Venerdì, 4 Dicembre 2020

Elisa Isoardi vittima di stalking: “È stato pesante”

La conduttrice ha confessato di essere stata perseguitata da un molestatore che arrivava a telefonare a sua madre anche di notte: "Sono le madri a dover insegnare ai figli maschi a non usare violenza" ha detto in un'intervista al settimanale 'Top'

Elisa Isoardi (Infophoto)

Dopo essere balzata al centro del gossip per la frequentazione con il leader della Lega Matteo Salvini, Elisa Isoardi è tornata a far parlare di sé per essere stata la protagonista di una vicenda di stalking, raccontata da lei stessa al settimanale 'Top' a distanza di qualche tempo dalla sua fortunata conclusione.

La popolare conduttrice Rai ha rivelato per la prima volta di aver vissuto un periodo molto pesante a causa di un persecutore che era riuscito a ottenere il numero dei suoi genitori al solo scopo di infastidirli.

Affrontando il tema del femminicidio definito come "una questione culturale" - "Le prime persone che devono insegnare ai figli maschi a non usare violenza verso la fidanzata e le donne in generale sono le madri, che devono dare l’esempio in casa" ha detto - ha spiegato l'episodio vissuto in prima persona: 

Mi è successa una cosa molto strana. Una persona ha chiamato al telefono qualcuno del mio paese, dove vivono solo 7mila persone, e ha detto: ‘Salve, mi dà il numero della Isoardi?’. Visto che in paese si conoscono tutti e non esiste il concetto di pericolo, questa persona, pensando di fare bene, gli ha dato il numero di mia mamma. E così hanno cominciato a chiamare mia madre, alle 4 di notte. Non era il numero privato ma del ristorante e quindi mia madre non poteva non rispondere alle chiamate dei clienti. Così ha passato due mesi a rispondere a un uomo che diceva: ‘Ti amo Elisa, ti amo!’. Lo ripeteva di continuo. A un certo punto non ce l’ha più fatta, è andata dai carabinieri e ha lasciato loro il numero di telefono dello stalker. I carabinieri sono riusciti a scoprire chi fosse, poi non ho voluto sapere più nulla di questa storia. Quello che è successo a me è fastidioso, perché al limite non dormi ma, per fortuna, non sanno dove ti trovi. Quando invece vengono sotto casa tua è molto più pesante. Comunque, secondo me non si nasce stalker. Quando queste persone vengono individuate vanno seguite da psicologi e specialisti altrimenti non smetteranno mai di agire in questo modo.

Rispetto alla possibilità di trovare un nuovo amore e magari di divenatre mamma in futuro, la Isoardi ha poi confidato: 

Oggi ero in macchina e vedevo delle bellissime mamme uscire da Villa Pamphili con le carrozzine e mi sono detta: ‘Corro a destra e a sinistra e a 32 anni non mi sono mica ricordata di fare un figlio! Però per me l’istituzione è la famiglia, per fare un figlio devi avere un padre. Oggi noi donne siamo efficienti e autosufficienti però io ho una visione tradizionale della famiglia quindi, quando troverò la persona giusta lo farò.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Elisa Isoardi vittima di stalking: “È stato pesante”

Today è in caricamento