rotate-mobile
Giovedì, 11 Agosto 2022
a "verissimo"

"Mi sento in colpa per la sua morte": la confessione della moglie di Stefano D'Orazio

Ospite di Verissimo, la donna ricorda le ultime ore di vita del batterista dei Pooh, scomparso dopo aver contratto Covid

Tiziana Giardoni, moglie di Stefano D’Orazio, ospite domenica 21 novembre a Verissimo, parla della tragica morte di suo marito, scomparso un anno fa a causa del Covid. “Quando Stefano è scomparso sono morta insieme a lui” , dice la donna, che fino ad oggi si era chiusa nella riservatezza del silenzio, fatta eccezione per la polemica a proposito della mancata celebrazione dell'uomo al Festival di Sanremo

Tiziana ricorda il periodo della scomparsa del marito come uno dei più neri della sua vita. E fa una straziante confessione, rivelando alla conduttrice Toffanin di vivere i sensi di colpa nei confronti della scomparsa dell'uomo. “Mio papà, nell’ottobre 2020, aveva sconfitto il cancro dopo sei anni e voleva festeggiare a cena con le sue figlie - dice - Io ero un po’ restia ad andare per la pandemia ma Stefano mi convinse. Mai avrei pensato potesse succedere qualcosa, invece dopo un paio di giorni mia sorella iniziò ad accusare alcuni sintomi. Allora io e Stefano decidemmo di fare subito un tampone che risultò positivo”. Un virus incontrollabile che in poco tempo contagia tutta la sua famiglia. E prosegue: “Quel giorno ho smesso di vivere perché mi sono sentita in colpa. Non ci credevo, è stato tutto così terribile”.

Tiziana racconta poi di come la malattia ha portato via il batterista dei Pooh nel giro di pochissimi giorni: “Inizialmente non aveva nessun sintomo. Poi una notte gli è salita la febbre e ho chiamato l’ambulanza per evitare complicazioni, vista la sua condizione di salute non ottimale. Ho pregato i dottori di poter andare insieme a lui in ospedale perché io stessa ero positiva, ma non c’è stato modo di convincerli. Da quel momento in poi non l’ho più sentito e visto, neanche nella cassa da morto. Non meritava di morire in questo modo, è stata inaccettabile una situazione del genere”.

Tiziana Giardoni, vedova di Stefano d'Orazio: "Io davanti a Sanremo fino alle 2. Trattato come ultima ruota del carro" 

Un dramma familiare che purtroppo non ha risparmiato nemmeno suo padre: “Mio papà se n’è andato venti giorni dopo Stefano. Aveva 74 anni e stava bene. Ho perso gli uomini più importanti della mia vita. Adesso cerco di fare il più possibile per tramandare quello che di bello mi hanno lasciato”.

Sanremo e la polemica su Stefano D'Orazio

Dopo la morte di Stefano ad incendiare la scena è stata la polemica a proposito della mancata celebrazione dell'artista sul palco del Festival di Sanremo 2021: "Doveroso ricordare mio marito morto di coronavirus in una edizione segnata dalla pandemia". tuonò all'epoca. Gli omaggi all'ex Pooh, effettivamente previsti in scaletta, vennero tolti dalla programmazione a causa del ritardo accumulato dai conduttori. 

La storia tra Tiziana Giardoni e Stefano D'Orazio 

Stefano D'Orazio ha sposato Tiziana Giardoni ('Titti', come la chiamava lui) il 12 settembre del 2017, giorno del suo compleanno. Il batterista dei Pooh portò all'altare la storica compagna dopo ben 14 anni: "Ho sentito la voglia e il bisogno di mettere un sigillo all'amore che mi lega a Tiziana - dichiarò alla vigilia delle nozze - Mi sposo perché amo Tiziana e sposandola le garantisco anche sicurezze che oggi non posso garantire". La coppia non ha figli.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Mi sento in colpa per la sua morte": la confessione della moglie di Stefano D'Orazio

Today è in caricamento