rotate-mobile
Giovedì, 29 Febbraio 2024

Marianna Ciarlante

Giornalista

Non è forse giunta l'ora per le serie tv di tornare a pubblicare un episodio alla volta?

Chi lo dice che "tutto e subito" è meglio di "poco e un po' alla volta"? Chi ha deciso di sminuire totalmente il valore e il piacere dell'attesa? Dall'avvento delle piattaforme di streaming il trend nella pubblicazione degli episodi delle serie TV è cambiato radicamente passando dall'uscita di un episodio alla volta, solitamente uno a settimana, alla pubblicazione di tutti gli episodi di una nuova stagione contemporaneamente facendo emergere il tanto blasonato fenomeno del binge-watching. Ma non ci siamo un po' stancati di avere sempre tutto a disposizione in un attimo? Non siamo stufi di poter scoprire in una volta sola come inizia, come si sviluppa e come finisce una storia? Ma che fine ha fatto il bello dell'attesa, il piacere di stare giorni e giorni a immaginare il possibilie futuro di una storia d'amore, gli sviluppi di un racconto lasciato a metà sul più bello, l'esito di un viaggio emotivo tra alti e bassi? Chi ci ha tolto all'improvviso il piacere di stare fermi ad aspettare e fantasticare su quello che potrebbe succedere ai nostri personaggi di finzione preferiti? È un po' colpa della nostra pigrizia, un po' colpa di una società sempre più veloce, un po' colpa della tecnologia che non lascia più spazio alla stasi ma non è forse giunta l'ora di tornare a godere di tutto il bello dell'attesa? 

Forse le piattaforme di streaming dovrebbero tornare a rilasciare gli episodi uno alla volta diluendo, così, la durata di una storia e permettendo al pubblico di poterne assorbire ogni emozione e portarsela dietro per giorni e giorni senza che svanisca tutto in un attimo. Il binge-watching ci ha fatto perdere la capacità di affezionarci alle storie, crescere insieme ai personaggi, vivere insieme a loro anche la lentezza dello scorrere del tempo. Se pensiamo che in passato abbiamo dovuto aspettare settimane prima di vedere Buffy e Angel mettersi insieme o mesi prima Phoebe scoprisse che Cole era un demone o ancora anni prima di quell'attesissimo primo bacio tra Luke e Lorealai, oggi non dobbiamo aspettare neanche qualche ora per scoprire l'inizio, lo sviluppo e anche la fine di una storia. Ma se dobbiamo dirla tutta, quello che ci ha fatto amare così tanto le serie del passato, è stata proprio l'emozione dell'attesa. 

Oggi entriamo e usciamo da una storia in pochissimo tempo senza assimilarne i dettagli, le sensazioni, i lineamenti del carattere dei personaggi. Ci stiamo distaccando sempre di più dai racconti che diciamo di amare così tanto perché non fanno più parte della nostra quotidianità ma solo di una manciata di ore passate davanti alla tv. 

Forse è arrivato il momento di tornare a rallentare un po' il tempo, far scorrere più lentamente le lancette di un racconto e svelare la trama di una storia un pezzetto alla volta. Solo così si può  tornare a dare valore anche al più piccolo dettaglio, al bello dei punti morti, al fascino delle descrizioni perché una serie tv per restare nel cuore e nella storia ha bisogno anche di pause e non solo di azione. 

Si parla di

Non è forse giunta l'ora per le serie tv di tornare a pubblicare un episodio alla volta?

Today è in caricamento