Domenica, 24 Gennaio 2021

Lapo Elkann e la gaffe su Berlusconi

Il giovane Agnelli racconta di quando votò il Cavaliere, ma i conti non tornano... Il suo preferito? Renzi

E' un fiume in piena Lapo Elkann nell'intervista rilasciata al Fatto Quotidiano in edicola oggi. Un racconto a tutto tondo, dalla rivelazione shock sulle violenze subite da bambino in collegio, fino alla crisi che ha travolto l'Italia e la politica, o meglio, i politici. Ed è quì che Lapo fa una bella gaffe...

Non si schiera nè a destra nè a sinistra, anche se ammette di aver votato Berlusconi una volta, nel '94, ma qualcosa non torna. Lapo Elkann è nato a New York il 7 ottobre 1977, ciò vuol dire che nel 1994, anno della prima vittoria del Cavliere, aveva solo 17 anni e non poteva votare. Sarà stata un'invenzione del momento per nascondere un'antipatia di fondo che nutre nei confronti del leader del Pdl?

Lapo è rimasto abbastanza deluso: "Il suo lavoro - ha dichiarato - aveva creato slancio e pensavo potesse replicare lo stesso schema in politica. Poi molto di quel che era stato promesso non è stato fatto e io non l'ho votato più. Ha compiuto errori, come tanti altri, ma sarei stato felice se avesse fatto di più".

E' molto attento alla politica il rampollo Agnelli: "Oggi governano Letta e Alfano, il parricida. Possono fare un buon lavoro e anagraficamente il tempo è dalla loro parte. Quando c'è stato lo show down nel Pdl ho cercato il numero di Alfano che incontro spesso in treno e poi l'ho chiamato 'Lei ha dato prova di avere grandi coglioni' gli ho detto".

Il preferito di Lapo, però, sembra essere proprio Matteo Renzi: "Mi pare uno che si comporta nello stesso modo che abbia davanti un cameriere o il presidente della Repubblica. Un atteggiamento che mi piace. Troppo facile giocare a fare il duro con chi lavora per te, meno semplice farlo con chi ha più capacità, intelligenza o palle di te".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lapo Elkann e la gaffe su Berlusconi

Today è in caricamento