Domenica, 7 Marzo 2021
senza filtri

Heather Parisi scrive da Hong Kong: "Vi dico com'è davvero la situazione covid in Cina"

La ballerina vive qui da anni insieme al marito e ai figli. Su Instagram risponde alle tante domande che le arrivano dall'Italia e fa sapere di rifiutare il vaccino

Heather Parisi nella metropolitana di Hong Hong, foto @Instagram

Guardare alla Cina per uscire dall'emergenza. Un mantra ripetuto per mesi durante il lockdown - misura 'copiata' dal resto del mondo alla reginda d'Oriente, dove è nato il coronavirus - e poi improvvisamente scomparso. Così come sono scomparse quasi del tutto le notizie che arrivano dall'enorme Paese Asiatico. 

A dare aggiornamenti sulla situazione cinese è Heather Parisi, che da 10 anni vive a Hong Kong insieme al marito e ai figli. Dalle foto e storie pubblicate dalla ballerina, è evidente che la vita lì non è ripresa normalmente e mascherine e distanziamento fanno ancora parte della quotidianità. Sul vaccino però ci sono novità: "Molti mi hanno chiesto qual è la situazione del vaccino in Cina e a Hong Kong e cosa farò. In Cina al momento, sono state vaccinate 1 milione di persone (su 1.4 miliardi!). È prevista la vaccinaziine di 50 milioni, ma la risposta della gente è molto tiepida per ammissione delle stesse autorità che non stanno forzando la mano. A Hong Kong sarà disponibile forse a Gennaio e forse verrà data la possibilità di scegliere quale vaccino".

Heather Parisi: "Io e la mia famiglia non faremo il vaccino"

Numeri enormi, anche se proporzionali alla popolazione, che fanno ben sperare. Sul vaccino, però, Heather Parisi ha i suoi dubbi: "Io sono per la libertà vaccinale (cosìdetto consenso informatico) che è un diritto riconosciuto in tutto il mondo dalla Dichiarazione di Helsinki, dalla Dichiarazione dell'Unesco, dalla Dichiarazione di Norimberga; io e la mia famiglia non faremo il vaccino perchè è fuor di dubbio che si tratta di un vaccino sperimentale di cui non si hanno avuto modo di vedere gli effetti nel breve, nel medio e nel lungo periodo". Una posizione decisa la sua, anche se la showgirl prevede critiche: "Sono perfettamente consapevole che per questa scelta in Italia (non a Hong Kong) sarò derisa, attaccata, emarginata e che molti, in assoluta malafede, mi definiranno 'novax'. Purtroppo, nella società di oggi, la libertà e la tolleranza hanno ceduto il posto alla prevaricazione e alla violenza. Ma se questo è il prezzo da pagare per difendere l'ennesima violazione di un diritto inviolabile, lo faccio senza esitazione". Una decisione forte e senza dubbio opinabile, in molti però condividono in toto il suo pensiero.  

Tutte le celebrità in campo per il V-Day: chi si vaccinerà (e chi no), da Maria De Filippi a Luxuria

"Tua mamma è stata l'amante di Maradona": Heather Parisi replica alla follower del figlio 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Heather Parisi scrive da Hong Kong: "Vi dico com'è davvero la situazione covid in Cina"

Today è in caricamento