Arriva il voucher per la tv: sconto massimo di 50 euro, si potrà chiedere da fine novembre

L’agevolazione per l’acquisto di un nuovo televisore o di un decoder sarà concessa però solo ai cittadini con fascia ISEE I e II. Ma si parla già di allargare la platea dei beneficiari. I dettagli

Foto di repertorio

Intorno a fine novembre/primi di dicembre sarà possibile chiedere il bonus tv. Di cosa parliamo? Di uno sconto per l’acquisto di un nuovo televisore o di un decoder in vista del passaggio al digitale terrestre di seconda generazione. Il nuovo standard DVB-T2 con HEVC diventerà realtà il 1° luglio 2022 e chi non ha una tv adeguato sarà costretto a cambiarla (o in alternativa acquistare un decoder). In realtà già da qualche anno le tv in commercio supportano il nuovo standard, per cui niente panico: non tutte le tv sono da buttare. Ciò nonostante, è indubbio che per molti italiani (difficile quantificarli) il passaggio non sarà indolore dal punto di vista economico. Di qui l’idea di un bonus per aiutare le fasce deboli.

Un voucher per la tv, decreto in via di pubblicazione

Per la misura sono stati stanziati 151 milioni di euro fino al 2022, la maggior parte dei quali concentrati nel 2020, anno di maggiore picco. Stando a quanto riferito da Elisabetta Barbuto, portavoce del MoVimento 5 Stelle in commissione Trasporti alla Camera, il Ministero dell’economia ha già firmato il decreto "che definisce tempistiche, criteri di accesso e di erogazione dei contributi in esame". "Questo permetterà di far partire l'erogazione dei voucher per fine novembre/inizi dicembre 2019" ha spiegato Barbuto.

Bonus tv, il valore massimo sarà di 50 euro

 "Il decreto prevede che i soggetti beneficiari della misura di sostegno, siano i cittadini con ISEE fascia 1 e 2, rientranti nelle cosiddette fasce deboli, e che il valore massimo del contributo sia pari a 50 euro".

A tal proposito - ha aggiunto la deputata M5s -, una ulteriore buona notizia fornita dal sottosegretario Liuzzi è relativa all'impegno preso per estendere l'entità del contributo erogabile, richiedendo in legge di Bilancio un nuovo finanziamento della misura per allargare la platea dei soggetti beneficiari. La misura, inoltre, sarà accompagnata da apposite campagne per informare i cittadini e minimizzare l'impatto di questa trasformazione tecnologica sulle famiglie italiane. Un'azione necessaria e fondamentale per accompagnare il Paese durante questa fase di necessario cambiamento", conclude Barbuto.

Assegno universale da 80 a 160 euro per le famiglie da gennaio: chi ne ha diritto

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Prende il reddito di cittadinanza, ma si "dimentica" di avere 78 auto intestate

  • Enzo Iacchetti sul rapporto con Ezio Greggio: "Tra noi un tacito accordo di buona convivenza"

  • Aumenti in busta paga da luglio 2020: chi può sorridere per il bonus "pieno" di 100 euro

  • In arrivo il bonus Tari: come funziona lo sconto sulla bolletta dei rifiuti

  • Grande Fratello Vip 2020: anticipazioni, cast e cosa c'è da sapere

  • Roberta Girotto, mamma scomparsa: ritrovato il suo corpo nel fiume

Torna su
Today è in caricamento