rotate-mobile
Domenica, 3 Marzo 2024
Vip

Andrea Piazzolla in lacrime a "Verissimo": le ultime dichiarazioni su Gina Lollobrigida

L'assistente dell'attrice si è raccontato nel programma di Canale 5 a quasi un mese dalla sua morte

A quasi un mese dalla morte di Gina Lollobrigida avvenuta lo scorso 16 gennaio, il suo assistente personale Andrea Piazzolla è stato ospite di Verissimo per raccontare ancora dell'affetto che provava per lei e del rapporto simbiotico costruito negli ultimi tempi. Commosso fino alle lacrime il ricordo dei momenti trascorsi insieme, dal loro primo incontro avvenuto nel 2009, fino ai problemi di natura giudiziaria che lo vedono coinvolto tutt'oggi anche per via dei complicati rapporti con i famigliari dell'attrice. 

"Gina veniva prima di tutto e tutti, anche dei miei genitori" ha detto Piazzolla a Silvia Toffanin: "Quando venivo invitato le chiedevo se aveva piacere a partecipare alle feste della mia famiglia, se diceva di no restavo a casa con lei. Per me era tutto". Da anni Andrea ha una compagna, Adriana, e una bambina di due anni che ha deciso di chiamare Gina in onore dell'attrice: "Ho conosciuto la mia compagna quattro anni fa circa a casa di Gina. Perché io e la signora condividevamo tutto, anche gli amici", ha aggiunto: "Quando ho conosciuto Adriana ho messo fin da subito le cose in chiaro, le dissi: sappi che io ho un compito e cioè quello di stare accanto alla signora Lollobrigida. Lei mi ha capito ed è venuta a vivere con noi a casa di Gina insieme a nostra figlia".

Dopo la morte di Gina Lollobrigida, Andrea Piazzolla ha lasciato la villa in cui vivevano a Roma, ma continuerà ad occuparsi del suo patrimonio artistico: "Non ho bisogno di distorcere le cose. Oggi mi occupo di Gina", ha detto ancora in lacrime, confidando di non aver avuto ancora modo di realizzare la scomparsa della donna. 

(Di seguito, il video con l'intervista integrale a Verissimo)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Andrea Piazzolla in lacrime a "Verissimo": le ultime dichiarazioni su Gina Lollobrigida

Today è in caricamento