rotate-mobile
Lunedì, 26 Febbraio 2024
Vip

"So cosa significa crescere con la camorra". L'addio di Frank Matano a Francesco Pio, ucciso per errore a 18 anni

La lettera-denuncia del conduttore in cui parla della sua esperienza personale e rivolge un pensiero al giovane morto per colpa di un proiettile vagante

Frank Matano su Instagram parlato della sua infanzia, dell'adolescenza vissuta nella provincia di Caserta. Dei viaggi in autobus e degli sforzi che ha sempre fatto per cercare di non trovarsi in "determinate situazioni" di non "incontrare un ragazzo che non era un camorrista ma voleva esserlo". Poi l'incontro ci fu e lui fu preso a testate "era la sua personalissima fellatio ai cattivi" spiega nella lunga lettera che ha scritto sul social indirizzato a Francesco Pio e a chi ancora oggi cerca di "imporsi con la violenza".

L'esigenza di Matano di scrivere questa lettera-denuncia è nata a seguito della morte di Francesco Pio: ucciso per errore, colpito da un proiettile volante esploso da un suo coetaneo, nonché omonimo, sul lungomare di Mergellina, a Napoli. Vittima di un litigio nato per un motivo futile, una scarpa calpestata e sporcata involontariamente, che è poi sfociata in una vera e propria rissa in cui però Francesco Pio non ha mai preso parte. Secondo gli inquirenti, infatti, il 18enne si sarebbe allontanato una volta accortosi dell'inizio della rissa e sarebbe stato colpito per sbaglio dal proiettile esploso non contro di lui ma contro altri giovani definiti "nemici", perché appartenenti a un altro rione. Il giovane che ha sparato, Valda, sarebbe il rampollo di una nota famiglia di criminali residente nella periferia ovest della città.

La lettera di Frank Matano a Francesco Pio e a chi vuole imporsi con la violenza

"Sono nato e cresciuto nella provincia di Caserta. Più di una volta ho assistito o vissuto in prima persona alla malevolenza gratuita di determinati ragazzi che hanno vissuto in determinate situazioni che li hanno portati ad essere in un determinato modo e questo ghirigoro inutile di parole si chiama camorra. Lo Stato ha scelto di lasciare migliaia di ragazzi a loro stessi. Educati da persone che nella vita non hanno avuto la possibilità di autodeterminarsi, questi ragazzi sono cresciuti pensando di essere invisibili, pensando che l'unica cosa che si possa possedere sia l'onore. Non c'è altro.

E se nessuno ti ha insegnato ad aprire la propria coscienza a te stesso, l'unico modo che hai di essere rispettato è la violenza. È una dinamica sociale fatta di potere applicato in poco meno di 20 km quadrati. Oltre il proprio paese non c'è altro. C'è un muro e ogni mattone di questo muro invalicabile è fatto di un pezzo della propria inadeguatezza. Ho fatto le superiori a Sessa Aurunca. Prendevo il pullman da Carinola fino a Sessa ogni mattina. Quasi ogni mattina cercavo di non incontrare un ragazzo che non era un camorrista ma voleva esserlo. Era amico di 'figli di' ma doveva dimostrare qualcosa di più al suo gruppo perché nelle sue vene scorreva sangue anonimo, insopportabile per un anonimo. Nessuno dà il giusto valore alla propria anonimia fin quando non la perde completamente, uccidendo qualcuno per esempio. La quiete di non essere nessuno turba dolorosamente i nostri cuori soprattutto in questo mondo di porno-ego.

Questo mio coetaneo aveva scelto da maturo quindicenne di imporsi sugli altri. Quando scendevo dal pullman ci fermavamo mezzoretta in villa a Sessa prima di entrare in classe (2004). Ho fatto il linguistico. I miei compagni di classe con cui era in villa prima di entrare ogni mattina erano poco meno di dieci donne. Ho vissuto il matriarcato nella mia adolescenza. Ero al linguistico. Dicevo. Stavo nel mio gruppetto, in villa. Questo ragazzo mi si avvicina e mi chiama 'o suggettò' che vuol dire 'soggettone' che vuole dire 'tu che non ti imponi con la forza qui avrai problemi'. Non risposi alle provocazioni. Si avvicina sempre di più, siamo faccia a faccia, mi minaccia senza motivo, senza motivo, nessun motivo, zero motivi, non un motivo. Mi dà una testata secca sulla bocca. Così a caso. Senza motivo. Nessun motivo. Zero motivi. Non un motivo. Per ridere. Per fare la camorra. Era la sua personalissima fellatio ai cattivi.

Mi mortifica. Non dico niente. E mi porto il non dire niente per tutto l'anno scolastico. Mi porto il non dire niente fino a domani. Non dire niente è un altro modo di morire. Non dire niente per non morire di fronte a un bar con un vodka lemon annacquato in mano. Non reagire a una umiliazione. Non rispondere alla violenza richiede una perversa autocommiserazione e non si capisce dove finisce quella e dove inizia l'istinto di sopravvivenza. Questo messaggio è diretto ai ragazzi che vogliono imporre se stessi con la violenza. Non c'è nulla che vi fermerà. Neanche un morto. Neanche mille, di cui già non sappiamo più nulla. Fra un mese Francesco Pio sarà uno di quelli. Niente di più. E chi l'ha ucciso sarà uno di quello. Niente di più. Nessuno protagonista. Torna l'anonimia. Resta il nulla. Resta il contrario della speranza. Restano solo dei ragazzi a cui non è permesso di vivere dignitosamente. Riposa in pace Francesco Pio. Riposa in pace fratello mio campano".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"So cosa significa crescere con la camorra". L'addio di Frank Matano a Francesco Pio, ucciso per errore a 18 anni

Today è in caricamento