rotate-mobile
Lunedì, 26 Settembre 2022
Vip

Piero Angela, il cordoglio da Mattarella a Baudo per la morte del grande giornalista

La morte di Piero Angela ha sconvolto l'Italia e sono molti i messaggi di colleghi, amici e politici che lo hanno voluto porgere il loro ultimo saluto.

La morte di Piero Angela ha sconvolto l'Italia e non solo. Dedito al lavoro di giornalista e divulgatore scientifico da 70 anni, ha accompagnato milioni di spettatori alla scoperta delle meraviglie del mondo. Appassionato e curioso, il suo approccio scientifico è sempre stato sinonimo di concretezza e affidabilità. Una perdita enorme e che lascia un segno profondo nel cuore di chi lo amava e lo seguiva.

Sui social, e non solo, sono centinaia e centinaia i messaggi di cordiglio, uno su tutti quello del presidente della Repubblica Sergio Mattarella: "Provo grande dolore per la morte di Piero Angela, intellettuale raffinato, giornalista e scrittore che ha segnato in misura indimenticabile la storia della televisione in Italia, avvicinando fasce sempre più ampie di pubblico al mondo della cultura e della scienza, promuovendone la diffusione in modo autorevole e coinvolgente". Il ricordo del presidente si conclude con un pensiero rivolto alla famiglia in cui sottolinea quanto Angela sia stato importante per la Repubblica: "Esprimo le mie condoglianze più sentite e la mia vicinanza alla sua famiglia, sottolineando che scompare un grande italiano cui la Repubblica è riconoscente". Nel 2021 Mattarella aveva nominato Angela Cavaliere della Gran Croce.

Piero Angela e la lotta alla malattia, tenuta riservata fino all'ultimo

Il cordoglio della politica

"L’Italia è profondamente grata a Piero Angela - lo afferma il presidente del Consiglio, Mario Draghi - È stato maestro della divulgazione scientifica, capace di entrare nelle case di generazioni di italiani con intelligenza, garbo, simpatia. Le sue trasmissioni e i suoi saggi hanno reso la scienza e il metodo scientifico chiari e fruibili da tutti. Il suo impegno civile contro le pseudoscienze è stato un presidio fondamentale per il bene comune, ha reso l’Italia un Paese migliore. Piero Angela è stato un grande italiano, capace di unire il Paese come pochi. Ai suoi cari, le condoglianze del Governo e mie personali".

“Un grande divulgatore, un uomo di scienza e di cultura che, sfruttando le possibilità del servizio pubblico televisivo, ha permesso a intere generazioni di italiani di avvicinarsi alla scienza e comprenderne i segreti. Un grande italiano, un uomo elegante e rigoroso capace di trasmettere il piacere della scoperta e della conoscenza. Mi stringo al dolore del figlio Alberto e di tutta la famiglia in questa triste giornata", così lo ricorda il ministro della Cultura, Dario Franceschini.

Il ministro dell’Università e della ricerca, Maria Cristina Messa, commenta così la scomparsa di Piero Angela ed esprime cordoglio alla famiglia Angela: "Piero Angela ha dimostrato e insegnato per anni l’importanza e la bellezza di avvicinare tutti, piccoli e adulti, esperti e meno, alla scienza, alla ricerca e ai suoi risultati, con un linguaggio alla portata di chiunque. Una eredità di cui dobbiamo fare tesoro e continuare, quotidianamente, ad alimentare".

"Piero Angela ha saputo affascinare e avvicinare alla storia, alle scienze, all'arte intere generazioni - afferma Romano Prodi - Oggi perdiamo un uomo di grande cultura che ha saputo raggiungere davvero tutti grazie alle sue straordinarie e uniche capacità comunicative. Il mio pensiero va alla sua famiglia e a tutti coloro che gli sono stati amici".

"La scomparsa di Piero Angela è una perdita immensa. È stato per tutti un esempio di profondità, professionalità, umanità e competenza, riuscendo a portare la scienza e la divulgazione scientifica nella nostra società e nelle case di tutti. È fondamentale impegnarsi affinché il suo esempio continui ad illuminare le nuove generazioni". Così il ministro della Transizione ecologica Roberto Cingolani.

Piero Angela, la lettera d'addio al pubblico: "Mi spiace lasciarvi dopo 70 anni insieme"

"Ricordo una giornata straordinaria a Cesenatico, qualche anno fa, in cui Piero Angela parlava agli studenti della Scuola di politiche. Non ho mai visto gli studenti così, ad ad ascoltare ogni cosa che diceva. Credo che il nostro Paese è molto più povero da oggi - ricorda Enrico Letta  - Quello che lui ha fatto e raccontato, il suo sforzo di persona partita da un percorso giornalistico e poi diventato straordinario racconto di un'Italia di cui siamo tutti orgogliosi, la sua capacità di renderlo traducibile per tutti, di entrare nelle case di ognuno e di far scattare una scintilla", ha detto il segretario del Pd. "La memoria di Piero Angela ci deve dare molta forza per quello che dobbiamo fare, quel lavoro straordinario sui fatti e per renderli i grado di trasformare la realtà delle persone", ha aggiunto.

Su Facebook Giorgia Meloni, presidente di Fratelli d'Italia ha scritto: "Profondo dolore e sincera commozione per la perdita di uno dei più famosi divulgatori scientifici che l'Italia abbia mai avuto. Riposa in pace, Piero Angela". Luigi Di Maio, capo politico di Impegno Civico ha scritto: "La notizia, appena arrivata, della morte di Piero Angela è di una tristezza infinita. Un personaggio dal volto profondamente umano, che ci ha accompagnato in tutti questi anni arricchendo le nostre conoscenze di orizzonti sempre nuovi. Massima vicinanza alla famiglia e ai suoi cari".

Anche Matteo Renzi rivolge un ultimo saluto a Angela, scrivendo su Twitter: "Dolore per la notizia, gratitudine per tutto ciò che ci ha insegnato. E per come l'ha fatto. Che la terra gli sia lieve #PieroAngela".

“Con la scomparsa di Piero Angela la televisione e il mondo della cultura perdono un grande divulgatore, capace di dare vita a quella che poi è diventata una vera e propria scuola documentaristica. Innamorato della scienza, lungimirante, ha saputo superare la rigida divisione tra sapere accademico e popolare, bypassando le accademie e entrando direttamente nelle case della gente, aprendo così a tutti l’accesso al sapere e introducendo un linguaggio approfondito, comprensibile e mai saccente. La sua sobrietà e la sua ironia, unite ad una signorilità d’animo lo renderanno per sempre un modello di conduzione e divulgazione”. Con queste parole il Presidente della Regione Veneto Luca Zaia esprime il proprio cordoglio per la scomparsa. “Ai suoi familiari vanno le mie condoglianze, per una perdita che coinvolge come poche altre la nostra storia e la memoria collettiva”, conclude il Presidente.

Piero Angela e la moglie: una storia d'amore lunga 65 anni, senza mai essersi detti "ti amo"

“Una giornata tristissima per tutti gli italiani. Se ne è andato un gigante: Piero Angela. Per decenni è entrato nelle nostre case, aiutandoci a conoscere e capire. Uno stile inconfondibile, che rendeva semplice e affascinante la storia, così come la scienza e la conoscenza del mondo. Con lui avevamo collaborato nel bellissimo e geniale progetto delle Domus Romane di Palazzo Valentini, sede della Provincia di Roma, e, anche nella vita, colpiva sempre per il suo incredibile mix di cultura e semplicità”. Lo scrive su Instagram, il Presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti.

"Dobbiamo tutti tantissimo a Piero Angela. Se ne va un uomo che ha messo sempre l'amore per la conoscenza e la sua divulgazione al primo posto. Ha fatto tanto per il suo Paese, per i nostri ragazzi. Davvero grazie e un forte abbraccio alla sua famiglia". Lo scrive su Twitter il ministro dell'Istruzione, Patrizio Bianchi.

"Con Piero Angela se ne va un pezzo della televisione simbolo della divulgazione scientifica al grande pubblico. Fu anche cronista di guerra e bravissimo conduttore giornalistico. La Rai gli dedichi uno speciale. Condoglianze alla famiglia e ad Alberto che, con professionalità, saprà portare avanti, con lo stesso stile, questo importante impegno di divulgazione scientifica". Così in una nota il responsabile Cultura e Innovazione di Fratelli d'Italia, commissario di Vigilanza Rai, deputato Federico Mollicone.

L'ultimo saluto della Rai a Piero Angela: questa sera in tv SuperQuark

Il mondo dello spettacolo dice addio a Piero Angela

Ovviamente anche il mondo dello spettacolo, e della televisione in particolare, ha porto il suo ultimo saluto a Piero Angela. Sui social si sono susseguiti, ad esempio, i messaggi di Fabio Fazio che scrive: "Questa è una di quelle notizie che non vorremmo mai ricevere. Mancherà a tutti noi la sua intelligenza, la sua passione e per quel mi riguarda la sua cortesia. Piero Angela è parte della storia di tutti noi e da oggi tutti siamo più soli".

E ancora Simona Ventura: "Con Piero Angela se ne va un pezzo di storia della Rai radiotelevisione italiana. Un grandissimo dispiacere. Grazie grande Maestro". "Riposa in Pace caro Piero Angela, un uomo che ha sempre avuto tutta la mia stima e ammirazione, un italiano di cui sarò fiera per sempre. Condoglianze a tutta la famiglia con sincero affetto", ha scritto Laura Pausini.

Immancabile l'ultimo saluto di Pippo Baudo che ha chiesto anche che sia adeguatamente ricordato, come speficia all'AdnKronos: "L'Italia deve molto a Piero Angela, ogni italiano gli deve qualcosa, per aver imparato qualcosa da lui. Ad ognuno di noi ha spiegato qualcosa. Dobbiamo ricordarlo con grande gratitudine e dalla Rai mi aspetto un gesto concreto per onorare la sua memoria. Mi aspetto che gli venga intitolato un pezzetto di Rai, perché lui davvero ha incarnato il servizio pubblico nella sua accezione più pura". 

Particolarmente commovente il ricordo di Corrado Augias all'AdnKronos: "Ancora poche settimane fa a viale Mazzini mi parlava dei suoi futuri progetti. Questo è il segreto: ad ogni età, dai 18 anni ai 100, guardare sempre avanti, pensare sempre a quello che si può fare e mai guardare indietro con rimpianto, con nostalgia o con soddisfazione. Questo era il suo segreto, il segreto della sua vitalità".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Piero Angela, il cordoglio da Mattarella a Baudo per la morte del grande giornalista

Today è in caricamento