rotate-mobile
Sabato, 25 Maggio 2024

La recensione

Marianna Ciarlante

Giornalista

Fubar su Netflix con Schwarzenegger una piacevolissima sorpresa

Quando una serie tv riesce a mescolare l'azione con una bella dose di ironia e un tocco di imprevedibilità il risultato finale non può che essere piacevole, anzi, piacevolissimo. Ed è proprio quello che accade con Fubar, la nuova serie Netflix che segna il grande ritorno sullo schermo, in grande stile, di Arnold Schwarzenegger. Presentata dalla piattaforma di streaming come dramedy d'azione, questa serie, che racconta la storia di due agenti della CIA, papà (Schwarzenegger) e figlia (Monica Barbaro di Top GunMaverick) che si ritrovano a dover lavorare insieme per sconfiggere un terrorista di fama internazionale, è una bella sorpresa perché riesce a dare a un genere di racconto "tutto d'un pezzo" come lo spy-drama, un tocco d'ironia e leggerezza che non può che conquistare. 

Costruita attorno a un gruppo di personaggi che restano sempre fedeli alla propria identità, con una trama apparentemente semplice ma sempre in grado di aprire le porte al prossimo colpo di scena e una tenerezza che pervade l'intera narrazione, Fubar è una serie a cui è difficile non affezionarsi. 

Dopo storie drammatiche e adrenaliniche sullo stesso tema come la recente The Night Agent, Netflix decide di tornare sul genere dello spionaggio con una serie che affronta, con una sorprendente vena ironica, temi profondi e universali come il difficile rapporto padre-figlia, l'equilibrio instabile tra vita professionale e vita privata, il senso di colpa di dover mentire alle persone amate per un bene più grande. E non venire travolti da questa ondata di profondità travestita da leggerezza è impossibile. 

Fubar, così, dimostra che il genere dramedy quando ben pensato e corredato da dialoghi ben scritti e personaggi ben caratterizzati non può che essere vincente. Nella sua semplicità e grande capacità di far riflettere restando, però, sempre scorrevole, leggera e divertente, questa serie con un bravissimo Arnold Schwarzenegger nei panni di un agente della CIA verso la pensione che finge di vendere attrezzature sportive per non rivelare la sua vera identità, è adorabile, fresca e la scelta perfetta per chi ha voglia di una storia avvincente ma non pesante, un racconto dinamico ma non impegnativo, un momento di svago che tenga incollati allo schermo ma allo stesso tempo strappi un sorriso.

Brava Netflix e bravo Swarzenegger. 

Voto: 7 e mezzo

Si parla di

Fubar su Netflix con Schwarzenegger una piacevolissima sorpresa

Today è in caricamento