Venerdì, 5 Marzo 2021

Terreni agricoli da rilanciare: all'asta 10mila ettari per i giovani

Via al bando Ismea per la vendita di 386 lotti sparsi su tutto il territorio nazionale: c'è tempo fino al 19 aprile per presentare le manifestazioni d'interesse, corsia preferenziale per i giovani imprenditori agricoli

Foto di repertorio

Trecentottantasei terreni agricoli, per un totale di 10mila ettari, sono pronti per essere venduti all'asta in Italia, con le manifestazioni di interesse che potranno essere presentate da oggi, mercoledì 19 febbraio, al prossimo 19 aprile. Si tratta del nuovo bando Ismea per l'acquisto di terreni dalla Banca nazionale delle terre agricole, per cui è previsto un ricavato di circa 130 milioni di euro da reinvestire integralmente a favore dei giovani agricoltori. L'iniziativa è stata presentata nel corso dell'incontro dal titolo 'Seminiamo il futuro' cui ha preso parte anche la ministra delle Politiche agricole Teresa Bellanova. 

Terreni agricoli per i giovani: la mappa 

Da oggi fino al 19 aprile possono essere inviate le manifestazioni d'interesse, con una corsia preferenziale per i giovani che prevede mutui trentennali al 100% e sostegni per gli imprenditori agricoli sotto i 41 anni. I terreni fanno parte del patrimonio della Banca Nazionale delle terre agricole, nata con la finanziaria del 2016 per assegnare terreni pubblici lasciati in stato di abbandono. La mappa interattiva dei terreni agricoli è disponibile al seguente link.

banca.-terreni-agricoli-mappa-2

 "Oggi con questo nuovo bando mettiamo nella disponibilità dei ragazzi e delle ragazze 10mila ettari di terra che - ha detto Bellanova - possono essere immediatamente messi in produzione. Noi li aiutiamo rateizzando fino a trent'anni il pagamento del costo delle terre". Si tratta di "un inizio perché - ha spiegato la ministra - voglio invitare con forza tutte le istituzioni, a partire dai Comuni, a fare l'anagrafe delle loro terre incolte perché dobbiamo avviare in questo paese una nuova riforma fondiaria".

Terreni agricoli per i giovani, Coldiretti: ''Ci sono 56mila under 35 alla guida di imprese agricole''

La disponibilità di terre coltivabili per i giovani è importante per l'Italia dove è in atto uno storico ritorno alla campagna con oltre 56 mila under 35 alla guida di imprese agricole, un primato a livello comunitario con uno straordinario aumento del 12% negli ultimi cinque anni. Il dato emerge da una analisi di Coldiretti, su dati Unioncamere, divulgato in occasione dell'apertura del terzo bando della Banca delle terre (Bat) Ismea che mette a disposizione 10 mila ettari in 386 lotti.

"La disponibilità di terra è il principale ostacolo alla nascita di nuove imprese agricole condotte da giovani soprattutto perché la vera novità rispetto al passato - sottolinea la Coldiretti - sono gli under 35 arrivati da altri settori o da diverse esperienze e non possono contare sul patrimonio fondiario familiare. Il sostegno alle aziende dei giovani è positivo per l'insieme dell'agricoltura nazionale e per il Paese poiché la capacità di innovazione e di crescita porta le aziende agricole dei giovani ad avere un fatturato più elevato del 75% della media e il 50 per cento di occupati per azienda in più".

"In Italia il valore per ettaro di terreno agricolo - conclude la Coldiretti - è in media di circa 20.000 euro, anche se con una forte differenziazione territoriale con il Nord est dove si registrano valori sopra i 43.000 euro/ettaro e il Mezzogiorno dove si scende in media tra 8-13.000 euro/ettaro, secondo elaborazioni Coldiretti su dati Crea, ma i valori possono salire dal milione di euro per Brunello e Prosecco fino ai 2,5 milioni di euro ad ettaro nel caso del Barolo".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Terreni agricoli da rilanciare: all'asta 10mila ettari per i giovani

Today è in caricamento