Domenica, 28 Febbraio 2021

Claudio Lippi al veleno: "Cristina Parodi asettica, a Domenica In mancanza di rispetto"

Il conduttore: "L’esperienza di Domenica in mi ha avvilito. Ho fatto quel che mi è stato chiesto, cioè niente, e ho portato avanti faticosamente la mia inutile presenza"

Claudio Lippi, 72 anni


Claudio Lippi senza filtri. Al termine della stagione televisiva, il conduttore milanese, 72 anni, si dice insofferente nei confronti della Rai, in cui - afferma - "regna la confusione perché la situazione politica è precaria", e di come il suo lavoro è stato gestito in questi mesi da "Domenica In". 

In un momento politico turbolento come quello che sta vivendo il Paese, Lippi, si lascia andare a dichiarazioni nette su Rai e politici. “In Rai? Regna la confusione. Stanno prendendo decisioni sui palinsesti futuri, ma è tutto palesemente precario, perché precaria è la situazione politica […]  - dichiara - vertici dell’azienda sono con gli scatoloni sotto la scrivania. Da anni dicono che bisogna togliere la politica dalla Rai, ma è un’utopia, perché da sempre le nomine vengono spartite secondo la composizione parlamentare. Io sono molto orgoglioso di essere fuori dal meccanismo politico, ma ho davanti a me una nutrita lista d’attesa”.


La rabbia di Claudio è dettata anche dal mancato rispetto che l'azienda avrebbe avuto nei suoi confronti. "L’esperienza di Domenica in mi ha avvilito - prosegue - Mi hanno fortemente voluto nel cast sin dall’inizio, ma dalla prima puntata c’è stato un uso improprio della mia persona e non si è più potuto recuperare. Il progetto con le signore Parodi, ahinoi, è fallito sul nascere". Maretta con Cristina?  "Tutto si è concentrato su di lei, senza però capire a cosa si andasse incontro. A un prodotto urlato come Domenica live, pur condotto con grande maestria e professionalità, si contrapponeva una linea signorile ma senza contenuti. La conduzione della Parodi non è criticabile, ma è stata asettica ed è mancato il coinvolgimento". E non è finita: "Ho fatto quel che mi è stato chiesto, cioè niente, e ho portato avanti faticosamente la mia inutile presenza. Spesso mi sono chiesto “Che ci faccio qui?”. Ho mandato un messaggio alla Parodi sul finale di trasmissione. Le ho detto che non è stato piacevole ignorare la mia presenza: tutti meritano rispetto, io non l’ho riscontrato. Non è una polemica, ma una constatazione".

Il futuro non sembra dei più rosei: "Non c’è spazio: tutte le caselle sono già occupate. Gabriele Corsi farà Reazione A Catena, mi sorprende, ma è una persona capace. Elisa Isoardi farà la Prova del Cuoco, mentre Flavio Insinna farà L’Eredità". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Claudio Lippi al veleno: "Cristina Parodi asettica, a Domenica In mancanza di rispetto"

Today è in caricamento