rotate-mobile
Mercoledì, 17 Aprile 2024

Claudio Pizzigallo

Giornalista

The Expanse 6, la spiegazione del definitivo finale di serie (a meno che Jeff Bezos voglia un sequel)

Venerdì 14 gennaio su Prime Video è uscito il sesto e ultimo episodio della sesta e ultima stagione di The Expanse, la serie tv fantascientifica tratta dai 9 romanzi scritti da Daniel Abraham e Ty Franck con lo pseudonimo di James S. A. Corey.

the expanse-2

Come sanno tutti i fan della saga, la serie era stata prodotta inizialmente dal canale televisivo Syfy, che dopo 3 stagioni aveva deciso di cancellarla. Ma poi era intervenuto Jeff Bezos, il numero uno di Amazon, che si era mosso personalmente per far acquisire a Prime Video la serie - Bezos ha amato molto i romanzi da cui è tratta - e portarla a conclusione. 

Ora, può sempre succedere che Bezos intervenga di nuovo per mandare avanti la storia, ma è praticamente impossibile che - almeno nel breve periodo - ci sia una settima stagione di The Expanse. Il perché lo spieghiamo in questa recensione che, come si può immaginare, contiene SPOILER per chi non ha ancora finito di vedere le ultime puntate.

Lost in Space, neanche il finale rianima una serie sempre "così così"

The Expanse 6, cosa succede nel finale di serie

Dunque, nel finale della stagione 5 la "famiglia" della Rocinante si era riunita, con l'eccezione di Alex, il cui personaggio è stato fatto fuori per ragioni extra-serie che vi abbiamo raccontato all'epoca.

Nella stagione 6 tutto ruota alla guerra tra Marco Inaros, che guida la Marina Libera dei Cinturiani, e le forze alleate di Terra, Marte e dei Cinturiani ostili a Marco, capeggiati da Camina Drummer.

expanse 6 marco inaros-2

Tra i ribelli-terroristi, oltre a Marco, ci sono due personaggi degni di nota: Filip Inaros, il figlio di Marco e Naomi, che vive un pesante conflitto interiore tra le eredità contrastanti dei genitori; e Rosenfeld, la consigliera di Marco che fa anche da "diplomatica" tra i due Inaros: se vi state chiedendo dove avete già visto l'attrice che la interpreta, sappiate che Kathleen Robertson era Claire Arnold nelle ultime stagioni di Beverly Hills 90210.

Chrisjen Avasarala, la presidente delle Nazioni Unite, guida l'alleanza con l'obiettivo di sconfiggere Marco, cercando anche di frenare i bollenti spiriti dei marziani. Ed è proprio il suo incontro con Camina Drummer, nel penultimo episodio della serie, a fare da prologo alla grande battaglia finale, che ci ha (quasi) ricordato Game of Thrones.

expanse 6 Chrisjen Avasarala-2

Nella quinta stagione Marco aveva conquistato Medina, la stazione di controllo alle soglie degli Anelli, anche grazie a un'alleanza (o meglio uno scambio commerciale con la Protomolecola di Fred data ai laconiani in cambio di armi e navi) con una fazione di marziani ribelli, alcuni dei quali (quelli non morti attraversando l'anello) sono sul pianeta Laconia, da dove in ogni prologo di episodio ci arriva la storia di Cara, la ragazzina che scopre che quegli strani animali simili a cani possono "aggiustare" cose ed esseri non più viventi, come il fratellino di Cara, Xan.

Ed eccoci dunque all'epilogo della serie, che sarebbe potuto arrivare ben prima se Holden non avesse disarmato all'ultimo istante il missile lanciato contro la Pella di Inaros da Bobbie, unitasi all'equipaggio della Roci così come Clarissa Mao che accompagna Amos.

expanse 6 amos burton rocinante-2

Ovviamente il piano A - con le forze di Terra e Marte opposte a quelle di Marco - fallisce e si passa al piano B: la Roci deve conquistare Medina e bloccare Inaros. Bobbie e Amos si lanciano su Medina a bordo di alcuni container, ma una volta lì non riescono nella loro missione e devono farsi salvare dalla Roci, che però così non ha più armi per abbattere la Pella.

Ma ecco che arriva l'idea di Naomi, che a differenza di Holden non antepone i suoi interessi personali a quelli universali, e capisce che scaricando i reattori della nave container che li accompagna nell'anello si creerebbe una massa di energia tale da risvegliare le "entità anti protomolecola" che vi gravitano intorno, scatenando così la loro reazione proprio mentre passa la Pella e causando così la fine di Inaros. 

expanse 6 naomi nagata rocinante-2

Ma non di Filip, che dopo la morte di Rosenfeld finalmente si redime e si affranca dal padre, lasciando di nascosato la Pella e iniziando a vagare in solitaria, non prima di aver cambiato il proprio nome in Filip Nagata, con il cognome della madre.

A battaglia finita, gli alleati si riuniscono per istituire un ente che sorvegli gli scambi commerciali attraverso gli anelli. Holden viene scelto per presiedere questo ente, ma lui, con una mossa di grande astuzia, finge di accettare, nomina vicepresidente Drummer e subito dopo si dimette per lasciare che i Cinturiani possano per la prima volta avere la possibilità di non farsi schiacciare dagli Interni (terrestri e marziani).

La serie finisce dentro la Roci con un discorso che Naomi fa a Holden, già desideroso di rimettersi al lavoro. "Fermiamoci un attimo qui" dice Naomi, congratulandosi con James Holden per il suo nobile gesto e spiegando che ogni nostro gesto può salvare qualcuno, anche se noi non lo sappiamo. Proprio come Naomi ignora di avere salvato il figlio, scampato come detto alla fine della Pella e alla morte del padre.

Cosa succede a Cara e agli abitanti di Laconia

Tutto finito? Più o meno sì, anche se manca un pezzo: quello relativo alla storia di Cara, di suo fratello Xan e in generale a quello che sta succedendo su Laconia. 

Come forse ricorderete, l'alleato di Marco era l'ammiraglio Duarte, il capo di Laconia, un ex marziano che ha lasciato il suo pianeta per ricominciare da capo. Nella seconda aprte dell'ultima puntata vediamo Duarte che chiama Inaros e gli dice che la loro alleanza è finita e non gli darà più armi. "Sei stato una distrazione, ma ho degli dei da uccidere" dice Duarte a Marco.

Gli dei a cui si riferisce sono le "entità" citate prima, che poi sono la forza aliena che, milioni di anni fa, ha provocato la fine degli alieni che hanno creato la Protomolecola. E la Protomolecola consegnata da Marco a Duarte è al centro degli studi dell'equipe di scienziati di Laconia, ed è anche ciò che ha resuscitato Xan, conferendogli strani poteri (il padre, non riconoscendolo come figlio, accoltella Xan ma la sua ferita si rimargina subito) e una vista particolare, come intravvediamo in una scena. 

Ebbene, la storia di Laconia non ha un epilogo: non sappiamo cosa succede a Cara e Xan che si avventurano nella foresta, e non sappiamo come andrà la battaglia di Duarte contro gli "dei". Ci sarà quindi The Expanse 7 per chiarire questi dubbi? No, ed ecco perché.

La spiegazione del finale di The 100

expanse 6 bobbie draper-2

Perché non ci sarà The Expanse 7

Come sanno coloro che hanno letto tutti e 9 i romanzi, la serie di The Expanse copre l'arco narrativo dei primi 6, concludendosi con Ashes to Babylon, che è anche il titolo dell'ultimo episodio.

Oltre che nella difficoltà di tenere un intero cast bloccato per altri tre o quattro anni, il motivo per cui non ci sarà una nuova stagione di The Expanse (almeno nel breve periodo) risiede proprio nelle vicende narrate dai romanzi. 

Nel settimo libro, Persepolis Rising, infatti, la storia fa un balzo avanti di trent'anni. Di conseguenza, gran parte dei personaggi delle prime sei stagioni o romanzi è morta o comunque non è più protagonista. Ovviamente la storia di Laconia prosegue, e per questo si può pensare di leggere i romanzi per conoscere la fine di tutte le storie raccontate in questa saga. Oppure sperare che intervenga di nuovo Jeff Bezos, ordinando di produrre una serie sequel di The Expanse...

Voto: 8.5

Si parla di

The Expanse 6, la spiegazione del definitivo finale di serie (a meno che Jeff Bezos voglia un sequel)

Today è in caricamento