Sabato, 10 Aprile 2021

Lo sfogo di Rocco Casalino: "Pettegolezzi strani su Di Maio e Conte solo perché io sono gay”

L’ex portavoce di Palazzo Chigi ospite a “Ciao Maschio”, il salotto televisivo di Nunzia De Girolamo. Anche opposizioni e "alcuni giornali mi hanno preso in giro solo per alcuni miei atteggiamenti o comportamenti che in verità sono tali solo perché sono gay”, racconta

Prosegue il giro delle trasmissioni tv di Rocco Casalino per raccontarsi, dopo anni di silenzio e vita dietro le quinte. Ospite del salotto televisivo di “Ciao maschio”, in onda in seconda serata su Rai1, l’ex portavoce di Palazzo Chigi ha risposto alle domande della conduttrice Nunzia De Girolamo, parlando del suo rapporto con l’ex presidente del Consiglio Giuseppe Conte, ma non solo. Domande specifiche hanno riguardato la politica, ma anche retroscena e polemiche.

"Su Luigi Di Maio e Giuseppe Conte alcuni giornali hanno fatto uscire retroscena e pettegolezzi strani, nonché totalmente falsi, solo perché io ero gay ed ero il loro portavoce. Anche quella è omofobia”, ha detto Rocco Casalino. “Anche a Palazzo Chigi le opposizioni, Meloni e Salvini, ma anche Renzi, hanno sempre cercato di denigrarmi ed insultarmi”, ha spiegato l’ex portavoce, “così come, alcuni giornali mi hanno preso in giro solo per alcuni miei atteggiamenti o comportamenti che in verità sono tali solo perché sono gay. Venivano mascherate come prese in giro, ma sono in verità atteggiamenti omofobici”. 

Rocco Casalino a "Ciao Maschio" ammette: "Piangevo per Conte e l'ingiustizia che ha subito"

Giuseppe Conte, ha detto Casalino, “è una persona unica, ha una dote per cui ti arriva al cuore. A volte mi fa uno sguardo e mi arriva al cuore. È uscito da palazzo Chigi con dignità ed applausi". A una domanda specifica di Nunzia De Girolamo sulle lacrime in occasione della cerimonia di congedo dell’ex premier da Palazzo Chigi, Casalino ha ammesso: "Certamente, piangevo per Conte e per l'ingiustizia che ha subito. Lavorare con lui è crescere ed imparare sempre qualcosa".

OItre alla politica, l’intervista ha toccato anche questioni più personali e intimi. 

"Il tema dell'utero in affitto è un tema che mette in difficoltà anche me, lo ammetto”, ha detto Casalino. Prendere in affitto un utero con l'ovulo di un'altra che viene poi inseminato dal mio seme. Però c'è anche il tema della sterilità, le coppie sterili che non possono avere figli, oltre all'adozione magari uno dei due vorrebbe avere un figlio geneticamente suo. Insomma, è un temo complesso e difficile”, ha detto Casalino. 

"Il portavoce": Rocco Casalino si racconta nella sua autobiografia 

La polemica per le dichiarazioni di Casalino su Salvini, Meloni e Renzi

Le anticipazioni dell’intervista a Rocco Casalino, con i riferimenti a Salvini, Meloni e Renzi, hanno già scatenato polemiche. Michele Anzaldi, segretario della Commissione di Vigilanza Rai e deputato di Italia Viva, ha diffuso una nota molto dura: “Se le anticipazioni della trasmissione di Nunzia De Girolamo su Rai1 rispondono al vero se davvero il portavoce di Conte Rocco Casalino staserà potrà senza contraddittorio e senza alcun ruolo ufficiale attaccare e addirittura diffamare Renzi, Salvini e Meloni (che, secondo Casalino, lo hanno denigrato, ndr) da una trasmissione del servizio pubblico, dopo due settimane di monologhi a reti unificate contro leader cui non è stata data nessuna possibilità di difendersi in diretta, l’amministratore delegato Salini dovrebbe dimettersi subito”. 

"Che c’entra questa propaganda - ha aggiunto Anzaldi - con una trasmissione che, per le evidenti implicazioni di potenziali conflitti di interessi, di tutto si dovrebbe occupare ad eccezione della politica e in particolare della sorte del Governo Conte? A che titolo a Casalino, che non riveste alcun ruolo ufficiale, viene consentito di calunniare segretari di partito da una rete del servizio pubblico?".

Immediata la replica di Nunzia De Girolamo, interpellata dall'Adnkronos. "A 'Ciao Maschio', come ho detto anche in altre occasioni, non si parla di politica. Piuttosto il filo rosso, relativo alla presenza dei politici nel programma è scoprire il lato più umano e privato di quest’ultimi - ha replicato - È evidente che, se ad un ospite viene posta una domanda personale come nel caso di specie legata alla sua omosessualità, io non posso censurare la risposta".

"Sono le regole della democrazia, anche quando si dicono cose che potremmo non condividere. Sono queste le regole del gioco democratico che, per fortuna, determinano il nostro Paese - ha evidenziato la conduttrice - Del resto sono state applicate le stesse regole dapprima con il sindaco De Magistris, poi con Guido Crosetto durante la seconda puntata, ed anche stavolta con Rocco Casalino nella puntata che andrà in onda stasera su Rai1. In ogni caso consiglio all'onorevole Anzaldi di guardare la puntata prima di giudicare".

“Ciao Maschio”, gli ospiti della puntata di sabato 27 febbraio

I tre ospiti del salotto di Nunzia De Girolamo questa sera sono, oltre a Rocco Casalino, lo psichiatra, scrittore e saggista Paolo Crepet e Maurizio Casagrande attore, sceneggiatore e regista. La chiave della puntata sarà nelle mani della conduttrice, unica donna ammessa a varcare la soglia dello studio. Immancabile, poi, la presenza di Drusilla Foer che, come sempre in maniera provocatoria e spiazzante, fornirà il proprio punto di vista su quanto appena ascoltato.

Continua a leggere le notizie su GossipToday

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lo sfogo di Rocco Casalino: "Pettegolezzi strani su Di Maio e Conte solo perché io sono gay”

Today è in caricamento