rotate-mobile
Lunedì, 16 Maggio 2022
Gossip

Libido maschile a rischio con troppi film hard, colpiti anche i più giovani

La pornografia può arrivare a spegnere il desiderio e causare problemi di coppia. Un recente studio mette in guardia dall'abuso di video e filmini hard

Non è il ricorso alla pornografia il rimedio ideale per una libido un po' spenta, anzi, secondo alcuni studi effettuati dalla Società Italiana di Andrologia Medica e Medicina della Sessualità, l’abuso di materiale pornografico può causare una forma di assuefazione che a lungo termine peggiora la situazione.

Anche per gli adolescenti esiste un serio rischio in questo senso: la possibilità di partecipare a giochi sessuali online, attraverso chat e siti appositi, causa un’assuefazione prima del tempo ed un’inibizione diffusa a livello di vita reale, cui vien preferita quella virtuale.

Il calo di desiderio è registrato proprio fra i ragazzi fra i 20 ed i 25 anni, che dovrebbero invece avere una libido ai massimi livelli. La conseguenza peggiore è la "Anoressia Sessuale”, ossia la totale mancanza di desiderio che, se compare all’interno della coppia, determina quasi sempre il naufragio del legame.

Abituati ai modelli proposti dal materiale pornografico dei siti hard, i ragazzi tendono inoltre a colpevolizzare le coetanee, pretendendo prestazioni di pari livello. Tuttavia, gli stessi maschi assumono poi un atteggiamento passivo durante il rapporto, altra conseguenza della "assuefazione da pornografia".

Particolarmente significativa a questo riguardo un’intervista effettuata dalla BBC One Newsbeat alla diciannovenne Hannan Ewens, che ha rivelato come i suoi coetanei si aspettino dalle partner gli stessi comportamenti che sono abituati a vedere nei film e sui siti web, senza rendersi conto che la realtà è ben diversa da una finzione cinematografica.


 

 

Gallery

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Libido maschile a rischio con troppi film hard, colpiti anche i più giovani

Today è in caricamento