rotate-mobile
Sabato, 22 Gennaio 2022
raptus erotico

Serena Grandi, sesso con un ragazzo nel corridoio dell'hotel: "Passione incontrollabile"

L'attrice 63enne racconta la sua trasgressione più grande, consumata qualche anno fa a Capodanno

La passione non ha età. Lo insegna Serena Grandi, che in un'intervista a Chi racconta di un raptus erotico al quale si è abbandonata qualche anno fa e che oggi definisce la trasgressione più grande della sua vita.

L'attrice 63enne è corteggiatissima anche dai più giovani ed è proprio con uno di loro che ha ceduto: "Qualche anno fa ho fatto l'amore nei corridoi di un hotel con un ragazzo molto più giovane. Era un Capodanno. Eravamo a Positano. La passione era incontrollabile. Sotto c'era il mare e il mondo che festeggiava". Questa certamente la passione più trasgressiva, dunque, per la più travolgente invece bisogna andare ancora più indietro nel tempo: "Con Adriano Panatta. Abbiamo vissuto qualcosa di inenarrabile. Ci sono stata due anni". Se si parla d'amore, però, fa un solo nome: "L'ho provato solo per Giuseppe, il papà di Edoardo. Nonostante una certa sregolatezza, ci siamo divertiti come matti. Finì perché ero giovane, bella, ricca, intraprendente, piena di lavoro e lo vedevo poco presente come padre. Ho chiuso e ho preferito crescere Edoardo da sola". 

L'inchiesta sulla cocaina

Nell'intervista Serena Grandi ripercorre anche uno dei momenti più bui della sua vita, quando nel 2003 venne accusata di detenzione e spaccio di cocaina: "Avevo sì e no 45 anni e mio figlio Edoardo ne aveva appena 12. Dal giorno alla notte mi ritrovai coinvolta in qualcosa di molto più grande di me. Sono rimasta ai domiciliari per sei lunghissimi mesi. Poi sono stata prosciolta ancor prima dell'inizio del processo e, seppur molto dopo, risarcita". Un risarcimento che però non le ridarà mai indietro quel pezzo di vita: "Centomila euro dopo una macchina del fango di quel tipo? Un accanimento mediatico senza precedenti e senza alcun valido motivo - prosegue - Dai tg ai quotidiani venivo associata allo spaccio e ai 'balletti rosa'. La verità è che c'erano grandi nomi in quel giro, ma ne serviva uno di richiamo come il mio". In quegli anni l'attrice è stata malissimo, ma è riuscita comunque a trarne qualcosa di positivo: "Di quel periodo, nonostante la depressione e spiacevoli episodi come quando le forze dell'ordine vennero a perquisire la mia abitazione mettendo a soqquadro tutto, ho un bel ricordo: il tempo con Edoardo e con mia madre. Me li sono goduti come non mai tanto che, una volta risarcita, ci siamo trasferiti da lei a Rimini". 

Serena Grandi: "Il mio corpo è martoriato dalla chirurgia"

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Serena Grandi, sesso con un ragazzo nel corridoio dell'hotel: "Passione incontrollabile"

Today è in caricamento