rotate-mobile
Martedì, 25 Gennaio 2022
Soldi e fisco

Tredicesima, bonus e taglio Irpef: le buste paga in arrivo per lavoratori e pensionati

A dicembre verrà erogata la "gratifica natalizia". Pensioni in aumento nel 2022 per effetto della rivalutazione. Alle porte c'è anche il taglio dell'Irpef

Arriva la tredicesima. A dicembre 2021  pensionati e lavoratori dipendenti avranno diritto alla mensilità aggiuntiva corrisposta in vista delle feste di Natale. I primi a ricevere la "gratifica natalizia" saranno i pensionati che si vedranno erogare il maxi assegno già con il prossimo trattamento previdenziale (per chi  ritira la propria pensione presso gli uffici postali gli accrediti sono già iniziati). Poi sarà la volta dei dipendenti: chi lavora nel privato deve fare riferimento ai singoli contratti collettivi che prevedono l?erogazione della tredicesima non oltre il 24 dicembre. 

Ai pensionati il cui trattamento non supera una certa soglia di reddito, insieme alla tredicesima verrà erogato come ogni anno anche un bonus (ribattezzato ormai "bonus Natale") da 154,94 euro. Il beneficio, introdotto dalla legge finanziaria 2001, spetta a chi percepisce una o più pensioni con un importo complessivo non superiore al trattamento minimo e che si trovi in determinate condizioni reddituali.

A chi spetta e come si calcola la tredicesima

Per quanto riguarda i lavoratori la mensilità aggiuntiva spetta a tutti i dipendenti, sia a tempo determinato che indeterminato. Non ne hanno diritto invece i lavoratori parasubordinati (co.co.co e altre categorie) così come i lavoratori autonomi e i professionisti.  L'importo della tredicesima corrisponde a un dodicesimo dell'intera retribuzione annua. Per calcolarlo è sufficiente moltiplicare la retribuzione mensile per i mesi lavorati e dividere tutto per 12.

La riforma Irpef in cantiere

Tredicesima a parte per lavoratori e pensionati ci sono altre buone notizie. È infatti in cantiere la riforma dell?Irpef che dovrebbe ritoccare le aliquote verso il basso avvantaggiando soprattutto (ma non solo) le fasce di reddito tra i 35mila e i 50mila euro annui (qui i dettagli). Per chi ha un reddito imponibile lordo di 50 mila euro si prevede un risparmio massimo di circa 920 euro annui. Il beneficio scende man mano che si abbassa il reddito. Secondo le stime dei consulenti del lavoro chi ha un reddito di 20mila euro potrebbe pagare circa 100 euro in meno di Irpef all'anno che salgono a 300 euro per chi prende 30mila euro. A partire dai 40 mila euro il vantaggio dovrebbe essere di 620 euro ovvero 51 euro in più nella busta paga di ogni mese. 

La rivalutazione delle pensioni

Dal 1° gennaio 2022 inoltre le pensioni verrano rivalutate sulla base dell'inflazione stimata. Per i trattamenti fino a 4 volte il minimo gli importi saliranno dell'1,7%, per le pensioni tra quattro e cinque volte il minimo la rivalutazione sarà dell'1,5%, mentre per quelle più alte dell'1,275%. Per fare qualche esempio chi ha una pensione di 1.000 euro lordi si vedrà addebitare 13,09 euro (netti) in più. Con 1.500 euro di pensione l'importo sale a 18,62 euro netti, mentre chi ha un trattamento di 2.500 euro riceverà 25,9 euro. 

pensioni 2022-3

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tredicesima, bonus e taglio Irpef: le buste paga in arrivo per lavoratori e pensionati

Today è in caricamento