più e circa mille euro all’anno di reddito pro-capite

Corruzione? Clientelismo? Evasione? Forse non sono i mali peggiori dell'Italia. Eh sì, perché tra le piaghe che da sempre affliggono il nostro Paese ce n’è una spesso trascurata, sia dalla politica che dai media, nonché dalla stessa magistratura: l’insostenibile lentezza della giustizia.

Eppure, secondo lo studio Cer-Eures "Giustizia civile, imprese e territori", presentato oggi a Roma da Confesercenti, le lungaggini del nostro sistema giudiziario ci costano tanto, anzi decisamente troppo. Un'enormità: circa 2,5 punti di Pil, secondo la simulazione di Confesercenti, pari a circa 40 miliardi di euro.  

Tanto infatti recupereremmo se la nostra giustizia civile si allineasse sui tempi di quella tedesca. E gli effetti non si limiterebbero al Pil: una giustizia più rapida creerebbe anche 130mila posti di lavoro in più e circa mille euro all’anno di reddito pro-capite, con effetti positivi anche sull’erogazione di credito e la sicurezza percepita di imprese e famiglie.

"Sicurezza e giustizia sono due variabili che possono condizionare fortemente le nostre imprese", ha detto il presidente di Confesercenti, Patrizia De Luise.

"Una giustizia che non funziona, o che funziona male, ed un ambiente che rende insicuro il nostro operare possono pesare molto di più della crisi economica. Se vogliamo tornare a correre davvero, agganciando una ripresa solida e duratura, dobbiamo rimuovere i difetti strutturali della nostra economia. E le inefficienze ed i ritardi della giustizia sono tra questi, anche perché rendono il sistema giustizia sempre più oneroso: ogni anno le imprese italiane spendono 3 miliardi di euro di costi legali ed amministrativi solo per i contenziosi lavorativi, un vero e proprio salasso per la nostra economia e per le nostre tasche". 

Come va nel resto d'Europa

Nonostante i progressi segnati negli ultimi anni, l’efficienza della nostra giustizia civile appare ancora lontana dagli standard degli altri Paesi europei. In media, in Italia, i tempi per arrivare ad una sentenza nelle procedure civili raggiungono i 991 giorni: quasi il doppio della medie registrata in Spagna (510 giorni), e più del doppio rispetto a Germania (429 giorni) e Francia (395 giorni).

Il grado di efficienza della giustizia civile presenta inoltre profonde differenze sul territorio nazionale. A livello regionale, la differenza fra Amministrazione più efficiente e meno efficiente si avvicina a 1.300 giorni, mentre a livello provinciale, tale differenza sfiora i 6.000 giorni. La lentezza della giustizia sembra dunque accompagnare il divario di sviluppo che continua a caratterizzare l’economia italiana.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La giustizia lumaca ci costa 40 miliardi l'anno: il confronto impietoso con gli altri Paesi Ue

Today è in caricamento