Martedì, 23 Luglio 2024
Vip

Cristiana Calone, figlia di Massimo Ranieri: "Dei soldi non mi importa. Quando è morta mia mamma ero da sola"

La figlia del cantante, riconosciuta solo molti anni dopo, ha scritto un libro nel quale racconta la sua storia e anche di quando sua padre la diffidò dall'usare il suo nome d'arte

Massimo Ranieri, nome d'arte di Giovanni Calone, ha una figlia, Cristiana Calone, nata nel 1970, quando Ranieri aveva 19 anni, nata dalla relazione con Franca Sbastiani, morta nel 2015 per un tumore. Cristiana è mamma di Massimo Claudio, 22 anni, e quindi il cantautore è nonno.

Cristiana Calone è stata riconosciuta solo molti anni dopo la sua nascita: prima alla fine degli anni '90 in tribunale e poi nel 2007 quando in tv decise di parlare di Cristiana che fino a quel momento era un segreto. Cristiana ha raccontato la sua storia in un libro "Riconosciuta" in cui parla di cosa ha significato per lei crescere senza un padre, ma sapendo benissimo chi fosse perché sua madre le ha sempre parlato di Massimo e ha sempre cantato le sue canzoni.

"Quando sono nata non c'era, non poteva mancarmi qualcosa che non ho mai vissuto. Non ricordo nulla di quel periodo. Poi quando sono cresciuta avrei desiderato avere anche un papà", ha raccontato al settimanale Chi. "Io lo chiamo Gianni, ricordo il nostro primo incontro, la sua vestaglia porpora con i ricami. Poi verso i dieci anni, sentendo mia mamma cantare le sue canzoni, sentendola parlare con la sorella al telefono, ho capito bene chi fosse papà".

"Ero famoso e avevo 19 anni. Mi hanno trascinato via da questa storia dicendomi che era un danno alla mia immagine. L’unico alibi che ho è che ero inesperto", raccontò a Domenica Live Massimo Ranieri.

La diffida da usare il cognome d'arte del padre

Anche lei è una cantante, ha pubblicato un singolo, She's mine, e come tutti i cantanti sogna Sanremo. La madre sognava di "vedermi duettare con papà. A me piace la musica che fa lui e mi piacerebbe anche cantare in napoletano". Qualche anno organizzò delle serate e scelse come nome quello di Cristiana Ranieri, ma gli avvocati di suo padre la diffidarono: "È vero, è andata così. Ma oggi mi sono riconosciuta come artista, non ho bisogno di usare il nome di mio padre perché Massimo Ranieri è solo lui, io sono un'altra persona. Adesso il suo cognome ce l'ho nel cuore, non mi serve sul palco".

Cristiana Calone: "Non ho mai chiesto niente, non elemosino aiuto"

"Mi disse che fu una storia bellissima e non conta quanto sia durata, Si vedevano di nascosto e questo rendeva la cosa ancora più emozionante". Poi arrivò il momento inaspettato, quello delle presentazioni ufficiali al grande pubblico, in diretta tv. "Evidentemente per lui erano i tempi giusti - ha spiegato Cristiana -, per me conta quello che ha fatto. È sempre stato un uomo riservato che, in quell'occasione, ha compiuto un gesto importante, mettendosi in gioco come non aveva mai fatto. Mi ha invitata a vedere il programma senza anticiparmi, che, poi,  a un certo punto avrebbe detto: 'Vi presento mia figlia'. Ancora oggi non trovo le parole per descrivere quella emozione".

"Fino al 2007 ero la figlia di Giovanni Calone solo sulla carta d'identità, poi lo sono diventata a tutti gli effetti. Con gli alti e bassi che ci possono essere fra un genitore e un figlio". "Ho accettato mio padre per come è, non si può cambiare", la paura che lui potesse pensare che lei si fosse avvicinata solo per un tornaconto economico c'è stata: "Una persona agiata pensa sempre che di mezzo ci siano i soldi. Ma a me dei soldi non è mai fregato niente, non ho fatto certo la vita della figlia di papà. Ho passato momenti duri, ho fatto di tutto, dalla cameriera alla cubista, dalla donna delle pulizie alla segretaria".

Nel 2015 è morta sua madre e in quel momento il cantante non era con lei: "Ha fatto una scelta diversa, ha vissuto il proprio dolore in maniera riservata"; "Non ho mai chiesto niente, non elemosino aiuto, io chiedo solo a Dio e a Papa Giovanni Paolo II" ha concluso Calone.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cristiana Calone, figlia di Massimo Ranieri: "Dei soldi non mi importa. Quando è morta mia mamma ero da sola"
Today è in caricamento