rotate-mobile
Martedì, 28 Maggio 2024
Vip

Christian De Sica: "Mio padre pieno di debiti, ci lasciò senza una lira"

L'attore, figlio del grande Vittorio De Sica, parla delle difficoltà economiche vissute in famiglia dopo la morte del famoso papà

Con un padre così, tutto si poteva immaginare, tranne che Christian De Sica non se la passasse bene da ragazzo. E invece era proprio così. Vittorio De Sica, grande attore, ma a quanto pare anche grande giocatore, morì nel 1974 lasciando la famiglia in una disastrosa situazione economica a causa dei debiti.

"Quando è morto mio padre avevo 23 anni e non c'avevamo 'na lira - ha rivelato in un'intervista a Libero - Non ci ha lasciato in una situazione economica felice, piano piano ho ricostruito tutto. Ho sempre avuto l'etichetta del figlio di papà e me la porterò nella tomba. Adesso ne ho anche un'altra, quella del papà di Brando". Il figlio Brando, infatti, ha seguito le sue orme e si divide tra la recitazione e la regia, mentre la figlia Maria Rosa, fa la stilista e ha fondato un brand tutto suo, Mariù De Sica.

Sposato dal 1980 con Silvia Verdone, sorella di Carlo Verdone, Christian De Sica ha raccontato un aneddoto molto divertente su quegli anni: " Frequentavo casa Verdone perché ero compagno di banco di Carlo. Ho fatto a botte con lui prima di fidanzarmi perché diceva che Silvia era una ragazzina e la dovevo lascià sta'. Io senza mia moglie Silvia non sarei quello che sono: una donna innamorata ti dà il coraggio di fare cose impensabili. Il nostro segreto? Essere cresciuti insieme, ci siamo innamorati quando lei aveva 14 anni e io 21".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Christian De Sica: "Mio padre pieno di debiti, ci lasciò senza una lira"

Today è in caricamento