rotate-mobile
Giovedì, 18 Aprile 2024

La recensione

Marianna Ciarlante

Giornalista

Players, su Netflix, una rom-com che poteva (e doveva) fare di più

Le commedie romantiche o piacciono o non piacciono. C'è chi ama il conforto di una storia d'amore dove tutto va come deve andare e chi, invece, non apprezza per nulla questo genere di racconto dove gli incontri sono inverosimili, il vero amore si trova sempre e tutti "vissero felici e contenti". Una cosa, però, è certa, se amate le rom-com apprezzerete anche una trama non poi così originale, un lieto fine scontatissimo e quei "colpi di scena" che non sconvolgono affatto. Ed è proprio quello che accade - almeno in parte - con Players, la nuova rom-com Netflix lanciata nel giorno di San Valentino con due protagonisti d'eccezione: Gina Rodriguez (Jane the Virgin) e Tom Ellis (Lucifer).

Ma com'è davvero Players? Vale la pena vederlo o si può benissimo saltarne la visione su Netflix? Prima di rivelarvelo, addentriamoci nella trama di questo film che racconta l'amore nel 2024.

I migliori film erotici su Netflix

Players, la trama 

Da molti anni la giornalista sportiva newyorkese Mack (Gina Rodriguez) è in competizione con il suo migliore amico Adam (Damon Wayans Jr.) e i loro collaboratori per creare strategie di abbordaggio vincenti. Nonostante nel corso degli anni abbia portato a innumerevoli avventure di una notte, questo approccio richiede di seguire una serie di rigide regole basilari di cui la principale sancisce che non si può instaurare una relazione da un incontro casuale. Quando perde la testa inaspettatamente per la sua ultima vittima, l'affascinante corrispondente di guerra Nick (Tom Ellis), Mack inizia a rivalutare completamente la propria strategia. Nel momento in cui le linee tra lavoro, divertimento, amicizia e amore iniziano a confondersi, Mack dovrà imparare la differenza tra segnare una rete e vincere la partita.

La migliori serie romantiche su Netflix

Troppa prevedibilità e un cast "sprecato" per una storia che resta in superficie

Nel 2024 da un film romantico ci si aspetta un salto di qualità rispetto alle classiche commedie del passato. Perlomeno ci si aspetta un cambiamento nel modo di raccontare l'amore, nel dare un tocco di modernità a trame già viste milioni di volte sullo schermo e nel saper trattare temi come romanticismo, erotismo, relazioni umane con una certa profondità.

Da Players, un film che vede nel cast due attori del calibro di Gina Rodriguez e Tom Ellis, ci si aspettava un certo tipo di spessore, una ventata di freschezza ma anche messaggi importanti da passare attraverso lo schermo. Tutte cose che, però, non ci sono state. Il film risulta sì guardabile, soprattutto se si ama il genere romantico, ma non riesce ad aggiungere nulla di originale a una trama che abbiamo già visto troppe volte in tv. Gina Rodriguez fa del suo meglio portando la sua brillantezza sullo schermo ma non basta la sua bravura attoriale a far risollevare un film che non regala molte emozioni e non un'oretta e mezza di svago che, per carità, va anche bene se si cerca leggerezza. Nel complesso, però, è un vero peccato che Players non abbia saputo distinguersi e una delusione per Netflix e per un genere che negli ultimi anni ci aveva dimostrato un cambio di rotta rispetto al passato, un genere che era stato in grado di rivoluzionare e rivoluzionarsi (basta pensare film iconici sull'amore come la saga Prima dell'alba, a serie che sono state in grado di cambiare la narrazione intorno all'amore romantico come La regina Carlotta e One Day o titoli che hanno saputo parlare di crisi di coppia e tradimenti alla perfezione come Fedeltà o Sex/Life). 

Players, invece, resta in superficie e fa quasi dei passi indietro con un racconto dell'amore troppo semplicistico e prevedibile. Quindi, se avete voglia di un film leggero e senza troppe pretese, Players andrà benissimo per voi. Se cercate qualcosa in più da una commedia romantica, passate oltre.

Voto: 6-

Si parla di

Players, su Netflix, una rom-com che poteva (e doveva) fare di più

Today è in caricamento