Lunedì, 12 Aprile 2021

Heather Parisi: "Da 200mila passeggeri a 400, ecco gli aeroporti di Hong Kong in tempi di coronavirus"

La ballerina americana vive da 10 anni nel territorio autonomo del sud-est della Cina

Heather Parisi, 60 anni (Crediti foto Instagram)

Heather Parisi è testimone diretta di quanto avviene in questi giorni di emergenza coronavirus dall'altra parte del mondo, ovvero ad Hong Kong, dove vive da dieci anni insieme al marito Umberto Maria Anzolin e ai loro due figli, Elizabeth e Dylan. Ed è attraverso il suo profilo Instagram che fa il punto della situazione nel territorio autonomo del Sud Est della Cina: "Dall’inizio della pandemia sino ad oggi, a Hong Kong si contano in totale 1,017 casi e 4 decessi di COVID-19 - scrive - Oggi c’è stato 1 solo caso ed è il quinto giorno consecutivo in cui siamo in cifra unica (al di sotto dei 10). Tutti i casi registrati nelle ultime settimane sono riferibili a persone che sono rientrate dall’estero". 

Heather si sofferma a spiegare come è cambiata la situazione negli aeroporti. "In tempi normali l’aeroporto di Hong Kong accoglie più di 200,000 passeggeri al giorno. Oggi, ai tempi del COVID-19, solo 400 passeggeri sono ammessi", spiega, "È consentito l’arrivo solo di cittadini residenti a Hong Kong e non sono ammessi nemmeno i passeggeri in transito. All’arrivo si è accompagnati nel complesso dell’Asia Expo, quello destinato ai concerti e alle manifestazioni pubbliche. Qui viene effettuato il tampone e bisogna attendere l’esito financo a 12 ore. Se si è negativi, si può andare a casa con l’obbligo dei 14 giorni di quarantena al proprio domicilio, se si è positivi si è accompagnati all’ospedale". 

"Non abbassate la guardia"

Il messaggio che la ballerina americana vuole lanciare ad italiani ed europei è quello di non abbassare la guardia: "Sono stata presa in giro in passato per aver difeso l’uso della maschera che a Hong Kong abbiamo indossato su base volontaria, fin da subito - prosegue - Credo che si sia dimostrata, assieme ad altri provvedimenti adottati dalle autorità di Hong Kong, una scelta determinante e non capirò mai perché in altri paesi ci sia stata tanta avversione". 

"Pochi ne parlano - conclude - Ma Hong Kong assieme a Taiwan, è tra i paesi con il più basso numero di morti, il più basso numero di morti per milione di abitanti e il più basso numero di contagi per milione di abitanti, senza aver mai praticato il Lockdown o la chiusura delle attività. Come Taiwan, Nuova Zelanda e Finlandia, tutti paesi con numeri bassi, è governata da una donna. Vorrà dire qualcosa?". 

Heather Parisi: "La seconda quarantena a Hong Kong? Ecco come stanno davvero le cose"

Continua a leggere le notizie su GossipToday

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Heather Parisi: "Da 200mila passeggeri a 400, ecco gli aeroporti di Hong Kong in tempi di coronavirus"

Today è in caricamento