rotate-mobile
Lunedì, 27 Maggio 2024
Prime Video

La Ruota del Tempo 2, la spiegazione del finale di stagione della serie fantasy di Prime Video

Cosa è successo nell'ultimo episodio e le differenze con i romanzi di Robert Jordan

Venerdì 6 ottobre su Prime Video è uscito l'ottavo e ultimo episodio, intitolato Ciò che doveva essere, della seconda stagione di La Ruota del Tempo, la grandiosa serie tv fantasy di Amazon tratta dalla saga letteraria di Robert Jordan. 

Diverse cose sono successe nel finale di The Wheel of Time 2, che preparano il terreno per la già confermata stagione 3. Ma se vi è rimasto qualche dubbio, o se temete che vi sia sfuggito qualcosa, eccoci in vostro soccorso con il nostro recap e la nostra spiegazione del finale di La Ruota del Tempo 2, con l'analisi delle principali differenze rispetto ai libri.

La Ruota del Tempo 2 - foto 1

Il riassunto dell'ultimo episodio di La Ruota del Tempo 2

Lo scontro conclusivo (per questa stagione) è in programma a Falme, la città occupata dal popolo di Sean'chan, che tra le altre cose tiene segregata Egwene nel ruolo di damane per la sua sul'dam Renna. 

Va a Falme il nostro Rand, solo con Lanfear dopo che quest'ultima, che nello scorso episodio aveva aperto il varco per consentire all'amato Rand di lasciare la prigione delle Aes Sedai, ha sbalzato fuori Lan e Moiraine, che si ritrovano su una (bellissima) spiaggia lontano dal castello dove erano diretti. 

La Ruota del Tempo 2 - foto 2

Anche Perrin, con il suo amico lupo Hopper, Aviendha e le altre due guerriere Aiel, si dirigono a Falme, così come Mat su cui pesa la profezia che lo vede uccidere l'amico Rand, e come soprattutto i Figli della Luce, o Manti Bianchi (da non confondere con quelli di Game of Thrones): insomma quei soldati che odiano tutto ciò che è magia, capitanati da Geofram Bornhald e suo figlio Dain. 

Tutti a Falme, dunque, ovviamente compreso Ishamael, che ha un breve ma significativo confronto con Lanfear da cui capisce che lei è più interessata a Rand che all'Oscuro a cui dovrebbero convertirlo. Nynaeve ed Elayne, come sappiamo, sono già lì per salvare Egewene, e riescono a mettere il collare da damane a una sul'dam, con l'obiettivo di farsi portare dall'amica. 

La Ruota del Tempo 2 - foto 3

La battaglia ha inizio, con i Manti Bianchi affrontati dai Sean'chan, che si avvalgono dei poteri magici delle damane e delle loro sul'dam. Egwene, pur riluttante, fa inizialmente il suo. Poi però si ribella, e Renna sta per tagliarle la lingua come promesso, quando una palla di cannone si abbatte sulla torre su cui si trovano. 
Molte damane e sul'dam restano uccise, ed Egwene trova il collare che si è staccato dal collo di un'altra aes sedai che era stata schiavizzata. Lo prende e lo lancia al collo di Renna, e per farla breve la tortura fino a ucciderla. 

In quel momento arriva Rand, che ha appena ucciso lord Turak e i suoi uomini senza neanche spettinarsi le sopracciglia. Voleva salvare Egwene, ma diciamo che è arrivato tardi.

La Ruota del Tempo 2 - foto 5

Intanto, sotto la Torre, il piano di Nynaeve ed Elayne è miseramente fallito perché la loro damane, che Nynaeve ha torturato con cattiveria capendo una cosa che capirà anche Egwene (ci torniamo dopo), è stata uccisa da una freccia vagante non appena hanno messo il naso per strada. Un'altra freccia ha colpito Elayne, e Nynaeve è sempre in crisi perché non riesce a incanalare l'unico potere per guarirla, quindi vanno avanti verso la Torre zoppicando. Letteralmente. 

Perrin e le Aiel ritrovano Ogier, Ingtar e anche Mat. Un bel momento di commozione, ma nel frattempo infuria la battaglia. A proposito, Ogier dice che il corno di Valere faticosamente ritrovato deve essere consegnato al Drago Rinato affinché convochi in aiuto i grandi guerrieri morti del passato, e Mat si propone di effettuare la consegna mentre Perrin e gli altri affrontano i Manti Bianchi. 

Perrin sta quasi per essere ucciso, ma lo salva il fedele Hopper, che però subito dopo viene ucciso da Beofram. Questa cosa fa "scattare la viulenza" a Perrin, che vendica Hopper uccidendo il suo assassino, per la disperazione di Dain, finora sembrato incerto, a differenza del padre, su chi fossero i buoni e chi i cattivi. 

La Ruota del Tempo 2 - foto 6

Mat, che era stato tentato da Padan Fain (con l'assenso di Ishamael) con la daga infestata che conosciamo dalla scorsa stagione, ma che aveva aggirato la cosa legando la daga a un bastone senza toccarla con le mani, si affretta a consegnare il corno di Valere a Rand, ma a un certo punto si trova davanti un battaglione di Sean'chan. 

Disperato, prova a suonare lui stesso il corno, e azzecca la mossa giusta. Perché compaiono gli eroi guerrieri, compreso il nostro amico Uno morto a inizio stagione per aver rifiutato di piegarsi ai Sean'chan, e gli dicono di aver combattuto al suo fianco tantissime volte. Quindi nelle vite passate, che Mat aveva intravisto grazie al tè magico di Ishamael, c'era una storia di eroismo, che ora prosegue mentre guida i suoi compagni in battaglia, sconfiggendo agilmente i nemici. 

Sulla Torre, intanto, Egwene e Rand sono stati raggiunti nientepopodimeno che da Ishamael in persona, che prima ha pensato bene di andare dalla sua alleata Suroth per ordinare di disporre una flotta di Sean'chan in mare vista Torre e schermare il potere di Rand (Ishamael ha fatto anche altro ma ci torniamo dopo). 

La Ruota del Tempo 2 - foto 7

Quindi Rand non può combattere con Ishamael, che prova a convincerlo "con le cattive" a passare dalla parte del Tenebroso e quindi spezzare questa Ruota del Tempo che gira e gira riportando sempre in vita le stesse persone e le stesse battaglie (si può dire che non ha tutti i torti?).

Sopraggiunge Mat, galvanizzato dalla recente scoperta di essere un eroe, e fa per colpire Ishamael, ma il Reietto aveva solo proiettato lì il suo corpo proprio per essere attraversato dal colpo di Mat, che colpisce Rand, apparentemente realizzando la profezia su cui Ishamael tanto puntava per quanto meno rimandare alla prossima reincarnazione del Drago Rinato il tentativo di conversione che al momento appare impossibile. Mat capisce l'errore e va a scusarsi con l'amico, sempre più sofferente. 

Vedendo il suo amato in simili condizioni, Egwene reagisce e crea uno scudo magico per proteggerlo dall'assalto di Ishamael, e quando sembra che lei stia per cedere arrivano in soccorso Perrin, che ci mette anche il suo scudo, e Nynaeve ed Elayne, con quest'ultima che ancora ferita usa il potere magico per curare la ferita del Drago. Peraltro quando la vede Rand sembra dire "ti ho già vista da qualche parte", e non crediamo che sia un tentativo di approcciarla per provarci con lei, quindi chissà cosa succederà in tal senso. 

La Ruota del Tempo 2 - foto 8

Mentre avviene tutto ciò, in spiaggia Lan e Moiraine ricreano il loro legame, con lei che gli dice: "Se ho detto che non siamo uguali è perché penso da sempre che tu sia migliore di me". Sterminano agilmente un nugolo di nemici e poi si dedicano all'aiuto da remoto (o in smart working, volendo). 

In pratica Moiraine capisce che quelle navi al largo stanno facendo qualcosa contro Rand, e nonostante i dubbi di Lan lei dice che pur nell'incertezza è meglio fare ciò che potrebbe aiutare Rand, anche a costo di uccidere innocenti. Quindi la Aes Sedai crea dei vortici che vanno a colpire e affondare le navi Sean'chan come in una brutale battaglia navale. 

La Ruota del Tempo 2 - foto 9

A questo punto Rand non è più schermato, prende la spada e senza troppi problemi trafigge e uccide Ishamael, rimediando una bruciatura a forma di airone sulla mano, come da profezia (secondo la quale alla fine avrà un'altra bruciatura simile). Il Reietto numero 1 muore sereno, sapendo che finalmente non vedrà più nulla e non tornerà più (o almeno noi speriamo con lui). 

La battaglia è finita, la guerra ancora no ma per ora ci accontentiamo. E Moiraine, che indubbiamente ha il senso dello spettacolo, decide di far realizzare la profezia sul Drago Rinato che si annuncia a Falme: quindi crea dei vortici di fuoco a forma di drago che circondano la Torre da cui si affaccia prima Rand, e poi i suoi amici di Two Rivers, Perrin, Mat, Egwene e Nynaeve, e la principessa Elayne (erede al trono di Andor, che è un altro regno rispetto a Cairhien dove potrebbe diventare re l'oscuro nipote di Moiraine, se la regina lo sposerà comunque). 

La Ruota del Tempo 2 - foto 10

Prima dei titoli di coda della stagione, una sorpresa. Lanfear, che abbiamo visto sorridere alla proclamazione dell'amato Rand, va nel quartier generale dei Reietti e qui incontra Moghedien, un'altra reietta. Lanfear è stupita perché aveva detto a un mercante, quello che aveva offerto la pietra a Moiraine a inizio stagione, di prendere un altro mucchio di sassi cuendillar e gettarli in fondo al mare, invece Moghedien spiega che Ishamael, non fidandosi di Lanfear, aveva liberato lei e gli altri Reietti, per di fatto sostituire Lanfear nella lotta contro il Drago e i suoi amici. 

Moghedien fa quindi capire a Lanfear che è meglio che si tenga alla larga d'ora in poi, se non vuole essere fatta fuori da lei che "dolcemente colpisce dall'ombra", e questo cambio avrà sicuramente delle pesanti ripercussioni nella stagione 3 di La Ruota del Tempo.

La Ruota del Tempo 2 - foto 11

Come ha fatto Ishamael a liberare i Reietti

Sappiamo già dall'incontro di Moiraine col mercante che le pietre dette cuendillar sono teoricamente indistruttibili, eppure quella offerta a Moiraine era appunto rotta. 

Nell'ultimo episodio di La Ruota del Tempo 2 Lanfear ritrova lo stesso mercante e gli dice di buttare un altro mucchio di cuendillar in fondo al mare, nonostante il loro valore "di mercato". 

Ma se ci avete fatto caso, quando Ishamael va a dare ordini a Suroth per lo scontro con Rand, il Reietto ha le mani sporche di sabbia: questo significa che in qualche modo ha intercettato le cuendillar e le ha aperte lui stesso. E da quelle pietre sono usciti i Reietti che ora, Moghedien in testa, sostituiranno Lanfear nella lotta contro il Drago e i suoi amici.

La Ruota del Tempo 2 - foto 12

Perché Lanfear aiuta Rand 

La Reietta ama Rand. O meglio, amava Lews Therin Telamon, la precedente reincarnazione del Drago, 3000 anni prima. Nella prima scena dell'ultimo episodio vediamo il momento in cui Lews e altri Aes Sedai uomini rinchiudono Ishamael, che prega il suo vecchio amico di liberarlo e spezzare la Ruota. 

Poi successe che Ishamael e l'Oscuro furono rinchiusi, ma l'Oscuro riuscì a corrompere il lato maschile dell'unico potere, facendo impazzire il Drago e tutti gli incanalatori maschi, ed ecco perché ora il potere può essere usato solo dalle donne. 

Ma Lanfear non ha dimenticato l'amato Drago, e anche nella sua reincarnazione ha cercato in ogni modo di aiutarlo, finendo per essere esautorata da Moghedien dopo l'intervento in extremis di Ishamael.

Perché Ingtar non è tra gli eroi richiamati dal corno di Valere 

Quando Mat suona il corno arrivano i suoi "amici" guerrieri del passato. Tra loro c'è anche Uno: un significativo cambiamento rispetto ai libri, dove il corno faceva apparire solo gli antichi eroi del passato. 

Qualcuno, noi compresi, si è quindi chiesto perché, a sto punto, in quella schiera non ci fosse anche Langtar, da poco morto per aiutare Ogier e gli altri. 
La risposta, probabilmente, non sta nei tempi di attesa che un guerriero morto deve attendere prima della "beatificazione". Bensì nel fatto che nei libri Ingtar era in realtà un segreto seguace del Tenebroso, che solo alla fine si redimeva aiutando gli amici a sconfiggere gli Sean'chan sacrificando la propria vita. 

Nella serie questa affiliazione di Ingtar alle forze del male non è citata esplicitamente, ma se ci avete fatto caso a un certo punto Ingtar aveva detto a Perrin che Padan Fain avrà avuto le sue buone ragioni per seguire l'Oscuro. Insomma, la serie ha un po' "ripulito" Ingtar, ma di qui a schierarlo tra gli eroi del passato ce ne vuole.

Cosa hanno capito Egwene e Nynaeve di damane e sul'dam

Nynaeve avvertiva uno strano legame con la sul'dam ridotta a damane che lei ed Elayne avevano soggiogato. La spiegazione la dà Egwene, quando mette il collare a Renna. 

La sul'dam inizialmente ride della mossa della sua sottoposta, perché il collare funziona solo con le donne che incanalano. Ma Egwene, come Nynaeve, ha capito che il legame tra sul'dam e damane si spiega col fatto che le sul'dam hanno un potere abbastanza contenuto da non essere notato dalle ispettrici, ma che permette loro di creare la connessione con le damane. Capito questo, Egwene si toglie la soddisfazione di uccidere la sua schiavista, come le aveva promesso.

Altre differenze con i libri de La Ruota del Tempo 

Ci sono alcune differenze tra serie e libri, in questo finale, oltre alla storia di Ingtar. Innanzitutto nei libri Hopper non moriva ora, e accompagnava Perrin ancora per un po'. Ma questa sua morte serviva per scatenare la vendetta di Perrin contro Geofram, che nei romanzi veniva ucciso in altre circostanze. 

Anche Renna sarebbe dovuta morire più tardi, ma ce ne faremo tranquillamente una ragione. Infine, nei libri non c'era l'intervento pirotecnico di Moiraine per far capire al popolo di Falme che il Drago era lì, perché invece era lo stesso Rand, con il suo potere scatenato contro Ishamael, a creare i vortici di fuoco che la profezia abbinava alla proclamaqzione del nuovo Drago Rinato.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Ruota del Tempo 2, la spiegazione del finale di stagione della serie fantasy di Prime Video

Today è in caricamento