Sabato, 25 Settembre 2021
Gossip

Miriana Trevisan: "Ora sono una milf, ma a Non è la Rai ci sfruttavano"

Ai microfoni de 'I Radioattivi', la showgirl partenopea che debuttò in tv grazie al programma di Gianni Boncompagni ha raccontato i retroscena della trasmissione e ha colto l'occasione per affermare che oggi "sono tutti raccomandati"

Da quel 9 settembre 1991 e per i successivi quattro anni,Non è la Rai” e le sue giovanissime protagoniste entrarono nelle case di milioni di italiani. Tra loro, anche una giovanissina Miriana Trevisan che ora, a distanza di vent’anni dalla chiusura del programma, ha scelto i microfoni de “I Radioattivi” su Radio Club 91 per svelare gli altarini del programma di successo ideato Gianni Boncompagni e Irene Ghergo, dai poster che costituivano "lavoro extra mai retribuito" ai rapporti con le altre ragazze, "tra affetto e coltellate".

"Tutti sfruttavano la nostra immagine lì a 'Non è la Rai', ci costringevano a posare e a fare poster senza compenso" ha detto: "Io entrai nel programma non per una scelta proprio di Gianni Boncompagni ma di Marina Cinti, la sua coreografa. Ero una semiprofessionista, una ballerina, e loro mi cercarono per ben un anno per farmi partecipare come figurante. All’inizio non accettai perché il mio sogno era di fare la ballerina professionista, danzare a Londra. Mio padre però mi disse inizia e poi vedrai. E così è andata".

Quanto alla relazione con le colleghe sue coetanee, ha ammesso l'esistenza di screzi e invidie: "Tra di noi volavano coltellate. Sai, eravamo tutte femmine… Però c’era anche dolcezza" e su Ambra Angiolini ha ammesso non vi fosse un rapporto particolarmente affiatato: "Quando entrò lei io andai via. Ho vissuto il suo fenomeno per pochissimi mesi, forse tre".

Si è detta, poi, "inquietata" riguardo alla dichiarazione fatta qualche tempo fa da Matteo Salvini che, ospite su Radio2 a 'Un giorno da pecora' aveva svelato di aver avuto in camera il poster della Trevisan: "Mi fa brutto, ho scritto una lettera pubblica su questa cosa", ha commentato lei che non ha fatto mistero di non nutrire olta simpatia nei confronti del leader della Lega. 

Oggi la showgirl partenopea si descrive come "una milf tranquilla, fiera delle rughe" ("Ora la gente mi ascolta, grazie a Dio posso comunicare senza il velo della bellezza" ha detto) e parlando dei progetti futuri, coglie l'occasione per togliersi qualche sassolino dalle scarpe:

"Vorrei un programma serio ed elegante. Potrei condurre al posto di D’Urso e Panicucci. Ma sono tutti raccomandati. Mi sono preparata in silenzio sono pronta per una conduzione più da protagonista. Ma sto scoprendo anch’io che purtroppo è vero sono tutti raccomandati. Ho sempre avuto una visione romantica dell’impegno, pensavo di non essere in grado di dover studiare, ma tutti mi dicono sei troppo seria. Ho pagato le verità che non ho voluto vedere.... Vivo di arte dipingo, sto scrivendo un romanzo ne ho pubblicato un libro per bimbi. Sono più felice adesso. Le cose adesso me le vivo più intensamente".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Miriana Trevisan: "Ora sono una milf, ma a Non è la Rai ci sfruttavano"

Today è in caricamento