rotate-mobile
Venerdì, 28 Gennaio 2022
domenica in

Mara Venier spiega i reali motivi della caduta a "Domenica In"

Nella puntata del 21 novembre la conduttrice è scivolata rovinosamente nel backstage

Inarrestabile Mara Venier. Nel corso della puntata del 21 novembre di Domenica In, la conduttrice è andata avanti a lavorare nonostante una rovinosa caduta avvenuta dietro le quinte. Ma è proprio questo stakanovismo la ragione del rovinoso capitombolo accaduto nel backstage. A raccontarlo adesso è proprio la presentatrice veneta nel corso dell'ultima intervista rilasciata al settimanale Oggi. 

Com'è noto, domenica scorsa Mara è rientrata in studio col ghiaccio, per poi spiegarne le ragioni: poco prima, era scivolata sul pavimento lucido sbattendo la faccia e disintegrando gli occhiali. Risultato: un bernoccolo sulla testa, un versamento al ginocchio e dolore alla caviglia. Preoccupazione in camerino, col vicedirettore di rete Massimiliano De Santis profondamente angosciato, ma lei ha preferito proseguire col suo lavoro, senza fermarsi. 

Riflettendo poi sull'accaduto, Mara individua nella sua fretta le reali ragioni della caduta. "Mi rendo conto che sentendo la responsabilità del programma, faccio troppo. Corro qui e lì. Ma stavolta penso di aver imparato la lezione. Io devo imparate a prendere le coe con maggior leggerezza. Il mio nuovo mantra sarà 'anche meno'. Sono invidiata perché a settant'anni sono sommersa di proposte di lavoro, sono circondata da calore, ricevo continuamente dal pubblico testimonianze di affetto. La sfiga la metto in conto ma me ne frego: prego, vado in chiesa e scongiuro la iettatura". 

ma non le basterebbe agitarsi un po' meno? "Mi piacerebbe molto lavorare in tranquillità - risponde Mara - ma questo mestiere è impegnativo e io sono maniacale, vorrei che filasse tutto liscio e così tendo a trascurare me". Insomma, dopo tredici anni di Domenica In, la 71enne fa ancora "fatica a delegare". Impossibile cambiare: "Sono una anarchica, vivo come dico io". 

Sul perché andare ugualmente in onda, Mara riconduce agli affetti più cari. "Perché ho pensato a Nicola - spiega  - che non vedendomi in studio si sarebbe preoccupato. Idem mia figlia e mio figlio. Ero in uno stato confusionale, c'ho provato a fare l'intervista a Memo Remigi, ma non capivo nulla di quello che diceva". 

Mara Venier palpa il lato b di Alvise Rigo: "Io come il molestatore di Greta? Querelo"

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mara Venier spiega i reali motivi della caduta a "Domenica In"

Today è in caricamento