rotate-mobile
Lunedì, 3 Ottobre 2022
L'unione fa la forza

Cos'è il Trattato del Quirinale firmato da Draghi e Macron

"Questo Trattato di cooperazione rafforzata segna un momento storico nelle relazioni tra i due paesi: da oggi siamo ancora più vicini', ha dichiarato il presidente del Consiglio, Mario Draghi

Giornata importante per Italia e Francia, che oggi rinsaldano il loro rapporto di amicizia con la firma del "Trattato tra la Repubblica Italiana e la Repubblica Francese per una cooperazione bilaterale rafforzata”. Questa mattina il Presidente del Consiglio, Mario Draghi, e il Presidente della Repubblica Francese, Emmanuel Macron, hanno firmato il testo composto da 12 articoli al Quirinale, alla presenza del Presidente Mattarella e delle delegazioni italiana e francese. 

Cos'è e perchè è importante il Trattato firmato da Draghi e Macron

Prima di tutto la firma del Trattato del Quirinale serve a rafforzare l'alleanza tra due dei paesi fondatori dell'Unione europea, che non sempre sono andati d'amore e d'accordo ma che ora, grazie anche al rapporto di amicizia che lega Draghi e Macron, decidono di stringere un asse per bilanciare il peso della Germania nella fase post-Merkel, sempre nell'interesse della costruzione europea.

Il testo del Trattato del Quirinale, composto da 12 articoli, serve a creare nuovi meccanismi di cooperazione rafforzata tra Roma e Parigi in politica, economia, difesa, sicurezza e cultura. In particolare, i due paesi hanno deciso di concentrarsi sul rafforzamento dell’Unione Europea, sull’impegno nel Mediterraneo e in Africa, sulla transizione digitale e su quella ambientale, sulla sicurezza, sulla cultura e sull’istruzione, sulla cooperazione economica e industriale, sulla cooperazione spaziale, sui rapporti tra le rispettive società civili e sula cooperazione transfrontaliera.

E' stato deciso anche uno scambio di ministri Italia-Francia nei Consigli dei ministri ogni tre mesi, come avviene già con la Germania.  "Almeno una volta ogni trimestre un ministro italiano parteciperà a un consiglio dei ministri del governo francese e viceversa", ha spiegato Draghi.

Trattato del Quirinale Italia - Francia, Draghi: "Momento storico"

"Questo Trattato di cooperazione rafforzata segna un momento storico nelle relazioni tra i due paesi: da oggi siamo ancora più vicini", ha dichiarato il presidente del Consiglio, Mario Draghi, parlando in conferenza stampa a Villa Madama. "Il senso più profondo di questo Trattato è che la nostra sovranità, intesa come la nostra capacità di indirizzare il futuro, può rafforzarsi solo attraverso una gestione condivisa delle sfide comuni". "Oltre a consolidare le nostre relazioni bilaterali, l'accordo vuole infatti favorire e accelerare il processo di integrazione europea", ha aggiunto il premier ricordando che il Trattato è il risultato di un lungo e intenso negoziato.

"Questo Trattato sancisce l'amicizia profonda che ci unisce", ha dichiarato invece il presidente francese, Emmanuel Macron. "Francia e Italia devono fare tutto insieme e lo abbiamo fatto in questo periodo recente, combattendo insieme contro il coronavirus, per esempio, e per la Libia".

La firma del Trattato è stata sugellata dal passaggio sui cieli di Roma delle pattuglie acrobatiche di Italia e Francia, con i colori di ciascuno dei due paesi.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cos'è il Trattato del Quirinale firmato da Draghi e Macron

Today è in caricamento