rotate-mobile
Mercoledì, 5 Ottobre 2022
Vip

La cospirazione di Andrea di York contro Re Carlo per far salire William al trono

Secondo la scrittrice Angela Levin il Duca di York, con l'aiuto di Diana, avrebbe complottato contro il fratello per estrometterlo dal trono

Dopo la morte della regina Elisabetta II, come da successione Re Carlo III è salito al trono. In tanti speravano che il nuovo sovrano abdicasse in favore del figlio William. Tra questi anche un insospettabile all’interno della Royal family. A riportarlo è la scrittrice Angela Levin nel nuovo libro dedicato alla regina consorte: “Camilla, from outcast to queen consort”. Nel testo si viene a sapere che l’oppositore in famiglia di Carlo sarebbe niente di meno che il fratello Andrea, figlio prediletto di the queen. 

Levin scrive che il Duca di York complottò segretamente con la cognata Diana e la sua ex moglie Sarah Ferguson, amica di Lady D, per cercare di impedire a Carlo di diventare re e consentire al principe William di salire al trono. In tutto questo Andrew avrebbe comunque avuto un ruolo di spicco, riservandosi il ruolo di reggente del nipote. Sembrerebbe anche che Andrea, destituito dal ruolo di reale senior dopo il coinvolgimento nel caso Epstein, abbia fatto pressioni sulla regina opponendosi anche al matrimonio tra Carlo e Camilla, dipingendo la donna come: “Non degna di fiducia”.   

Il piano di Andrea

Nel nuovo libro di Angela Levin si legge che il duca di York abbia cospirato con la principessa Diana per impedire a Carlo di diventare re.  Il piano del Duca di York, era il seguente, scrive Levin: Carlo estromesso dal trono e Andrea nominato reggente se la regina fosse morta prima che William compisse18 anni.Grazie alle dichiarazioni di un insider all’interno della famiglia reale, la scrittrice è venuta a sapere che: “Andrea ha complottato con Diana per mettere da parte il principe Carlo con l'obiettivo che il principe Andrea diventasse reggente del principe William”.

Pare che il Duca abbia fatto pesanti pressioni alla madre, sfruttando il debole che Elisabetta aveva per lui. Tuttavia in quest’occasione la sovrana è stata inamovibile: “Il suo comportamento è stato molto, molto negativo ed estremamente spiacevole per la regina, che non era d'accordo. Mi è stato detto che era una delle rare occasioni in cui il figlio non ha ottenuto quello che voleva”, ha affermato la scrittrice. 

L’ostilità verso Camilla

Un atteggiamento che non sorprende. Del resto Re Carlo dopo il coinvolgimento del fratello nello scandalo Epstein è stato inflessibile destituendolo. A nulla sono valse le suppliche delle principesse di York, Eugenia e Beatrice, che hanno chiesto allo zio di reintegrare il padre nel suo vecchio ruolo. Il re non ne ha voluto sapere. Pare che Andrew abbia sempre avuto mire di potere: “Andrew era molto arrabbiato per non poter governare il paese in qualche modo”, si legge. 

Ad incidere sulla scelta di Carlo di allontanare il fratello da Windsor, non solo gli scandali in cui è stato coinvolto, ma anche l’ostilità dell’uomo nei confronti dell’amata moglie Camilla: “Ha cercato di persuadere la regina di impedire a Carlo di sposare Camilla ed essendo piuttosto velenoso, meschino, e molto cattivo nei confronti di Camilla”, ha riferito l’insider a Levin. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La cospirazione di Andrea di York contro Re Carlo per far salire William al trono

Today è in caricamento