Sabato, 13 Luglio 2024
Parola alla legale

Quando Morgan a Ballando parlò di Schiatti. L'avvocato della cantante: "Rai portatrice di un messaggio sbagliato"

Le parole di Maria Nirta: "Abbiamo contattato la tv di Stato e non abbiamo mai avuto risposta"

In quattro anni Angelica Schiatti ha subito molto, ha denunciato ma non ha ottenuto nulla se non maggiore paura. Ha anche 'dovuto' ascoltare Morgan parlare di lei a Ballando con le stelle". A raccontarlo è la sua legale, Maria Nirta a MowMag. "Quando lei si è trasferita a Bologna, lui ha preso una casa vicino alla sua, per 'tenerla d'occhio'. Poi tutti quei messaggi a ripetizione, a volte 'romantici', più spesso minacciosi, a raffica, le arrivavano di giorno, di notte, in ogni momento. E questo incubo ha avuto inizio durante la pandemia, in una fase che è stata di grande isolamento per tutti. Ci sono state tante occasioni in cui io e la mia assistita abbiamo dovuto mandare giù rospi davvero indigesti. Anche in tv".

Calcutta, la fidanzata perseguitata da Morgan: "Fatti atroci, la nostra vita cambiata"

Morgan a Ballando cos'ha detto

Morgan è stato concorrente di Ballando nel 2021 e dal palco del programma ha parlato di "ghosting" (ovvero chiudere una frequentazione/relazione sparendo e senza dare alcuna spiegazione). "Vederlo concorrente a 'Ballando con le Stelle' è stato pesante perché continuava a farneticare della 'violenza del ghosting', facendo passare Angelica per carnefice", ha spiegato Morgan, "Voleva che il ghosting diventasse reato. Quando ciò che richiedeva, che pretendeva lui dalla mia assistita con toni violentissimi era quel famigerato 'ultimo appuntamento' a cui si consiglia sempre fermamente di non andare, per ovvi motivi".

"La Rai, il Servizio Pubblico, si è fatta portatrice di questo messaggio totalmente sbagliato, come se fosse Morgan a essere in qualche modo la vittima", ha dichiarato ancora, "Poi però, in Rai, tutti a mostrare il fiocchetto rosso nella giornata contro la violenza sulle donne, eh? Sa qual è la cosa che mi spiace di più? Una volta saputo della sua partecipazione, abbiamo subito contattato Rai 1 per chiedere di non dargli modo di parlare di questa storia, vista anche la causa processuale in corso. Non abbiamo mai ottenuto risposta. Con Sky, invece, è stato diverso: da X Factor ci hanno ascoltati e rassicurati. Poi, certo, lui è noto per essere difficile da gestire, ma ho sentito molto impegno da parte loro".

Le parole di Morgan a Ballando: "Dobbiamo capire il dolore di quando una persona viene lasciata. Quando veniva a mancare una persona ero il nulla. Oggi il ghosting vuol dire che non esistono parole e sguardi, che si fanno i blocchi e che si impedisce alla persona di esprimere la parola. Le ripercussioni sono danni fisici. Il ghosting fa mancare il fiato perché non puoi più parlare con quella persona, è una goccia che ti scava. Quando si dice ti amo, anche se non lo si prova più, non bisogna dimenticare quello che si è provato, non bisogna buttare tutto nella pattumiera, l’uso di questo amore è avere rispetto della persona a cui si è detto ti amo".

"In un mondo pieno di Morgan siate Calcutta". Beatrice Quinta (X-Factor): "Dietro le quinte tutti sanno di tutti" 

La reazione all'articolo di Lucarelli

"Non era concordata, non so come Selvaggia Lucarelli, comunque una bravissima giornalista, abbia avuto quegli screen e ottenuto così tante informazioni sul caso. Le udienze, però, sono pubbliche. Ci aspettavamo che prima o poi sarebbe uscito qualcosa", ha spiegato in merito all'articolo che è stato pubblicato sul Fatto Quotidiano. "Avremmo preferito proseguire sulla strada della riservatezza che abbiamo seguito sempre negli ultimi quattro anni, ovverosia dall'inizio della vicenda. Non so se ci abbia fatto un favore o meno a pubblicare ciò che ha pubblicato. Di certo le lungaggini della causa in corso sono inspiegabili e fanno indignare. Magari il fatto che ora la questione sia di dominio pubblico, potrà aiutarci".

"I due uomini assoldati da Castoldi avrebbero dovuto picchiare Calcutta e rapire Angelica"

Oltre a messaggi, anche veri atti persecutori: "Castoldi postava su Instagram continui sfoghi verso la mia assistita, proprio nel feed oltre che nelle storie. Spesso, richiedeva 'aiuto' ai propri follower. Così, è entrato in contatto con questi due uomini siciliani, uno già con precedenti penali, l'altro tossicodipendente con svariati TSO alle spalle. Avrebbero dovuto picchiare Calcutta e rapire Angelica, portandola a casa di Morgan perché lui aveva 'bisogno di svuotarsi le palle'". Non è stato soltanto un pensiero, è passato all'azione. Nel corso delle indagini, sono stati sequestrati per controlli tutti i dispositivi elettronici delle parti accusate. Sul telefono di uno dei due scagnozzi c'era una foto di loro due a casa di Castoldi, mentre lui stava contando dei soldi. Gliel'avrà scattata per tenerlo sotto scacco. Ma alla fine questi due a Bologna, sotto casa di Edoardo (Calcutta) e Angelica ci sono andati veramente. Non li hanno trovati solo perché, per fortuna, erano usciti due minuti prima".

Cosa rischia Morgan

Il cantautore rischia circa due anni di carcere. Chiaramente dipende dai magistrati", ha sottolineato la legale, "Quello che posso dire è che la condanna per stalking comporta un anno e sei e mese di carcere. Lui ha già dei precedenti, quindi non dovrebbe riuscire a scamparla, in caso appunto di condanna. Poi c'è l'aggiunta di un terzo della pena perché si tratta di reati commessi contro una persona con cui l'imputato ha avuto una relazione affettiva, vale come aggravante".

Lucarelli racconta il processo a Morgan per stalking: la denuncia, i messaggi, la ex Angelica Schiatti

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Quando Morgan a Ballando parlò di Schiatti. L'avvocato della cantante: "Rai portatrice di un messaggio sbagliato"
Today è in caricamento