rotate-mobile
Sabato, 25 Maggio 2024
Vip

Terremoto in Turchia, il racconto di Malgioglio: "Il mio ex è sotto shock"

Il paroliere ha commentato la tragedia che è avvenuta nelle scorse ore in Turchia, paese in cui vive l'uomo a cui è stato legato per diverso tempo

"Appena ho sentito della tragedia che si è abbattuta sulla Turchia ho chiamato subito il mio ex compagno che vive ad Adana": così Cristiano Malgioglio ha commentato la tragedia che è avvenuta nelle scorse ore in Turchia, dove un potente terremoto ha colpito nella notte tra domenica e lunedì (alle 2.17 italiane) il Paese  meridionale e la Siria settentrionale. Il conduttore è stato a lungo legato a un uomo originario del paese e residente nella cittadina colpita dal sisma. Una persona che oggi definisce come "il mio amico del cuore", motivo per cui ha voluto subito assicurarsi che stesse bene. "Ero terrorizzato perché non rispondeva al telefono, poi per fortuna mi ha richiamato su whatsapp e mi ha detto che lui e la sua famiglia stanno bene. Ha detto che intorno a lui vede solo distruzione" ha raccontato il paroliere e conduttore tv. 

"Siamo stati assieme diversi anni e gli voglio molto bene - ha aggiunto ancora - mi ha detto che lui e la sua famiglia ora sono per strada al freddo e che hanno sentito un boato enorme. Ora intorno a lui vede solo morte e distruzione. È sotto choc e ancora gli gira la testa. Quello che ha passato è spaventoso, ha anche la nonna sulla sedia a rotelle. Per fortuna lui e la sua famiglia hanno una villetta perciò non si trovavano nei palazzi alti che sono crollati''. Malgioglio, che da sempre ama la Turchia, ha anche rivelato che era nei suoi programmi di tornarci in questo periodo: "Avevo già preso un biglietto per la Turchia, volevo partire dopo 'Tale e quale show' per stare lì una decina di giorni, si vede che il destino ha voluto il contrario", ha confidato: "Sono vicino al popolo turco, quello che stanno passando è spaventoso".

Terremoto in Turchia, il tragico bilancio 

Attualmente il bilancio del sisma che ha colpito la Turchia è di più di un migliaio di morti e centinaia di feriti, ma i numeri non fanno che aumentare. Secondo l'Usgs - l'United States Geological Survey - ci sarebbe il 47% di probabilità che le vittime siano tra mille e diecimila, il 20% che siano tra diecimila e 100mila e il 27% che siano tra 100 e mille. Le stime dell'Usgs si basano sui dati storici dei terremoti nella regione, sulla popolazione e sulla vulnerabilità delle strutture nelle zone più colpite. I danni potrebbero ammontare a cifre che oscillano tra un miliardo e dieci miliardi di dollari.
Con dieci province colpite, dalle pianure di Adana sulla costa mediterranea alle cime di 2.500 metri di Malatya, il terremoto di oggi non è solo uno dei più forti ma anche uno dei più grandi degli ultimi decenni.

Terremoto in Turchia e Siria, nuova fortissima scossa di magnitudo 7.5. I morti sono quasi 1.500

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Terremoto in Turchia, il racconto di Malgioglio: "Il mio ex è sotto shock"

Today è in caricamento