Visite fiscali, che cosa rischia chi non si fa trovare in casa

Non c'è distinzione tra feriali e festivi. L'obbligo di reperibilità vale per tutti i giorni della settimana: che cosa accade a chi non rispetta l'obbligo di reperibilità (e come rimediare)

Cosa rischia chi non viene trovato a casa per la visita fiscale? Molto, come è giusto che sia.

Visite fiscali, le regole

E' risaputo che i lavoratori assenti per malattia hanno l'obbligo di essere reperibili negli orari delle visite fiscali. Nel dettaglio, sia i lavoratori del comparto pubblico che privato - per i quali le visite fiscali dopo la riforma Madia sono di competenza del Polo Unico INPS - devono farsi trovare al domicilio indicato nel certificato negli orari previsti, così da essere a disposizione del medico inviato dall'Istituto per l'accertamento dello stato di malattia. 

Orari e giorni visite fiscali

Non c'è distinzione tra feriali e festivi. L'obbligo di reperibilità vale per tutti i giorni della settimana - anche nei festivi e nelle domeniche se compresi nel periodo di assenza dal lavoro - e nelle seguenti fasce orarie: 9-13 e 15-18 per i dipendenti del pubblico impiego, 10-12 e 17-19 per quelli del settore privato. Inoltre, così come disposto dal Decreto Madia, le visite fiscali possono essere anche ripetuto nello stesso periodo di malattia.

Quando il lavoratore dipendente è esonerato dalla visita fiscale per accertare la malattia 

Sanzioni severe

Le sanzioni sono severe. Rispettare l'obbligo di reperibilità è di fondamentale importanza per il lavoratore, poiché in caso di assenza alla visita fiscale le conseguenze sono inevitabili. Nel dettaglio, in caso di mancata reperibilità il lavoratore perde il diritto all'indennità di malattia per i primi 10 giorni di assenza; dal 10° giorno, in poi, invece, questa viene dimezzata. Dalla data della terza assenza alla visita di controllo non giustificata, si perde il diritto all’intera indennità per tutto il periodo della malattia. 

Assente a 45 visite fiscali: impiegato condannato per truffa

Motivi di esenzione dalle visite fiscali

Viene data la possibilità, a chi non viene trovato in casa per la visita fiscale, di evitare la sanzione dimostrando, entro 15 giorni, che rientrava in uno dei casi di esenzione riconosciuti dalla legge. Ad esempio, è considerato motivo di esenzione il doversi sottoporre ad una terapia salvavita o a degli accertamenti specialistici, oppure il doversi recare in farmacia (qualora non ci sia nessuno a farlo per conto vostro). Concludiamo ricordando che le sanzioni possono essere ancora più severe in caso di assenza reiterata; in relazione alla gravità del caso, infatti, il mancato rispetto in più di un'occasione dell’obbligo di reperibilità può portare al licenziamento per giusta causa del lavoratore.

Visite fiscali, orari e controlli: cosa cambia (e cosa no) nel 2018

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Viene voglia di andare a lavoro anche se si è infetti e con la febbre a 42 perché se si rimane a casa e si vive da single non potendo ne addormentarsi ne andare al bagno e ne fare altro...

Notizie di oggi

  • Economia

    Reddito di cittadinanza, cambia (quasi) tutto: cosa si potrà acquistare

  • Politica

    Decreto sicurezza bis e diritti umani, Salvini all'Onu: "Fa ridere, è da scherzi a parte"

  • Cronaca

    Cosenza, detenuto evaso dal carcere: è caccia allʼuomo

  • Citta

    Auto fuori controllo, dramma in autostrada: due morti

I più letti della settimana

  • Giro d'Italia 2019, tutte le tappe: percorso e altimetria

  • Elezioni europee 2019, la guida al voto: tutto quello che c'è da sapere

  • Meteo, ecco il caldo (e sarà rovente): c'è la data

  • Era scomparsa da due mesi: trovata morta nel bagagliaio dell'auto

  • Matrimonio Pamela Prati, Georgette crolla: "Ho ricostruito il puzzle. Ora ho paura"

  • Meteo, sorpresa "amara": ecco quando arriva finalmente il caldo

Torna su
Today è in caricamento