rotate-mobile
Domenica, 25 Febbraio 2024
Economia

Il referendum sul lavoro fa paura, il governo pensa a modificare i voucher

In attesa della pronuncia della Corte Costituzionale sull'ammissibilità dei tre quesiti sul lavoro l'esecutivo corre ai ripari: più vincoli e multe contro gli abusi

La Corte Costituzionale deve ancora pronunciarsi in merito all'ammissibilità dei tre referendum sul lavoro proposti dalla Cgil e il governo si muove per limitare i danni provocati dai voucher. I ticket da dieci euro lordi che avrebbero dovuto aiutare a combattere l'economia sommersa sono invece sono diventati l'ennesimo simbolo della precarietà e hanno catalizzato le proteste contro le politiche del lavoro messe in campo dall'allora governo Renzi, che ne aveva fatto uno dei punti di forza della propria "narrazione".

L'Osservatorio sul precariato ha diffuso dati preoccupanti: nel 2016 le assunzioni a tempo indeterminato sono crollate, i disoccupati sono rimasti a quota tre milioni mentre i buoni lavoro sono cresciuti con percentuali a due cifre arrivando al record dei 121 milioni venduti da gennaio a ottobre.

"C'E' STATO UN ABUSO" - I voucher non vanno abrogati, dice al Corriere della Sera Maurizio Del conte, presidente dell'Agenzia nazionale per le politiche attive del lavoro, "perché hanno il merito di far emergere prestazioni che prima venivano fatte solo in nero. Però i numeri dimostrano che c'è stato un abuso. E il legislatore deve avere la coscienza di tornare sui suoi passi quando si accorge che gli effetti sono opposti a quelli previsti". Ed è proprio in questa direzione che l'esecutivo guidato da Paolo Gentiloni si starebbe muovendo in queste ore, sollecitato dalla minoranza del Pd e soprattutto dallo spauracchio dei referendum. L'ipotesi allo studio è di una modifica o addirittura l'eliminazione totale.

IL GOVERNO RESTA IN ATTESA - Il prossimo 11 gennaio la Corte Costituzionale si pronuncerà sull'ammissibilità dei tre quesiti referendari (ritorno all'articolo 18, abolizione dei voucher, corresponsabilità negli appalti). A seconda dell'esito, la questione dei voucher potrebbe finire in secondo piano rispetto alla possibilità di un crollo dell'intero Jobs Act. Se invece dovesse passare soltanto la richiesta di abolirei i voucher, a quel punto il pronostico è che il governo opterà per una modifica sui ticket, divenuta a quel punto obbligatoria. Ma quali sono i margini di intervento? Tra le varie possibilità c'è quella di riportare il tetto massimo di introito per il lavoratore a 5mila euro rispetto agli attuali 7mila, come quella di inasprire i controlli mirati contro i datori di lavoro che rimpiazzano i contratti con i buoni e aumentare le sanzioni pecuniarie. Il governo attende anche i primi dati relativi alla tracciabilità dei voucher, per vedere se l'obbligo imposto ai datori di lavoro di comunicare via email o sms almeno un'ora prima dell'impiego del voucherista abbia funzionato da deterrente a un uso indiscriminato di questo strumento. "Bisogna impedire che i voucher vengano utilizzati al posto di contratti più stabili", ha ribadito Del Conte. "Poche settimane fa, utilizzando i voucher, il Comune di Napoli ha promosso un piano di manutenzione del proprio patrimonio. Abbiamo esagerato". Del Conte però si è detto contrari al ritorno all'articolo 18, che "paradossalmente farebbe aumentare i licenziamenti e rendere il lavoro più precario". 

LAVORATORI IN SCIOPERO SOSTITUITI DAI VOUCHER - A Modena, nei giorni scorsi, un'azienda ha sostituito dei lavoratori in sciopero con altri pagati con i voucher. Le dipendenti del ristorante Flunch di GrandEmilia avevano scioperato per l'intero turno di lavoro per protestare contro la chiusura prevista per il prossimo 15 gennaio e il conseguente licenziamento di 34 addetti. Tutte le lavoratrici assunte a tempo indeterminato hanno aderito allo sciopero, come riporta ModenaToday, ma l’azienda, che ne era venuta a conoscenza, ha comunque garantito il servizio con il personale precario e pagato a voucher.  I sindacati stanno verificando anche gli estremi per una denuncia per comportamento anti-sindacale. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il referendum sul lavoro fa paura, il governo pensa a modificare i voucher

Today è in caricamento