Domenica, 28 Febbraio 2021

Heather Parisi, duro sfogo social dopo gli attacchi subiti: la decisione

“Non accetto la cattiveria gratuita. Cancello e blocco”, scrive la showgirl americana in calce all’ultimo post Instagram

Heather Parisi

Che Heather Parisi non le mandi certo a dire è ormai una caratteristica ben nota al pubblico televisivo che ha avuto modo di assistere ai battibecchi con Biondo e Simona Ventura durante il serale di ‘Amici’.

Tuttavia, la sua sincerità non è apprezzata da tutti nello stesso modo, e i social utilizzati dalla ballerina per esprimere il suo punto di vista sono spesso stati il terreno virtuale per gli utenti che le hanno rivolto critiche talvolta molto pungenti.

Amici, Heather Parisi: "Qualcuno fermi questo gioco al massacro prima della tragedia" 

Heather Parisi, il duro sfogo sui social 

Per questo Heather Parisi ha voluto ribadire ancora una volta le sue idee in merito all’utilizzo dei social, di Instagram principalmente, scrivendo un lungo post che ha ben delineato il personale approccio con il mezzo e l’insofferenza nei confronti di quanti se ne servono per attaccare e offendere senza mezzi termini.

“Ho iniziato Instagram perchè sono sempre stata appassionata di foto. Visualizzare, per me, viene prima di ogni altro senso.
E all’inizio Instagram per me era solo immagini. Poi, un po’ per volta, è diventato qualcosa di più. Condivisione di momenti, di sentimenti, di emozioni, ma anche confronto di esperienze e di pensieri”, ha esordito la ex protagonista di ‘Nemicamatissima’ che nonostante sia molto gelosa della propria vita privata, ha scelto di “abdicare alla propria privacy”.

La showgirl ha poi raccontato di essersi sempre occupata personalmente del suo profilo Instagram, Twitter e del suo Blog, limitandosi a raccontare la propria vita sempre con sincerità e consapevole di essere esposta a vari giudizi. L’accettazione di questa conseguenza, però, incontra degli inevitabili confini.

“Sono consapevole che la scelta di condividere alcuni momenti della propria vita comporta l’inevitabile conseguenza di essere costantemente giudicati. E ho imparato ad accettarlo. Quello che non riesco ad accettare è la cattiveria gratuita, l’odio come riscatto sociale, l’offesa come lotta di classe, la moralità spicciola, la curiosità morbosa”, ha scritto ancora:
“Il concetto per cui la presenza sui social implichi la conseguente necessità di dover render conto di tutti i propri fatti personali e di dover accettare le offese ad personam, è non solo di una violenza inaudita ma è anche privo di ogni onestà intellettuale”.

Heather Parisi si è (ri)sposata

Heater Parisi contro gli haters: “Cancello e blocco”

“Ci sono persone che affidano le insoddisfazioni, le frustrazioni, gli insuccessi della propria vita a commenti intrisi di odio e invidia nella speranza di riversare altrove un po’ della loro infelicità”, si legge infine nella lunga riflessione della ballerina che per contrastare gli atteggiamenti più irrispettosi ha assunto la decisione più drastica di ‘bloccare’ alcuni utenti: “Ma, ahimè per loro, le sorti della loro vita non sono destinate a cambiare con un commento. Ed io cosa faccio? Cancello e blocco. H*”.

Tantissimi i follower che hanno apprezzato ancora una volta la sua schiettezza, ripagata con numerosi commenti volti a congratularsi con lei per l’espressione di un punto di vista chiaro e netto.

Ho iniziato Instagram perchè sono sempre stata appassionata di foto.  Visualizzare, per me, viene prima di ogni altro senso. E all’inizio Instagram per me era solo immagini. Poi, un po’ per volta, è diventato qualcosa di più. Condivisione di momenti, di sentimenti, di emozioni, ma anche confronto di esperienze e di pensieri. Per una come me, molto gelosa della propria vita privata, non è stato facile abdicare alla propria privacy. Per molti personaggi dello spettacolo, i social sono uno strumento di promozione del proprio lavoro e un tassello importante nella costruzione della propria immagine. Spesso sono gestiti da agenzie specializzate, e in ogni caso pochissimo è lasciato all’improvvisazione e alla spontaneità. Tutto ha uno scopo preciso, dalla commozione all’indignazione. Io mi sono sempre occupata personalmente del mio profilo Instagram (al pari di Twitter e del mio Blog), e mi sono sempre limitata a raccontare la mia vita, in modo a volte ripetitivo, ma sempre con sincerità. Sono consapevole che la scelta di condividere alcuni momenti della propria vita comporta l’inevitabile conseguenza di essere costantemente giudicati. E ho imparato ad accettarlo. Quello che non riesco ad accettare è la cattiveria gratuita, l’odio come riscatto sociale, l’offesa come lotta di classe, la moralità spicciola, la curiosità morbosa. Il concetto per cui la presenza sui social implichi la conseguente necessità di dover render conto di tutti i propri fatti personali e di dover accettare le offese ad personam, è non solo di una violenza inaudita ma è anche privo di ogni onestà intellettuale. Ci sono persone che affidano le insoddisfazioni, le frustrazioni, gli insuccessi della propria vita a commenti intrisi di odio e invidia nella speranza di riversare altrove un po’ della loro infelicità. Ma, ahimè per loro, le sorti della loro vita non sono destinate a cambiare con un commento. Ed io cosa faccio? Cancello e blocco. H* #heatherparisi #umberto #hpeace #amolamiavita

Un post condiviso da Heather Parisi (@heather__parisi) in data:

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Heather Parisi, duro sfogo social dopo gli attacchi subiti: la decisione

Today è in caricamento