rotate-mobile
Giovedì, 13 Giugno 2024
Parola di biografo reale

Parla il biografo reale: "Re Carlo ama Harry, ma ora è malato". Poi le rivelazioni su Kate

Il libro del giornalista Robert Hardman uscirà il 4 giugno e parlerà della royal family, compresi Harry e Meghan

Il 4 giugno esce, in Italia, il nuovo libro del giornalista e biografo reale Robert Hardman, "Carlo III il nuovo re. Storia confidenziale della nuova corte d’Inghilterra", edito da Rizzoli. L'opera inizia dalle ultime ore di vita della regina Elisabetta con conseguente inizio del regno di suo figlio che per la prima volta viene chiamato "Maestà".

"Il re ama Harry, qualsiasi stress potrebbe causargli un grosso danno"

A Vanity Fair Hardman ha svelato, sommariamente, cosa si potrà leggere nelle 456 pagine a partire dell'occasione persa tra il re e Harry di rincontrarsi in occasione del decimo anniversario degli Invictus Games. "Penso - ha commentato il biografo reale - che sia l’ennesimo esempio della distanza che si è creata tra il principe Harry e la famiglia. Se Carlo volesse sedersi e chiacchierare con suo figlio, lo farebbe senza problemi. Il re ama Harry, ma oggi è malato: è una persona più vulnerabile e qualsiasi stress potrebbe causargli un grosso danno". "Senza contare - ha aggiunto - che c’è il rischio di vedere, magari fra sei mesi, le proprie conversazioni stampate su un libro o spiattellate in una serie. Credo comunque che il re voglia riconciliarsi con suo figlio. Come succede anche nelle nostre famiglie, un conflitto può risolversi se entrambe le parti rinunciano a qualche convinzione sull’altro".

Nella storia travagliata tra Harry, Meghan e tutta la famiglia reale, per Hardman "l'episodio più forte" e dunque più significativo per la rottura è stata "l'intervista che i duchi di Sussex hanno rilasciato a Oprah Winfrey", "perché è stato il loro primo atto del tradimento della fiducia, e ha causato un enorme dolore alla Royal Family. Penso che i duchi di Sussex non si siano resi perfettamente conto della portata delle loro parole e della ferita che hanno causato con le loro dichiarazioni. Hanno lanciato delle accuse di razzismo contro la Royal Family senza svelare i nomi dei responsabili". Il giornalista ricorda un dettaglio importante: "Meghan raccontò a Oprah, all’inizio dell’intervista, che qualcuno aveva fatto dei commenti a Harry riguardo al colore della pelle del bambino mentre lei era incinta, sebbene Meghan non fosse presente alla conversazione. Poi, 40 minuti dopo, quando Harry è comparso nell’intervista, ha chiarito che quella conversazione era avvenuta all’inizio della loro relazione, anni prima. Per questo le due versioni non combaciano".

Come sta Kate Middleton

"C'è molta preoccupazione. Tutti vogliono che si riprenda, ma nessuno sa veramente come stia né lo sapremo mai per una questione di privacy. I social - ha spiegato il biografo - continueranno a produrre la loro narrazione folle dei fatti con teorie cospirative fuori controllo ma, al momento, le uniche cose certe che sappiamo della principessa del Galles sono quelle che ha dichiarato lei stessa nel suo ultimo videomessaggio di marzo, rilasciato proprio per annunciare il prolungamento della sua assenza dalla scena reale. Sappiamo che sta facendo le cure e si dice che stia migliorando. Catherine chiaramente sperava di tornare alla sua vita normale e ai suoi doveri pubblici, ma così non è stato. Potrebbe apparire sul balcone di Buckingham Palace come in un negozio qualsiasi del Regno Unito. Noi comunque non lo sapremo mai in anticipo e dobbiamo accettarlo".

"Kate non tornerà agli impegni pubblici". Preoccupano le condizioni della principessa 

Re Carlo e la regina Camilla un rapporto fondato sulla "felicità"

"Senza di lei re Carlo non sarebbe il re che vediamo oggi", ha affermato Hardman. Parole che vanno a sottolineare il profondo legame che unisce i due regnanti. "La regina Camilla è molto simile al principe Filippo, come spiego nel libro. Qual è la sua forza? Beh, lei rende felice il re. È una persona molto equilibrata e spiritosa. Ha un grande senso dell'umorismo. Chi regna ha un estremo bisogno di avere accanto a sé qualcuno di fidato con cui condividere gioie, risate ma anche preoccupazioni e dolori. L’ho incontrata molte volte e ho intervistato sua sorella per questo libro", ha aggiunto.

E in merito alla dichiarazione della regina Elisabetta, su Camilla regina consorte, ha spiegato che "fu molto importante e segue la tradizione. Era qualcosa che doveva essere chiarito. D’altra parte il marito della regina Elisabetta II e della regina Vittoria non furono re. Ma tutte le mogli dei re sono sempre state regine. Quindi perché questa regola non si sarebbe dovuta applicare anche a Camilla?". "Ai tempi del loro matrimonio, c'erano comprensibili preoccupazioni su come la gente avrebbe accettato un re divorziato che sposava una divorziata, perché, storicamente, era qualcosa che non era mai successo prima. Ma, sai, la vita va avanti. E la regina Elisabetta II - ha sottolineato - ha guardato oltre ben sapendo quanto fosse importante per un sovrano avere qualcuno vicino a sé, una roccia, su cui poter contare".

Il principe William, un "papà moderno"

"Ogni generazione di reali è diversa. Del principe William oggi emerge chiaramente la sua figura di papà moderno". Ed ecco che Hardman rivela piccoli dettagli, ma di grande impatto: "Gli piace molto portare i bambini a scuola. Gli piace cucinare. Adora il calcio e guardare la tv. Non è come suo padre Carlo, che potremmo definire un uomo del Rinascimento". "Re Carlo ama la musica (ha commissionato 12 brani per la sua incoronazione) ed è un grande esperto di giardinaggio e di Shakespeare. William invece è diverso", ha spiegato, "Lui si diverte quando gioca con i suoi figli, quando guarda un film o ascolta gli AC/DC o i Chemical Brothers. Ciò non toglie che stia prendendo il suo ruolo con grande serietà. Lui ha le idee molto chiare sul futuro della monarchia".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Parla il biografo reale: "Re Carlo ama Harry, ma ora è malato". Poi le rivelazioni su Kate

Today è in caricamento