rotate-mobile
Domenica, 26 Maggio 2024
Incastrato dalle telecamere

Fedez denunciato per il pestaggio di Cristiano Iovino: dal The club alle botte, cos'è davvero successo quella notte

Il rapper è stato deferito all'autorità giudiziaria per il reato di rissa la notte in cui il personal trainer è stato pestato sotto casa sua. Il branco, prima di fuggire, ha anche minacciato i due guardiani che hanno poi dato l'allarme. Il racconto

La verità nelle telecamere. La verità negli occhi di chi ha assistito al raid. La verità in un documento ufficiale arrivato in procura dopo quella notte di follia. Federico Leonardo Lucia - in arte Fedez, il rapper 34enne di Rozzano - è stato deferito all'autorità giudiziaria lo scorso 22 aprile poco dopo il pestaggio di Cristiano Iovino, il personal trainer romano di 37 anni diventato famoso per l'ormai celebre "caffè" con Ilary Blasi che era stato picchiato da otto, nove persone in via Marco Ulpio Traiano, proprio sotto il suo domicilio meneghino. 

Soccorso dai medici del 118, Iovino - che aveva una vistosa ferita al sopracciglio e altre "botte" su tutto il corpo - aveva rifiutato il ricovero in ospedale ed era tornato nel suo appartamento, dove era stato trovato insieme a Salvatore "Sasà" Angelucci, ex volto di "Uomini e donne" e oggi dj. Lì lo avevano raggiunto i carabinieri, che erano stati avvisati dai due vigilantes che si occupano della sicurezza nell'esclusivo "parco Vittoria", un complesso con sei torri, telecamere ovunque - anche se alcune non funzionanti - e quasi 500 abitazioni. Le telecamere, appunto.

Continua a leggere su MilanoToday Dossier...

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fedez denunciato per il pestaggio di Cristiano Iovino: dal The club alle botte, cos'è davvero successo quella notte

Today è in caricamento