rotate-mobile
Sabato, 27 Novembre 2021
coppie

Luisa Ranieri: "Mio marito mi ha sempre detto che sono più bella nuda"

L'attrice napoletana racconta come il collega Luca Zingaretti l'abbia convinta ad accettare una scena di nudo

Quando gli attori accettano di interpretare scene di nudo, ci si domanda sempre come viva questo aspetto la persona che gli è accanto, se con imbarazzo oppure con una forma di gelosia. Questa volta invece è stato proprio Luca Zingaretti ad invitare Luisa Ranieri ad accettare una scena di nudo in E' stata la mano di Dio diretto da Paolo Sorrentino. Di fronte alla proposta del regista, lei infatti era molto in difficoltà: "Mio marito me lo ha sempre detto: “Sei più bella nuda che vestita, i vestiti su di te sono di troppo. Più semplice sei, più il tuo corpo prende bellezza. La mia fisicità sullo schermo diventa imponente, tanta”. Lui l’ha capito subito e me lo diceva di togliere, ma io non lo ascoltavo". 

Nel film, Luisa è Patrizia, la zia eccentrica e fondamentale del protagonista, protagonista di una scena di nudo integrale che ha ipnotizzato il pubblico alla prima alla Mostra del cinema di Venezia. "E dire che il nudo integrale proprio non volevo farlo. Sorrentino mi ha informata solo all’ultimo. Quando mi ha dato tutta la sceneggiatura, abbiamo parlato a lungo di questa zia e solo alla fine – ero già sulla porta – mi dice: “Ah, dimenticavo: questo personaggio ha una scena di nudo integrale che è fondamentale”". "E io, piuttosto meravigliata: “Ah. Sai Paolo, io vado per i 47. Che me fai fa?”". E lui: "Ma no, sarai bellissima, poi le donne sono bellissime sempre, stai tranquilla”". 

"È stata la mano di Dio" di Paolo Sorrentino rappresenterà l'Italia agli Oscar

Ma come mai Luisa era così in apprensione per la scena da girare? "Ero ancora traumatizzata dall’altro unico nudo integrale della mia carriera, in Eros di Michelangelo Antonioni - anche lì, mica me l’aveva detto all’inizio di che cosa si trattava -, e avevo giurato a me stessa: mai più. Però ho pensato: un nudo integrale di Sorrentino sarà un nudo poetico. E poi: vabbè, mi butto".  A fare la differenza è stata l'età: "A 27 ero più paffutella, più morbida. Ma soprattutto non ero una che stava bene con se stessa, ero timida, introversa, è stata quasi una violenza. Invece questo nudo qui, per quanto tosto, l’ho vissuto con una maturità da donna, più consapevole, non l’ho subìto". 

A rompere i suoi indugi, anche il marito. "Luca mi ha detto: “Non sarai così pazza di non accettare per una scena di nudo. Tu sei un’attrice e ti spogli. Anche perché te lo puoi permettere. E poi sarà l’ultimo nudo della tua carriera”".

'È stata la mano di Dio' emoziona Venezia 78 e conferma la grandezza di Sorrentino e del cinema italiano

La storia d'amore tra Luca Zingaretti e Luisa Ranieri

Luca Zingaretti e Luisa Ranieri si sono conosciuti sul set della miniserie televisiva Cefalonia, nel lontano 2005. La loro relazione è nata allora, forte e salda nel tempo, e nel 2011 ha portato alla nascita della prima figlia, Emma, nel 2015, a quella di Bianca. “Diventare papà è stato come rinascere per la seconda volta. Sono pazzo delle mie bambine", ha affermato Zingaretti delle sue figlie. E Luisa è pazza d'amore per il marito: "Io sono brava in cucina e nel mettere in ordine. Lui è bravissimo a studiare con nostra figlia Emma: ha pazienza, la incuriosisce, la porta con sé in libreria. (...) Sono una donna fortunata, perché ho sposato un uomo con una virilità prorompente, ma anche una sensibilità quasi femminile e un amore vero per le donne: Luca dice sempre che abbiamo una marcia in più, che si lavora bene con noi perché siamo più precise e organizzate". 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Luisa Ranieri: "Mio marito mi ha sempre detto che sono più bella nuda"

Today è in caricamento