Venerdì, 5 Marzo 2021
Soldi

Tredicesima 2020, via ai pagamenti: perché quest'anno l'assegno è più basso

Sono i giorni dell'erogazione della mensilità extra a moltissimi lavoratori. Per tanti di loro sarà ridotta di circa 100 euro per ogni mese di indennità da Cig ricevuta nel corso dell'anno. Stesso discorso anche per chi ha fatto ricorso ai congedi Covid

La tredicesima è una boccata d'ossigeno importante per molte famiglie. E' sempre riconosciuta a dicembre, a chi ne ha diritto per contratto. Ma quando viene pagata, in che giorno? Per alcuni è realtà assieme all’ultima busta paga dell’anno. Ma in molte situazioni il datore di lavoro può emettere un cedolino separato, apposta per la tredicesima. Quest'anno purtroppo la tredicesima è light. In alcuni casi "extra-light". 

Tredicesima "light" nel 2020: assegni più bassi

Pesano tanto sulle tredicesime 2020 gli ammortizzatori sociali. La tredicesima è arrivata o sta per arrivare a 18 milioni di lavoratori dipendenti. L'importo complessivo di queste 34 milioni di gratifiche natalizie ammonterà a 30 miliardi di euro, 3 miliardi in meno rispetto al 2019 secondo i dati della Cgia di Mestre

Tutta colpa del Covid, o meglio, della crisi economica devastante che è diretta conseguenza della pandemia. Infatti da inizio emergenza almeno 6,6 milioni di lavoratori sono finiti in cassa integrazione e molti di questi a zero ore. Questa situazione non ha consentito a parecchi lavoratori di maturare il rateo mensile che definisce economicamente la gratifica, alleggerendone quindi l’importo finale di circa 100 euro per ogni mese di indennità ricevuta.

Se la Cig è a zero ore, l’integrazione salariale corrisposta dall’Inps, o da altri enti previdenziali, incassata in questi mesi dal lavoratore comprende la quota di stipendio destinata alla gratifica relativa alle ore in cui il lavoratore ha utilizzato l’ammortizzatore sociale. Facciamo un esempio concreto: se nel 2020 il lavoratore è stato quattro mesi in Cig a zero ore, incasserà una tredicesima calcolata su 8 mesi (12 meno 4).

Altra situazione: se è stata Cig a orario ridotto, a tredicesima si calcola su due quote: quella relativa alle ore di lavoro svolte e quella che riguarda i periodi di cassa integrazione. Il taglio della tredicesima aumenterà con l’incrementare delle ore di Cig. Sintetizziamo: circa 100 euro di tredicesima in meno per ogni mese di indennità da Cig ricevuta.

Tredicesima: perché per molti lavoratori è più bassa

Stesso discorso anche per chi ha fatto ricorso ai congedi Covid. L’Inps ha spiegato con tutti i dettagli del caso che i periodi di congedo vanno valutati ai fini Tfr/Tfs con le medesime regole dei congedi parentali retribuiti e che queste norme devono essere applicate anche ai fini del trattamento economico normativo. In pratica i congedi vengono conteggiati per l’anzianità di servizio, ma sono esclusi gli effetti relativi a ferie e tredicesima.

In quali regioni la tredicesima è più impattante? La regione che presenta il più alto numero di percettori della tredicesima mensilità è sempre la Lombardia: le persone interessate sono quasi 6,2 milioni. Seguono secondo le stime 2020 della Cgia i 3 milioni e 287 mila residenti nel Lazio, i 2 milioni 956 mila domiciliati nel Veneto e i 2 milioni 821 mila presenti in Emilia Romagna. Le realtà geografiche, dove, invece, il numero dei beneficiari della gratifica natalizia è più contenuto sono l’Umbria con 532 mila persone, la Basilicata con 290 mila, il Molise con 160 mila e la Valle d’Aosta con 77 mila.

Le strade delle grandi città affollate per lo shopping di Natale

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tredicesima 2020, via ai pagamenti: perché quest'anno l'assegno è più basso

Today è in caricamento