Lunedì, 15 Luglio 2024
Gossip

Selvaggia Lucarelli risponde alla D'Urso: "Le querele per antipatia non mi spaventano"

La procura di Roma ha chiesto l'archiviazione del processo alla blogger, accusata di diffamazione, che va avanti da un anno

"Nessun contenuto diffamatorio" nelle parole che Selvaggia Lucarelli aveva speso nel 2013 nei confronti di Barbara D'Urso. Questa la sentenza della procura di Roma che ha chiesto l'archiviazione del processo alla giornalista, trascinata in tribunale dalla permalosa "Carmelita", alla quale non erano piaciute alcune critiche sul suo conto.

La Lucarelli è sempre stata serena e convinta della sua "innocenza": "Le querele, soprattutto quelle per antipatia, non mi spaventano - ha scritto sulla sua pagina Facebook - Continuerò a esercitare il mio diritto di critica, di satira e di opinione, sempre nel rispetto del lecito, che è cosa che stabilisce la costituzione, e del buonsenso, che è cosa che stabilisco io".

Sono in tanti ad aver sempre sostenuto la giornalista in questa vicenda: "Grazie a tutti per l'affetto e la solidarietà - ha scritto ancora - ma davvero, queste sono eccezioni. Per una mia opinione o una mia battuta i più si arrabbiano o si fanno una risata, nient'altro. Qualcuno, dopo un mio articolo anche tagliente, è perfino diventato mio amico perché s'è divertito e mi ha chiamata, dandomi un'esemplare lezione di autoironia. I tribunali si scomodano per cose serie, non dobbiamo dimenticarcelo mai. Lo dobbiamo a chi per anni aspetta che sia fatta giustizia questioni davvero importanti, mentre i tribunali sono ingolfati da querele e cause per fuffa o antipatia".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Selvaggia Lucarelli risponde alla D'Urso: "Le querele per antipatia non mi spaventano"
Today è in caricamento