Lunedì, 8 Marzo 2021

Vacanze, gli italiani spendono meno: 744 euro in media, boom delle prenotazioni online

Secondo un'analisi Coldiretti la spesa degli italiani è scesa del 7% rispetto allo scorso anno. Un calo dovuto anche all'aumento delle prenotazione online: quasi la metà degli italiani si è affidato al web

Foto di repertorio

Scende la spesa degli italiani destinata alle vacanze. Secondo un'analisi Coldiretti sono stati spesi in media 744 euro a persone, una cifra in calo del 7% rispetto all'estate 2017. Un terzo dei 38,5 milioni di italiani in viaggio resterà sotto i 500 euro, il 33% spenderà tra i 500 e i 1.000 euro, mentre soltanto il 16% si potrà permettere una vacanza tra i 1.000 e i 2.000 euro.

Secondo Coldiretti a 'pesare' su questo risparmio è soprattutto la diffusione delle prenotazioni online, sempre più scelte dai vacanzieri, proprio per i prezzi più vantaggiosi.

La metà ha prenotato online

A differenza del passato quasi la metà degli italiani in vacanza (49%) ha scelto la prenotazione online che ha raggiunto il massimo storico di sempre, secondo l’indagine Coldiretti/Ixe’ dalla quale si evidenzia il profondo cambiamento nelle abitudini degli italiani che sulla base dell’indicazioni della rete più facilmente sono disponibili a cambiare mete e programmi. Secondo l’indagine il 32% dei vacanzieri prenota da solo sui siti web delle strutture recettive mentre il 17% usufruisce dei siti specializzati anche per contenere le spese con i prezzi che in alta stagione sono superiori anche del 30% per l’alloggio ma anche per il vitto e le attività ricreative.

Mare sempre al primo posto

Se è il mare a fare la parte del leone per più di 6 italiani su 10 (62%), al secondo posto – precisa la Coldiretti si classificano  le città d’arte a pari merito con parchi, oasi, riserve e la campagna, seguiti dalla montagna. La durata media del tempo trascorso lontano da casa dai vacanzieri è quest’anno di 11,3 giorni e per quasi un italiano su quattro la durata – continua la Coldiretti – è compresa tra 1 e 2 settimane, ma c’è un fortunatissimo 2% che starà fuori addirittura oltre un mese. Le partenze – sottolinea la Coldiretti – sono condizionate dall’andamento climatico con il 74% degli italiani che guarda le previsioni meteorologiche per le vacanze.

Un terzo del budget per mangiare

Tra gli obiettivi della vacanza c’è la ricerca della buona alimentazione con un terzo del budget destinato alla tavola per consumare pasti in ristoranti, pizzerie, trattorie o agriturismi, ma anche per cibo di strada o specialità enogastronomiche, con una decisa svolta verso prodotti ad alto valore salutistico. Il 34% dei vacanzieri – continua la Coldiretti – consuma pasti principalmente al ristorante durante la vacanza, il 9% in agriturismi, l’8% in pizzeria, anche se più uno su quattro (il 26%) mangia a casa e non manca che sceglie paninoteche, fast food, cibi di strada e pranzi al sacco.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vacanze, gli italiani spendono meno: 744 euro in media, boom delle prenotazioni online

Today è in caricamento