rotate-mobile
Venerdì, 12 Aprile 2024
La serie fenomeno

The Last of Us, la spiegazione del finale della prima stagione

Cosa è successo e perché è successo (SPOILER)

Con l'uscita dell'episodio 9 (in lingua originale con sottottitoli, per la versione doppiata ci vorrà un po' visto lo sciopero in atto) di lunedì 13 marzo su Sky e in streaming su NOW, si è conclusa la prima stagione di The Last of Us.

Se avete visto la puntata in questione, potrebbe esservi rimasto qualche dubbio su quello che è effettivamente successo e sul perché è successo. E magari anche qualche domanda su cosa succederà nella stagione 2. Proviamo a rispondere con questo articolo, partendo dal riassunto dell'ultimo episodio di questa stagione.

Il riassunto del finale di stagione di The Last of Us

L'episodio, intitolato Look for the light (quasi una risposta al titolo dell'episodio 8, When we are in need), inizia con una scena di fuga (che è stata creata apposta per la serie, non c'era nel gioco). C'è una donna, visibilmente incinta, che scappa in un bosco, inseguita da un infetto. Arriva a una casa diroccata, entra chiedendo dove siano gli altri ma è da sola. 

Le si rompono le acque, cerca una stanza per partorire, prova a chiudersi ma l'infetto clicker entra: parte una lotta, e alla fine la donna riesce a uccidere l'infetto con un coltello a serramanico che ci è molto familiare. Con lo stesso coltello taglia il cordone ombelicale della bambina che nel frattempo è nata, mentre si accorge di essere stata morsa a una gamba.

"Gliel'hai fatta vedere, Ellie" dice la donna, e capiamo che è Anna, la mamma di Ellie, interpretata da Ashley Johnson. Curiosità: Ashley Johnson dava la voce a Ellie nel videogioco di The Last of Us, ed è curioso notare la sua somiglianza con Bella Ramsey.

Curiosità nella curiosità: se vi è familiare la faccia di Ashley Johnson, è perché non è cambiata per niente da quando interpretava la piccola Chrissy Seaver nel mitico telefilm Genitori in blue jeans (titolo originale, nel caso vi interessi: Growing Pains, ovvero dolori crescenti).

Torniamo alla trama. Poco dopo arriva Marlene con i suoi uomini, e capiamo che era lei/loro che Anna aspettava. La madre di Ellie mostra subito il morso ricevuto dall'infetto stecchito davanti a lei, ma giura (il falso) di aver tagliato il cordone ombelicale prima di essere morsa. La affida quindi all'amica di una vita, a cui chiede il favore di dare alla figlia una vita sicura e a sé stessa una morte rapida.

Sulla seconda parte, Marlene esegue subito. Sulla prima, sappiamo che è stata affidata all'orfanotrofio della FEDRA e che a un certo punto, dopo la serata con Riley, è stata presa da Marlene e affidata a Joel affinché la portasse in un laboratorio dall'altra parte del Paese per creare un vaccino contro il virus da fungo Cordyceps.

The Last of US, Ellie e Tess

Ed eccoci qui, alla fine del viaggio di Joel (Pedro Pascal) ed Ellie (Bella Ramsey). La ragazza è silenziosa e cupa come mai prima d'ora, e Joel ci fa caso. Prova a scioglierla scherzando un po' e poi parlando di come lei e Sarah si sarebbero piaciute, ma anche lui è tutt'altro che sereno rispetto alla fine del viaggio.

E infatti prima di arrivare a Salt Lake City chiede a Ellie se vuole "dimenticare tutta questa maledetta cosa e tornare indietro, da Tommy". Ma Ellie risponde che "dopo tutto quello che abbiamo fatto per arrivare fin qui" non avrebbe senso, e così entrano in città. Qui trovano un ospedale da campo, e Joel confessa che la cicatrice sulla fronte di cui lei gli aveva chiesto e che lui aveva liquidato con un "mi hanno sparato ma mi hanno mancato" è in realtà il ricordo di quando lui tentò il suicidio, ma all'ultimo istante si mosse e venne solo sfiorato dal proiettile.

A questo punto urge rasserenare il clima, ma neanche il tempo di godersi una giraffa che vaga libera tra i palazzi distrutti, che nel bel mezzo di un'altra sessione di battute le Luci arrivano da dietro e con un fumogeno e un calcio del fucile in fronte stordiscono i nostri due viaggiatori.

Al risveglio Joel si trova di fronte Marlene, che gli confessa di essere molto stupita di come siano giunti sani e salvi e in così poco tempo. "Merito di Ellie" "No, merito tuo, e per questo sono in debito con te, quindi prendi le tue robe e vattene". Ovviamente Joel vuole vedere Ellie, ma Marlene gli dice che è già pronta per l'intervento chirurgico.

"Che intervento?" chiede Joel, e Marlene spiega che, secondo il medico, Ellie ha dalla nascita una sorta di neurotrasmettitore che quando entra in contatto col virus del fungo "fa credere" al fungo di essere già infetto e quindi rende l'organismo immune. E quindi vuole prelevare un pezzo di questo trasmettitore per ricrearlo in laboratorio e sviluppare una cura.

"Ma il Cordyceps agisce nel cervello" fa notare Joel. "Esatto" risponde Marlene, che quindi fa capire che sì, a Ellie sarà rimosso un pezzo di cervello e lei morirà. Joel non ci sta, dice che Marlene non può capire il legame tra lui ed Ellie, ma Marlene giustamente risponde che lo capisce eccome avendola vista nascere e avendo fatto quella promessa all'amica. 

The Last of Us, Marlene

E quindi ordina ai suoi uomini di scortare Joel fuori città e di ammazzarlo se prova a reagire. Solo che non hanno neanche sceso un piano di scale che Joel li ha già ammazzati entrambi. Ed è solo l'inizio, perché alla ricerca della sala operatoria uccide chiunque incontri, anche chi si sdraia per terra, più o meno come farebbe un videogiocatore senza freni. 

Arriva alla sala operatoria nel reparto pediatrico con Ellie già addormentata dall'anestesia, il chirurgo gli si fa innanzi con un bisturi dicendo "non ti permetterò di portarla via" ma lui gli spara in faccia quasi sbadigliando (nel gioco lo uccideva con un bisturi). Risparmia, strano a dirsi, le assistenti (curiosità per i videogiocatori di The Last of Us II: una delle due era interpretata dall'attrice che nel gioco dava la voce a Abby), e si porta via Ellie incosciente.

Nel parcheggio incontra Marlene che prova disperatamente a fermarlo. Gli dice che probabilmente Ellie vorrebbe sacrificarsi per il bene globale, che non è ancora troppo tardi per salvare il mondo sacrificando lei. Per Joel, però, ormai Ellie è il mondo, e non ci stupiamo più di tanto quando, nella scena dopo, lei si sveglia sul sedile posteriore dell'auto che Joel ha rubato a Marlene dopo averla uccisa.

"Che è successo" chiede Ellie. E lui, che non si è manco degnato di creare una storia che avesse senso, risponde: "Ah no niente, alla fine pensa che hanno scoperto che ci sono dozzine di persone come te, immuni, però oh i medici hanno detto che non c'è nessuna cura possibile. E tutto questo mentre tu dormivi in sala operatoria, pensa...".

"Ah sì e com'è che sono ancora con la tunica della sala operatoria?" "Ah sì perché poi sono arrivati dei predoni che hanno assaltato l'ospedale e sono a malapena riuscito a portarti via così" "Ci sono stati dei feriti?" "Sì" "Marlene?" "...". Dopo questo scambio imbarazzante, i dubbi di Ellie sono all'apice, per cui in prossimità della comunità di Tommy dove stanno andando a stabilirsi, lei chiede a lui: "Mi giuri che tutta quella strana storia che mi hai detto è vera?" "Te lo giuro" "Ok". Titoli di coda sulla stagione di The Last of Us.

La nostra spiegazione del finale di The Last of Us

Apparentemente, la questione del finale di The Last of Us è: Joel ha fatto bene a privilegiare la sopravvivenza di Ellie alla (possibile) cura derivante dalla sua morte? E già messa così, alla luce delle parole di Ellie, viene da pensare che la stessa Ellie avrebbe forse preferito sacrificarsi, se messa davanti alla verità.

A un livello più profondo, tuttavia, secondo noi la domanda cruciale è: perché Joel ha fatto quel che ha fatto? Che non è, "soltanto", aver portato via Ellie dall'ospedale impedendo così la creazione di una cura. Ma è aver ucciso con estrema freddezza chiunque gli sia capitato a tiro, senza risparmiare nessuno, senza manco provare a ragionare. 

The Last of Us, Ellie e Joel

E quindi, perché lo ha fatto? Perché non credeva nella possibilità di cura? Perché pensava che sarebbe stato meglio aspettare un altro medico che riuscisse a trovare una cura senza uccidere Ellie? Perché riteneva la sacralità della vita di Ellie superiore alla possibile salvezza dell'umanità?

No, non per queste o altre possibili "nobili" o almeno sensate ragioni. Bensì perché, semplicemente, lui non voleva rivivere il trauma della morte di Sarah, che era appena riuscito a superare proprio grazie a Ellie. Gli era finalmente tornato il sorriso, dopo tanti anni, nel passaggio dal considerare Ellie "un carico" a chiamarla "baby girl" come faceva con la figlia.

Come avrebbe potuto accettare di vedere Ellie sezionata e uccisa, foss'anche per la possibilità di salvare il resto del mondo? No, nessuna possibilità, non importa cosa avrebbe fatto Ellie, anzi tanto vale raccontarle delle bugie per tenersela buona.

Vista così, alla fine, Joel non è un buono. Non è più un buono o, forse, non è mai stato un buono? Difficile da dirlo, ma è difficile anche negare che in questo finale di stagione Joel abbia dato prova di essere davvero una persona "broken", danneggiata, rotta definitivamente. Perché quella che a lui sembra la salvezza di Ellie, in realtà, è solo un atto di spregevole egoismo, realizzato uccidendo senza alcuna pietà.

Cosa succederà in The Last of Us 2

E quindi eccoci qui. Druckmann e Mazin hanno già spiegato che la seconda stagione non coprirà tutta la seconda e ultima parte del gioco, ma che essa sarà raccontata in "più di una stagione". Quante, ancora non si sa.

Gli autori della serie hanno anche promesso che nella prossima stagione si vedranno più scene con gli infetti, e hanno assicurato che Bella Ramsey rimarrà nel ruolo di Ellie nonostante il salto di 4 anni nella storia. "Resterà con noi a meno che lei non voglia andarsene. E anche in quel caso potremmo costringerla a restare" hanno scherzato

E se è al momento impossibile dire quando uscirà The Last of Us 2 (nel 2025?), quello che si può dire è che appunto nella prossima stagione si dovrebbe vedere il personaggio di Abby, la figlia del chirurgo ucciso da Joel. Ma non diciamo altro, per non spoilerare la storia a chi non la conosce già dal videogioco.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

The Last of Us, la spiegazione del finale della prima stagione

Today è in caricamento