rotate-mobile
Venerdì, 24 Marzo 2023
Gossip

Laura Pausini difende la figlia: "Paola nel mio videoclip? Almeno c'è il mio consenso"

La cantante continua la sua battaglia per difendere l'immagine della figlia Paola, tra gossip spietato e foto rubate. La piccola compare nel videoclip di una canzone e lei spiega: "Almeno la vedete con il nostro consenso"

Laura Pausini ha sempre cercato di difendere la privacy di sua figlia Paola, la piccola nata dall'unione con il produttore Paolo Carta. Eppure ora ha deciso di rispondere a un fan che le chiedeva perché avesse scelto di mostrare pubblicamente l'immagine della figlia nel dvd di "Simili". Una decisione che spiazza, considerato quando la Pausini ha lottato come una leonessa per la figlia, per difenderla da gossip spietato e foto rubate.

"Hai fatto bene a chiedermelo - dice la Pausini - Ti spiego: Paola è anche nel videoclip della canzone che facciamo insieme "È a lei che devo l'amore". Il motivo è che nel corso di questi 2 anni e mezzo abbiamo fatto il possibile per nasconderla e proteggerla ma purtroppo non ci sono in tutto il mondo leggi sulla tutela e la privacy dei minori". 

Laura Pausini è un fiume in piena e racconta:

Per esempio anche la scorsa settimana è uscito in Brasile un articolo con delle foto rubate fatte a noi 3 durante una promozione a Madrid, foto che sono state pubblicate con il viso di Paola scoperto perchè non esiste la legge che li obblighi a pixelarla. Queste foto sono andate subito su internet e dunque anche altre nazioni le hanno pubblicate mostrando il suo viso. Sta diventando davvero impossibile per noi riuscire a mantenere questa privacy anche se come credo immagini non è che da oggi la metteremo ovunque , anzi, ma abbiamo deciso che nella canzone dedicata a lei, Paola fosse ritratta con noi come quando siamo in casa, e almeno la vedete con il nostro consenso, al nostro fianco. Ecco tutto

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Laura Pausini difende la figlia: "Paola nel mio videoclip? Almeno c'è il mio consenso"

Today è in caricamento