Giovedì, 28 Gennaio 2021
a cuore aperto

Raoul Bova: "Negli ultimi due anni ho toccato il fondo"

La morte dei genitori ha fatto sprofondare l'attore, che giorno dopo giorno ha trovato la forza per rialzarsi grazie ai figli e al lavoro

Raoul Bova, foto @Instagram

Gli ultimi due anni sono stati difficili per Raoul Bova. La morte ravvicinata dei genitori lo ha fatto sprofondare in un abisso di dolore, come racconta in un'intervista al Corriere della Sera. "Ho toccato il fondo e la sfida è stata non naufragare".

A gennaio del 2018 è morto il padre, nel 2019 la mamma Rosa, a cui era legatissimo. "Ho perso i miei genitori in poco tempo: devi fare i conti con le tue fragilità" spiega, aggiungendo: "La mia debolezza si è rivelata la mia forza". L'attore - protagonista della serie 'Made in Italy', in onda su Canale 5 da mercoledì 13 gennaio - si è rialzato giorno dopo giorno, ritrovando la forza in se stesso: "Ho dovuto trovare il coraggio per andare avanti. La debolezza psicologica aveva coinciso con quella fisica: negli stessi giorni in cui moriva mia mamma mi ero fratturato due ossa della gamba. Sentivo sprofondare le mie certezze. Ma la pandemia mi ha fatto capire che non ero solo. Mi ha spinto alla rinascita".

Raoul Bova: "Dovevo fermare il dolore, per me e per i miei figli"

Una rinascita avvenuta grazie ai figli (ne ha 4, 2 avuti dall'ex moglie Chiara Giordano e le 2 più piccole nate dalla relazione con Rocio Munoz Morales) ma anche al suo lavoro. Da quel momento di profondo dolore è nato anche un libro, 'Le regole dell'acqua': "Aprire il mio cuore mi ha fatto bene - spiega ancora - Dovevo fermare il dolore che dilagava, lo dovevo fare per me e per le persone che amo, per i miei figli". L'acqua, il suo "primo amore", da ex nuotatore, e proprio l'incontro con un altro nuotatore lo ha aiutato a riemergere: "Sono ripartito da lì. E lì ho incontrato Manuel Bortuzzo (il giovane campione rimasto ferito in una sparatoria e costretto sulla sedia a rotelle). Ho messo a confronto il mio dolore con il suo: ci siamo dati energia. Mi mancava tanto mio padre ma vedevo il suo, che ha lasciato tutto per stare vicino al figlio. Il loro rapporto mi emozionava. Grazie a lui ho ripreso ad allenarmi e, da ex sportivo, ho pensato a una staffetta per battere un record mondiale". 

Raoul Bova risponde alle critiche sul dimagrimento: "Feriscono, ci sono momenti in cui si è più deboli"

A ottobre, sul red carpet della Festa del Cinema di Roma, Raoul Bova era apparso molto dimagrito, attirando preoccupazione ma anche critiche. Oggi risponde anche a quelle: "Ci sono momenti in cui si è più forti e altri più deboli e le critiche feriscono. Ero aumentato di peso per un ruolo. Ora sono tornato come prima ma per me ha sempre contato il lavoro e su questo sono stato sempre molto autocritico, limitandomi anche un po'. Per me il tema non è mai stato: bellezza — non bellezza. Per me si tratta di: impegno — non impegno. La bellezza è quello che riesci a esprimere".

Rocio Morales, la foto inedita con Raoul Bova durante il parto della figlia: "La parte migliore di me"

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Raoul Bova: "Negli ultimi due anni ho toccato il fondo"

Today è in caricamento